Divi & serie tv: Tanti auguri a Laura Dern

0
300

Laura Elizabeth Dern, nata a Los Angeles nel 1967, compie oggi 52 anni. L’attrice statunitense in carriera è stata candidata due volte per il premio Oscar, ha vinto un Emmy (su sei nomination totali) e si è aggiudicata ben quattro Golden Globes (su sei candidature), risultando quindi una professionista molto versatile tra cinema e televisione.

La carriera cinematografica

L’attrice ha debuttato al cinema nel 1973, sebbene non accreditata, con McKlusky, metà uomo e metà odio. Fin da giovane è stata un’attrice feticcio del maestro David Lynch, prendendo parte a ben tre dei suoi film: Velluto blu (1986), Cuore selvaggio (1990) ed Inland Empire – L’impero della mente (2006). Nel 1991 recita in Rosa scompiglio e i suoi amanti, film di Martha Coolidge per il quale ha ricevuto la sua prima nomination all’Oscar come “Miglior attrice protagonista” ed anche al Golden Globe nella medesima categoria (Laura e sua madre Diane Ladd sono state la prima e unica coppia di madre e figlia ad essere state nominate all’Oscar per lo stesso film, Rosa scompiglio e i suoi amanti. In generale le due hanno recitato insieme in ben 5 film in cui interpretano realmente madre e figlia: Rosa scompiglio e i suoi amanti, Cuore selvaggio, La storia di Ruth, donna americana, Daddy and Them, McKlusky, metà uomo e metà odio). Il 1993 è l’anno in cui Steven Spielberg la vuole in uno dei suoi innumerevoli capolavori, Jurassic Park, uno dei film più importanti ai quali lavora la Dern (la quale parteciperà poi anche a Jurassic Park III nel 2001). Nello stesso anno recita anche in Un mondo perfetto di Clint Eastwood, nel 1999 è in Cielo d’ottobre di Joe Johston, nel 2000 in Il dottor T e le donne di Robert Altman, nel 2001 in Mi chiamo Sam, e nel 2004 in I giochi dei grandi. Altri, dei tanti, film a cui ha lavorato sono: Vi presento i nostri (Paul Weitz, 2010), The Master (Paul Thomas Anderson, 2012), Colpa delle stelle (Josh Boone, 2014), Wild (Jean-Marc Vallée, 2014; per il quale la Dern ottiene la seconda nomination all’Oscar stavolta come “Miglior attrice non protagonista”) e Star Wars: Gli ultimi Jedi (Rian Johnson, 2017).

La televisione: Premi a grappoli

Laura Dern ha lavorato molto anche per la televisione, alternandosi senza problemi con successo tra serie televisive, film tv e miniserie. Nel 1992 grazie al film tv Afterburn si aggiudica il suo primo Golden Globe come “Miglior attrice in una mini-serie o film per la televisione” (oltre che ricevere la sua prima candidatura ai premi Emmy). Nel 1993, a seguito di una comparsata in qualità di guest star nelle serie Fallen Angels, viene di nuovo candidata all’Emmy per “La miglior attrice ospite in una serie TV”. Stessa identica nomination riceve nel 1997 per la sua presenza in un episodio di Ellen. Nel 1999 viene candidata ai Golden Globes come “La miglior attrice in una mini-serie o film per la televisione” per The Baby Dance. Per il film tv di Jay Roach Recount del 2008 ha vinto il suo secondo Golden Globe come “Miglior attrice non protagonista” (oltre che ottenere la quarta nomination agli Emmy); per la serie Enlightened (da lei co-prodotta e co-sceneggiata) si è aggiudicata nel 2012 come “Miglior attrice” il terzo Golden Globe (e ricevuto la quinta nomination all’Emmy); ed infine, per l’acclamata serie ancora in corso Big Little Lies – Piccole grandi bugie, si è portata a casa sia il suo quarto Golden Globe (come “Miglior attrice non protagonista”) che finalmente il suo primo Emmy (nella medesima categoria, alla sesta nomination totale). Inoltre ha partecipato a 9 dei 18 episodi della serie cult di David Lynch Twin Peaks del 2017 (cronologicamente è la terza stagione, in pratica un revival).

Buon compleanno Laura!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here