Michael Clarke Duncan, attore statunitense deceduto il 3 settembre 2012 a Los Angeles, avrebbe compiuto oggi 61 anni. Apprezzato caratterista e gigante buono nato a Chicago, si spense ormai sei anni fa a 54 anni di età a causa delle conseguenze di un infarto del miocardio che lo colpì un mese e mezzo prima. Della classe del ’57, Duncan è stato un attore molto amato e benvoluto, abile nel ruolo di spalla e comprimario, e noto a tutti per il ruolo del gigante nero John Coffey ne Il miglio verde, parte per la quale venne candidao all’Oscar come “Miglior attore non protagonista”.

Il cinema: Da Il miglio verde alle grandi produzioni

Nonostante avesse la perfetta stazza del giocatore di football americano (196 centimetri di altezza per circa 150 kg di peso), il suo sogno era sin da piccolo quello di recitare a Hollywood. Proprio qui ebbe la fortuna di conoscere Will Smith il quale lo assunse inizialmente come bodyguard, salvo poi farlo lavorare con lui in un episodio di Willy, il principe di Bel-air. La dea bendata rimase al suo fianco in quanto addirittura Bruce Willis suggerì alla produzione de Il miglio verde (film tratto dal romanzo di Stephen King) l’idea di fare interpretare il ruolo di John Coffey a Duncan dopo avere letto il libro. Il regista Frank Darabont approvò ed il film del 1999, con protagonista Tom Hanks, fu un successone, considerato oggi un cult, e l’interpretazione valse a Duncan la nomination agli Oscar del 2000, divendendo il ruolo della sua vita, che gli regalò popolarità a livello globale.

Nel 1998 partecipò al roboante Armageddon – Giudizio finale di Michael Bay composto da un cast stellare (tra cui lo stesso Bruce Willis che lo conobbe in quell’occasione). Sempre con Willis lavorò nel 2000 in FBI: Protezione testimoni. Nel 2001 recitò prima in Il Re Scorpione con The Rock e poi in Planet of the Apes – Il pianeta delle scimmie, sfortunato reboot di Tim Burton della celebre saga scimmiesca. Nel 2003 interpretò il villain Kingpin nel film Daredevil con Ben Affleck. Nel 2005 partecipò a The Island di Michael Bay (che anche qui si avvalse di un cast all-star) e all’iconico Sin City di Frank Miller e Robert Rodriguez.

Il risolutore

Per quanto riguarda il piccolo schermo Duncan è stato guest star in alcune note serie televisive quali CSI: New York, Zack e Cody al Grand Hotel, Chuck, Due uomini e mezzo e Bones. Nel 2012 ha finalmente ottenuto un ruolo da co-protagonista nel poliziesco molto soft Il risolutore, spin-off proprio di Bones, il quale però venne cancellato dopo appena una stagione a causa dei bassi ascolti ottenuti.

Duncan resterà per sempre impresso nella memoria dei fan grazie ai suoi film nei quali ha messo tutta la sua genuinità, oltre che ad una distinta qualità recitativa.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here