Disfunzioni sessuali: 6 uomini su 10 ne hanno sofferto in quarantena

Calo della libido e disfunzioni sessuali, 6 uomini su 10 ne hanno sofferto in quarantena. Perche? Scopriamolo.

0
403
Disturbi sessuali

Purtroppo il Covid 19 ha influenzato la nostra vita da tanti punti di vista. Generando in maniera inevitabile in alcuni casi, disfunzioni sessuali, anche importanti. Perchè di fatto ha mutato le abitudini delle persone tra le lenzuola. Ma come ha inciso la pandemia sul sesso? Vediamolo.

Come la quarantena ha inciso sulle disfunzioni sessuali?

La quarantena ha obbligato a stare tutti a casa. E in molti casi, tanti sono stati costretti a stare sempre sotto lo stesso tetto, con la stessa persona. Moglie o compagna. In un intimità obbligata. Per certi versi. Dunque si è dilatato il tempo che si è trascorso tra le mura domestiche, con il partner. Ma è diminuito il tempo di libertà mentale dai pensieri. Dalle preoccupazioni. Quindi, questa forma di stress di questo periodo, ha generato un calo della libido. Che ha creato ulteriori difficoltà in chi già soffre di disturbi sessuali. Oppure ha esasperato disfunzioni già presenti.

Cosa dicono i dati

Uno studio condotto online nel 2020 dalla Società Italiana di Andrologia (SIA), ha fotografato in maniera chiara i cambiamenti che hanno interessato la sfera sessuale. Nel periodo di quarantena. Secondo Alessandro Palmieri, presidente SIA, e Professore di Urologia Università Federico II di Napoli molteplici sono stati i fattori che hanno influito sull’eros. A cominciare dall’ansia e dalla preoccupazione su ‘cosa accadrà’. Come pure la faticosa gestione della nuova vita per l’eccessiva vicinanza con il partner. O al contrario, per l’eccesso di distanza per le coppie non conviventi. I dati raccolti su un campione di 2692 persone da tutte le regioni, il 59% degli uomini nel periodo di quarantena, ha avuto disfunzioni sessuali. Mentre sono migliorate quando le restrizioni sono state allentate. Ma il 24% degli uomini ha confermato di avere ancora difficoltà sessuali.

Un aiuto da parte dei professionisti

Per evitare di assuefarci, dunque, ad una sessualità in molti casi poco soddisfacente, si può pensare di rivolgersi ad esperti sessuologi. Che possano aiutarci ad individuare le nostre specifiche difficoltà. Sia individuali che di coppia. Per ristrutturare le nostre convinzioni in ambito sessuale e goderci al meglio la sfera dell’intimità e della conoscenza del corpo proprio e dell’altro.


Leggi anche: Posizioni sessuali: la psicologia rivela la nostra personalità


Commenti