Dieta chetogentica: 10 condizioni di salute per cui può aiutare

0
225

Per trarre profitto da una Dieta chetogentica: alcuni cibi sono diventati incredibilmente noti. L’esplorazione precoce raccomanda che questa dieta ricca di grassi ed eccezionalmente povera di carboidrati potrebbe aiutare alcuni problemi medici.

Dieta chetogentica: 10 problemi medici che potrebbero aiutare

Fortunatamente, seguire una dieta chetogenica può migliorare molte caratteristiche della sindrome metabolica. I miglioramenti possono includere valori di colesterolo migliori, nonché riduzione della glicemia e della pressione sanguigna (10Trusted Source, 11Trusted Source, 12Trusted Source, 13Trusted Source, 14Trusted Source). In uno studio controllato di 12 settimane, le persone con sindrome metabolica che seguono una dieta chetogenica ipocalorica hanno perso il 14% del loro grasso corporeo. Hanno diminuito i trigliceridi di oltre il 50% e hanno sperimentato diversi altri miglioramenti nei marcatori di salute (14 Fonte attendibile).

Le diete chetogeniche

Possono ridurre l’obesità addominale, i trigliceridi, la pressione sanguigna e lo zucchero nel sangue nelle persone con sindrome metabolica.

Sindrome: 1-Metabolica nella Dieta chetogentica

La sindrome metabolica, a volte indicata come prediabete, è caratterizzata da insulino-resistenza. Può essere diagnosticata la sindrome metabolica se si soddisfa questi criteri:

  • Vita grande: 35 pollici (89 cm) o superiore nelle donne e 40 pollici (102 cm) o superiore negli uomini.
  • Trigliceridi elevati: 150 mg/dl (1,7 mmol/L) o superiore.
  • Basso colesterolo HDL: meno di 40 mg/dL (1,04 mmol/L) negli uomini e meno di 50 mg/dL (1,3 mmol/L) nelle donne.
  • Alta pressione sanguigna: 130/85 mm Hg o superiore.
  • Glicemia a digiuno elevato: 100 mg/dL (5,6 mmol/L) o superiore.
  • Le persone con sindrome metabolica sono ad aumentato rischio di diabete, malattie cardiache e altri gravi disturbi legati all’insulino-resistenza.

2-Malattia da accumulo di glicogeno

Le persone con malattia da accumulo di glicogeno (GSD) manca di uno degli enzimi coinvolti nella conservazione del glucosio (zucchero nel sangue) come glicogeno o nella scomposizione del glicogeno in glucosio. Esistono diversi tipi di GSD, ciascuno basato sull’enzima che manca. In genere, questa malattia viene diagnosticata durante l’infanzia. I sintomi variano a seconda del tipo di GSD e possono includere scarsa crescita, affaticamento, basso livello di zucchero nel sangue, crampi muscolari e un ingrossamento del fegato. Si consiglia spesso ai pazienti con GSD di consumare alimenti ad alto contenuto di carboidrati a intervalli frequenti in modo che il glucosio sia sempre disponibile per il corpo (15Trusted Source, 16Trusted Source).

Tuttavia, le prime ricerche suggeriscono che una Dieta chetogentica:

Può giovare alle persone con alcune forme di GSD. Ad esempio, GSD III, noto anche come malattia di Forbes-Cori, colpisce il fegato e i muscoli. Le diete chetogeniche possono aiutare ad alleviare i sintomi fornendo chetoni che possono essere utilizzati come fonte di carburante alternativa (15Trusted Source, 17Trusted Source, 18Trusted Source). GSD V, nota anche come malattia di McArdle, colpisce i muscoli ed è caratterizzata da una limitata capacità di esercizio fisico (19 Fonte attendibile). In un caso, un uomo con GSD V ha seguito una dieta chetogenica per un anno. A seconda del livello di sforzo richiesto, ha sperimentato un drammatico aumento da 3 a 10 volte della tolleranza all’esercizio (20 Fonte attendibile). Tuttavia, sono necessari studi controllati per confermare i potenziali benefici della terapia dietetica chetogenica nelle persone con malattia da accumulo di glicogeno.

Le persone con alcuni tipi di malattia da accumulo di glicogeno

Possono sperimentare un drammatico miglioramento dei sintomi mentre seguono una dieta chetogenica. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche. 3- Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è una malattia caratterizzata da disfunzione ormonale che spesso provoca periodi irregolari e infertilità. Uno dei suoi tratti distintivi è l’insulino-resistenza e molte donne con PCOS sono obese e hanno difficoltà a perdere peso. Le donne con PCOS sono anche ad aumentato rischio di diabete di tipo 2 (21Trusted Source).

3-Coloro che soddisfano i criteri per la sindrome metabolica

Tendono ad avere sintomi che influenzano il loro aspetto. Gli effetti possono includere aumento dei peli sul viso, acne e altri segni di mascolinità legati a livelli più elevati di testosterone (22 Fonte attendibile). Molte prove aneddotiche possono essere trovate online. Tuttavia, solo pochi studi pubblicati confermano i benefici delle diete a basso contenuto di carboidrati e chetogeniche per la PCOS (23 Fonte attendibile, 24 Fonte attendibile). In uno studio di 6 mesi su undici donne con PCOS che seguono una dieta chetogenica, la perdita di peso è stata in media del 12%. Anche l’insulina a digiuno è diminuita del 54% e i livelli di ormone riproduttivo sono migliorati. Due donne che soffrono di infertilità sono rimaste incinte (24 Fonte attendibile). Le donne con PCOS che seguono una dieta chetogenica possono sperimentare perdita di peso, riduzione dei livelli di insulina e miglioramento della funzione ormonale riproduttiva.

4-Dieta chetogentica: Diabete

Le persone con diabete spesso sperimentano riduzioni impressionanti dei livelli di zucchero nel sangue con una dieta chetogenica. Questo è vero sia per il diabete di tipo 1 che di tipo 2. In effetti, dozzine di studi controllati dimostrano che una dieta a basso contenuto di carboidrati aiuta a controllare lo zucchero nel sangue e può anche fornire altri benefici per la salute (25 Fonte attendibile, 26 Fonte attendibile, 27 Fonte attendibile, 28 Fonte attendibile, 29 Fonte attendibile). In uno studio di 16 settimane, 17 persone su 21 che seguono una dieta chetogenica sono state in grado di interrompere o diminuire il dosaggio dei farmaci per il diabete. I partecipanti allo studio hanno anche perso una media di 18,7 kg e ridotto il loro girovita, i trigliceridi e la pressione sanguigna (28 Fonte attendibile).

In uno studio di 3 mesi che ha confrontato una Dieta chetogentica

Con una dieta a carboidrati moderati, le persone nel gruppo chetogenico hanno registrato una diminuzione media dello 0,6% dell’HbA1c. Il 12% dei partecipanti ha raggiunto un HbA1c inferiore al 5,7%, che è considerato normale (29 Fonte attendibile). È stato dimostrato che le diete chetogeniche riducono lo zucchero nel sangue nelle persone con diabete. In alcuni casi, i valori ritornano a un intervallo normale e i farmaci possono essere interrotti o ridotti.

La dieta vegetariana: una guida per principianti

5-Alcuni tumori

Il cancro è una delle principali cause di morte in tutto il mondo. Negli ultimi anni, la ricerca scientifica ha suggerito che una dieta chetogenica può aiutare alcuni tipi di cancro se usata insieme a trattamenti tradizionali come chemioterapia, radiazioni e chirurgia (30 Fonte attendibile). Molti ricercatori osservano che l’elevato livello di zucchero nel sangue, l’obesità e il diabete di tipo 2 sono collegati al seno e ad altri tumori. Suggeriscono che limitare i carboidrati per abbassare i livelli di zucchero nel sangue e di insulina può aiutare a prevenire la crescita del tumore (31Trusted Source, 32Trusted Source).

Studi sui topi mostrano che le diete chetogeniche

Possono ridurre la progressione di diversi tipi di cancro, compresi i tumori che si sono diffusi in altre parti del corpo (33 Fonte attendibile, 34 Fonte attendibile, 35 Fonte attendibile, 36 Fonte attendibile). Tuttavia, alcuni esperti ritengono che la dieta chetogenica possa essere particolarmente utile per il cancro al cervello (37Trusted Source, 38Trusted Source). Casi di studio e analisi dei dati dei pazienti hanno riscontrato miglioramenti in vari tipi di cancro al cervello, tra cui il glioblastoma multiforme (GBM) – la forma più comune e aggressiva di cancro al cervello (39Trusted Source, 40Trusted Source, 41Trusted Source). Uno studio ha rilevato che 6 pazienti GBM su 7 avevano una risposta modesta a una dieta chetogenica ipocalorica senza restrizioni combinata con un farmaco antitumorale. I ricercatori hanno notato che la dieta è sicura ma probabilmente di uso limitato da sola (42Trusted Source).

Alcuni ricercatori riferiscono

La conservazione della massa muscolare e il rallentamento della crescita tumorale nei malati di cancro che seguono una dieta chetogenica in combinazione con radiazioni o altre terapie antitumorali (43Trusted Source, 44Trusted Source). Anche se potrebbe non avere un impatto significativo sulla progressione della malattia nei tumori avanzati e terminali, la dieta chetogenica ha dimostrato di essere sicura in questi pazienti e potenzialmente migliorare la qualità della vita (45Trusted Source, 46Trusted Source, 47Trusted Source). Studi clinici randomizzati devono esaminare come le diete chetogeniche influenzano i malati di cancro. Molti sono attualmente in corso o nel processo di reclutamento. La ricerca sugli animali e sull’uomo suggerisce che le diete chetogeniche possono avvantaggiare le persone con determinati tumori, se combinate con altre terapie.

6-autismo

Il disturbo dello spettro autistico (ASD) si riferisce a una condizione caratterizzata da problemi di comunicazione, interazione sociale e, in alcuni casi, comportamenti ripetitivi. Di solito diagnosticato durante l’infanzia, viene trattato con logopedia e altre terapie. Le prime ricerche su topi e ratti giovani suggeriscono che le diete chetogeniche possono essere utili per migliorare i modelli di comportamento ASD (48Trusted Source, 49Trusted Source, 50Trusted Source). L’autismo condivide alcune caratteristiche con l’epilessia e molte persone con autismo sperimentano convulsioni legate all’eccessiva eccitazione delle cellule cerebrali.

Dieta chetogentica: gli studi

Riducono la sovrastimolazione delle cellule cerebrali nei modelli murini di autismo. Inoltre, sembrano avvantaggiare il comportamento indipendentemente dai cambiamenti nell’attività convulsiva (51 Fonte attendibile, 52 Fonte attendibile). Uno studio pilota su 30 bambini con autismo ha rilevato che 18 hanno mostrato un certo miglioramento dei sintomi dopo aver seguito una dieta chetogenica ciclica per 6 mesi (53 Fonte attendibile).

In un caso di studio, una giovane ragazza con autismo che ha seguito una dieta chetogenica

Senza glutine e senza latticini per diversi anni ha sperimentato miglioramenti drammatici. Questi includevano la risoluzione dell’obesità patologica e un aumento di 70 punti del QI (54Trusted Source). Studi randomizzati controllati che esplorano gli effetti di una dieta chetogenica nei pazienti con ASD sono ora in corso o nel processo di reclutamento. Le prime ricerche suggeriscono che alcune persone con disturbi dello spettro autistico possono sperimentare miglioramenti nel comportamento quando le diete chetogeniche vengono utilizzate in combinazione con altre terapie.

7-Malattia di Parkinson

Il morbo di Parkinson (PD) è un disturbo del sistema nervoso caratterizzato da bassi livelli della molecola di segnalazione dopamina. La mancanza di dopamina causa diversi sintomi, tra cui tremore, postura compromessa, rigidità e difficoltà a camminare e scrivere. A causa degli effetti protettivi della dieta chetogenica sul cervello e sul sistema nervoso, viene esplorata come potenziale terapia complementare per il PD (55Trusted Source, 56Trusted Source). L’alimentazione di diete chetogeniche a ratti e topi con PD ha portato ad un aumento della produzione di energia, protezione contro i danni ai nervi e a una migliore funzione motoria (57 Fonte attendibile, 58 Fonte attendibile, 59 Fonte attendibile).

In uno studio incontrollato, della Dieta chetogentica: sette persone con PD

Hanno seguito una classica dieta chetogenica 4:1. Dopo 4 settimane, cinque di loro hanno registrato un miglioramento medio del 43% dei sintomi (60Trusted Source). Gli effetti di una dieta chetogenica sulla malattia di Parkinson sono un’altra area che ha bisogno di studi controllati. La dieta chetogenica ha mostrato risultati promettenti nel migliorare i sintomi del morbo di Parkinson sia negli studi sugli animali che sull’uomo. Tuttavia, è necessaria una ricerca di alta qualità.

8-obesità

Molti studi dimostrano che le diete chetogeniche a bassissimo contenuto di carboidrati sono spesso più efficaci per la perdita di peso rispetto alle diete ipocaloriche o a basso contenuto di grassi (61 Fonte attendibile, 62 Fonte attendibile, 63 Fonte attendibile, 64 Fonte attendibile, 65 Fonte attendibile). Inoltre, in genere forniscono anche altri miglioramenti per la salute. In uno studio di 24 settimane, gli uomini che seguivano una dieta chetogenica hanno perso il doppio dei grassi rispetto agli uomini che seguivano una dieta a basso contenuto di grassi (65 Fonte attendibile). Inoltre, i trigliceridi del gruppo chetogenico sono diminuiti in modo significativo e il loro colesterolo HDL (“buono”) è aumentato. Il gruppo a basso contenuto di grassi ha avuto un calo minore dei trigliceridi e una diminuzione del colesterolo HDL.

La capacità della Dieta chetogentica

Di ridurre la fame è uno dei motivi per cui funzionano così bene per la perdita di peso. Un’ampia analisi ha rilevato che le diete chetogeniche a basso contenuto di carboidrati e ipocaloriche aiutano le persone a sentirsi meno affamate rispetto alle diete ipocaloriche standard (66Fonte attendibile).
Anche quando alle persone che seguono una dieta chetogenica è permesso mangiare tutto ciò che vogliono, generalmente finiscono per mangiare meno calorie a causa degli effetti che sopprimono l’appetito della chetosi.

In uno studio su uomini obesi che hanno consumato una dieta chetogenica

O moderata con calorie, quelli del gruppo chetogenico avevano significativamente meno fame, assumevano meno calorie e perdevano il 31% in più di peso rispetto al gruppo a carboidrati moderati (67 Fonte attendibile). Una dieta chetogenica ti farà perdere grasso più velocemente e sentirti meno abbracciato, quindi consumando meno calorie.

Sindrome da carenza 9-GLUT1

La sindrome da carenza del trasportatore di glucosio 1 (GLUT1), una rara malattia genetica, comporta la carenza di una proteina speciale che aiuta a spostare lo zucchero nel sangue nel cervello. I sintomi di solito iniziano poco dopo la nascita e includono ritardo nello sviluppo, difficoltà con il movimento e talvolta convulsioni. A differenza del glucosio, i chetoni non richiedono che questa proteina si incroci dal sangue al cervello. Pertanto, la dieta chetogenica può fornire una fonte di carburante alternativa che il cervello di questi bambini può usare in modo efficace.

In effetti, la terapia dietetica chetogenica

Sembra migliorare diversi sintomi del disturbo. I ricercatori riportano una diminuzione della frequenza delle crisi e un miglioramento della coordinazione muscolare, della vigilanza e della concentrazione nei bambini con diete chetogeniche (68Trusted Source, 69Trusted Source, 70Trusted Source).

Come per l’epilessia, la dieta Atkins modificata (MAD)

Ha dimostrato di fornire gli stessi benefici della classica dieta chetogenica. Tuttavia, il MAD offre una maggiore flessibilità, che può comportare una migliore conformità e meno effetti collaterali (71Trusted Source, 72Trusted Source, 73Trusted Source). In uno studio su 10 bambini con sindrome da carenza di GLUT1, coloro che hanno seguito il MAD hanno sperimentato miglioramenti nelle convulsioni. A sei mesi, 3 su 6 sono diventati liberi da crisi epilettiche (73Fonte attendibile)

10-Dieta chetogentica: mal di testa da emicrania

L’emicrania comporta in genere forti dolori, sensibilità alla luce e nausea. Alcuni studi suggeriscono che i sintomi dell’emicrania migliorano spesso nelle persone che seguono diete chetogeniche (94 Fonte attendibile, 95 Fonte attendibile, 96 Fonte attendibile). Uno studio osservazionale ha riportato una riduzione della frequenza dell’emicrania e dell’uso di farmaci antidolorifici nelle persone che seguono una dieta chetogenica per un mese (96 Fonte attendibile).

Dieta chetogentica: un interessante caso di studio di due sorelle

Che seguono una dieta chetogenica ciclica per la perdita di peso ha riferito che il loro emicrania è scomparso durante i cicli chetogenici di 4 settimane, ma è tornato durante i cicli di dieta di transizione di 8 settimane (97 Fonte attendibile). Tuttavia, sono necessari studi di alta qualità per confermare i risultati di questi rapporti. Alcuni studi suggeriscono che la frequenza e la gravità dell’emicrania possono migliorare nelle persone che seguono una dieta chetogenica.