Dieci città alternative a Roma

0
1283

Roma è sicuramente una delle mete più gettonate e ambite dai turisti. In particolare, Roma è il sogno di ogni turista straniero che viene per la prima volta in Italia. E come dargli torto? Con le sue opere d’arte, la sua atmosfera e il suo fascino che si divide tra moderno e antico, Roma è una delle città più visitate al mondo. Tuttavia, l’Italia è ricca di molte altre città tutte da scoprire. Il portale inglese Travelsupermarket, dove si possono prenotare voli e pacchetti vacanze, ha proposto una classifica delle 10 migliori città alternative a Roma da visitare in Italia. Il portale si rivolge principalmente a utenti anglofoni, ma i suggerimenti possono valere anche per i turisti italiani.

alt="città alternative"

Bologna, una tappa di gusto

Al primo posto della classifica stilata da Travelsupermarket troviamo Bologna, proposta in alternativa anche alle più gettonate Firenze e Venezia. Secondo il portale inglese Bologna è una delle città più affascinanti d’Italia, dove è protagonista anche la buona cucina. Il capoluogo emiliano, infatti, è famoso in tutto il mondo per i tortellini, le lasagne e il ragù bolognese (che niente ha a che vedere, specifica il portale, con gli spaghetti alla bolognese confezionati). Bologna ha il fascino del borgo antico, con i suoi portici e i palazzi color pastello che custodiscono le vie che portano alla splendida Piazza Maggiore, la “Piazza Grande” cantata da Lucio Dalla. Poco fuori dalla piazza si trova il quartiere medievale del Quadrilatero, dove si possono trovare bancarelle e locali. Per smaltire la pasta mangiata in uno dei tanti locali bolognesi, si può salire sulla Torre degli Asinelli. Salendo i 498 scalini si arriva in cima alla torre medievale che sorveglia la città e da qui la vista è semplicemente mozzafiato.

alt="città alternative"

Torino, eleganza ai piedi delle Alpi

Una città elegante e regale, protetta dalle cime innevate delle Alpi. Torino offre tante attrazioni per gli amanti dell’arte, della cultura e delle bellezze architettoniche. Qui si trovano i palazzi dei Savoia, divenuti patrimonio mondiale dell’Unesco, insieme a piazze enormi, viali eleganti contornati da architetture barocche e portici pieni di negozi e locali storici. A Torino, tuttavia, si trovano anche molti spazi verdi: grandi parchi lungo il fiume Po dove poter camminare e rilassarsi fuori dalla frenesia della città. Il portale Travelsupermarket consiglia una visita a Torino soprattutto ai fan del film “The Italian Job”, perché la famosa pista di prova si trova proprio nella vecchia sede della Fiat, il Lingotto, oggi sede di un complesso di intrattenimento e di shopping.

alt="città alternative"

Genova, magia di una città antica

Il capoluogo ligure viene spesso sottovalutato e lasciato in secondo piano nei programmi turistici. I turisti che arrivano in Liguria, infatti, si concentrano più che altro sulle Cinque Terre o su Portofino. Genova però merita una sosta di qualche giorno per provare la sua fantastica cucina e conoscere la cultura di una delle città più antiche d’Italia. Durante la visita a Genova sarebbe un delitto non assaggiare il pesto e la focaccia genovese, due emblemi della cucina di questa città. E poi via, alla scoperta del centro storico, con i suoi scorci, i suoi angoli e le viuzze medievali, che in dialetto si chiamano “caruggi”. Genova è una città collinare, ma visitarla oggi è semplice, grazie agli ascensori e alle funicolari. Da non perdere l’ascensore di Art Nouveau per arrivare alla Spianata Castelletto, da dove poter ammirare la città e il mare, prima di scendere al Porto Antico, pieno di locali, bar e ristorante e il famoso Acquario.

alt="città alternative"

Napoli, fascino mediterraneo

Molti turisti passano da Napoli per imbarcarsi per Capri o per raggiungere Pompei o la Costa Amalfitana. In realtà Napoli ha un suo fascino particolare ed unico. Le sue strade affollate, l’atmosfera frenetica e goliardica che si respira, si abbinano in modo interessante con i suoi palazzi barocchi e i castelli austeri come il Mastio Angioino. Napoli è anche una meta per gli amanti della cucina mediterranea. Qui si possono assaggiare alcune specialità della cucina italiana, come la vera pizza e gli spaghetti alle vongole. Quando si arriva in Piazza del Plebiscito si rimane senza parole e proseguendo di qualche metro l’entusiasmo aumenta con una bellissima vista sul mare. Le vie interne e caratteristiche, poi, sono tutte da esplorare.

alt="città alternative"

Catania, ai piedi dell’Etna

Catania è una delle città più grandi della Sicilia. Il centro abitato si trova alle pendici dell’Etna, il più alto vulcano attivo d’Europa, che dona alla città un tocco di mistero e di brivido. Catania è una città molto caotica, ma i suoi palazzi barocchi e le sue piazze affascinanti sono assolutamente da visitare. Da non perdere il mercato del pesce, un curioso e reale teatro di strada, dove i pescatori mettono in mostra il pescato del giorno. In piazza Carlo Alberto, invece, si svolge il meno noto, ma estremamente colorato, mercato di frutta e verdura, insieme a banchi che vendono vestiti e utensili da cucina. Se il centro di Catania è troppo frenetico si può trovare un momento di relax a pochi chilometri, passeggiando nelle spiagge sabbiose della riviera catanese.

alt="città alternative"

Palermo, tante culture in una città

Molto caotica è anche Palermo, la quinta città nella classifica stilata da Travelsupermarket. Il capoluogo della Sicilia, tuttavia, ha un fascino ineguagliabile, frutto di un interessante mix di culture che hanno segnato questa città: dall’antica Grecia ai Romani, dai Bizantini agli Arabi fino ai Normanni. Si trovano resti delle varie epoche ovunque in città, dall’architettura dei palazzi al cibo. Proprio il cibo è un’esperienza da non perdere a Palermo. Per assaggiare qualche piatto esotico si possono provare i piatti arabi al Mercato del Capo, mentre al quartiere Kalsa si trovano giganti barbecue su cui vengono grigliati calamari, pesci e crostacei da gustare come street food. Una volta visitato il centro storico di Palermo, con i suoi imponenti palazzi ricchi di storia, prendete un autobus per la spiaggia di Mondello, dove si trova l’anima viva ed energica della città.

alt="città alternative"

Milano, capitale della moda e dell’aperitivo

Milano è la capitale italiana della moda con i suoi quartieri artistici e i numerosi negozi e boutique che affollano il centro della città. Nel cuore del centro storico di Milano si trovano il Duomo, in stile gotico, e le boutique di moda all’interno e intorno alla maestosa Galleria Vittorio Emanuele II. All’ora dell’aperitivo, invece, ci si sposta sui Navigli, i corsi d’acqua costruiti nel 17° secolo, che oggi ospitano i locali più alla moda e gli studi degli artisti. A Milano, infatti, regna sovrana l’abitudine dell’aperitivo, il drink prima di cena accompagnato da snack e salatini gratuiti. E’ proprio da qui che è nata una moda ormai sparsa per tutta Italia. Una moda che ha rivoluzionato gli orari della cena, che spesso viene sostituita proprio con l’happy hour.

alt="città alternative"

Perugia, città storica ma giovane

Perugia è una città di origini medievali, ricca di storia e di cultura ma, allo stesso tempo, piena di vita e di giovani. La città, infatti, è sede di molte università frequentate da studenti di tutta Italia ma anche di tutta Europa. Tanti, quindi, sono gli eventi organizzati per i giovani. In estate la musica dell’Umbria Jazz Festival anima le piazze della città e dei borghi intorno a Perugia, mentre a ottobre va in scena la golosità con l’Eurochocolate. A Perugia, infatti, si trova una delle più famose aziende italiane produttrici di cioccolato. Il centro storico di Perugia è tutto da scoprire, con le sue viuzze, i suoi scorci sulla campagna umbra e i palazzi del 15° secolo. Tutto ciò converge nella grande Piazza IV Novembre, il cuore e l’anima della città.

alt="città alternative"

Parma, eccellenze Dop

Quando si parla di Parma vengono in mente subito due cose: il prosciutto e il formaggio. Il prosciutto crudo e il Parmigiano Reggiano sono due eccellenze Dop di questa città e sono forse più famosi della sua magnifica cattedrale romanica. Come a Milano, un momento importante della giornata a Parma è l’aperitivo: le persone escono da lavoro e si riversano nei bar e nei locali per incontrare fidanzati o amici e rilassarsi un po’davanti a un drink. Ma Parma ha anche delle bellissime vie tutte da scoprire, come la Strada Farini caratterizzata da arcate di palazzi color ocra, sotto le quali si trovano negozi e bar.

alt="città alternative"

Trieste, città multiculturale

L’ultima città a trovare posto nella classifica stilata da Travelsupermarket (ma non ultima in ordine di bellezza) è Trieste. La città forse più multiculturale d’Italia, situata al confine con la Slovenia e per molti anni teatro di guerre per l’assegnazione dei territori. Le impronte storico e artistiche degli austriaci, degli italiani e degli slavi sono ancora visibili nell’architettura della città, nella cucina e nei costumi. Nel centro storico si trovano tante viuzze tutte da scoprire e sulla cima della collina c’è il Castello di San Giusto, accanto all’antico Forum Romano. Nella parte più nuova della città, al porto, si apre l’enorme Piazza Unità d’Italia, ancora più bella in notturna con i palazzi illuminati. Un’atmosfera completamente diversa si trova nel Borgo Teresiano. Creato dagli Asburgi, quando Trieste era il porto più grande dell’Impero Austro-Ungarico, oggi è sede di edifici religiosi come la Chiesa ortodossa di Santo Spirito e la Chiesa cattolica di Sant’Antonio. Un quartiere in cui due religioni diverse, anche se simili, convivono benissimo, emblema di una città multiculturale e aperta.

alt="città alternative"

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here