Se il passaggio per gli utenti di Windows 7 all’aggiornato Windows 8 poteva sembrare un salto nel vuoto e un cambio esigente per le loro abitudini, l’attuale aggiornamento di Windows 10, reso ufficialmente disponibile già il 29 luglio di quattro anni fa, ha dato modo di tornare ad una situazione più familiare soprattutto a coloro che, non avendo grande dimestichezza con la tecnologia, erano abituati al chiaro e semplice posizionamento delle applicazioni sullo schermo.

windows 10

Windows 10 quindi, il nuovo sistema operativo della famiglia Microsoft, ha lo stesso menu Start della versione 7, il desktop e le finestre sono familiari al vecchio sistema dando modo a chiunque di lasciarsi andare alla tentazione di questa piccola ma importante evoluzione digitale. Senza contare che il numero 7 è stato ormai completamente superato dalla nuova tecnologia: è infatti notizia recente che sono scattati, insieme all’anno nuovo, gli ultimi dodici mesi a disposizione per Windows 7 dopo i quali la casa di appartenenza non pubblicherà più alcun tipo di aggiornamento.

Ed è lo stesso Microsoft 365 che il 14 gennaio ha pubblicato un articolo a favore di questo passaggio, cercando di convincere gli utenti ancora dubbiosi che questo nuovo e definitivo sistema operativo, in quanto dopo Windows 10 non ne verranno pubblicati altri, è la soluzione più adatta a supportare le applicazioni e le richieste stilistiche del mondo tecnologico attuale.

A bloccare molti utenti di fronte a questo cambiamento vi è principalmente la paura di installare un sistema completamente nuovo, potenzialmente in grado solo di rallentare il normale funzionamento del loro PC; ma quello che probabilmente non sanno è che Windows 10 è un sistema operativo capace di adattarsi a qualsiasi dispositivo sul quale viene installato permettendo il normale utilizzo delle applicazioni presenti su di esso. E’ infatti garanzia di Microsoft che il sistema operativo numero 10 renderà perfettamente operanti tutte le applicazioni già in utilizzo con l’ormai antico Windows 7.

Ma cosa abbiamo effettivamente di nuovo o di rinnovato?

  • Menu Start: primo fra tutti il menu Start che con l’avvento di Windows 8 era stato completamente travolto ottenendo una versione più adatta ad un Tablet rispetto ad un PC. Insomma, Microsoft ha capito che era opportuno tornare ad una versione tradizionale del menu permettendoci, con un design tutto nuovo, di avere i nostri programmi a portata di mano.
  • App Store: un’evoluzione tra il 7 e il 10 è invece la presenza delle “App” disponibili nel Microsoft Store e simili a quelle che normalmente utilizziamo sul nostro telefono e che permetteranno un utilizzo più agile e sicuro di molti programmi.
  • Sicurezza integrata: il nuovo Windows infatti ci offre un livello di sicurezza completo, tra cui Windows Defender Antivirus che mantiene il dispositivo protetto attraverso una costante ricerca in tempo reale di possibili minacce.
  • Microsoft Edge: l’evoluzione dell’ormai fuori uso Internet Explorer ha preso questo nome sotto la casa Microsoft che ha deciso di impostare il nuovo browser come predefinito in quanto più veloce e moderno.
  • Consumo attività: da un anno è fattibile anche il controllo del consumo elettrico delle varie applicazioni attraverso una stima di ogni singola app attraverso un confronto con il consumo dell’intero sistema.
  • Cortana: per qualsiasi problema è infine possibile rivolgersi a Cortana, un’assistente vocale a cui possiamo porgere i nostri dubbi attraverso l’uso del microfono e ottenere quindi le informazioni necessarie.

Dunque, se da una parte è stato dichiarato l’ultimo anno di vita per Windows 10 Mobile, dall’altra l’azienda informatica creata da Bill Gates e Paul Allen nel lontano 1975 sta puntando tutta la sua forza e la sua energia su Windows 10 per PC confermandoci, ancora una volta, che se non è già stato fatto, passare al nuovo sistema operativo è la cosa migliore che si possa fare in questo 2019.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here