Premessa doverosa. Solitamente il giornalista, anche se “di parte”, dovrebbe mantenere un comportamenento quanto meno professionale, senza incappare in “trasporto d’emozioni” prendendola sul personale. Nel caso specifico l’argomento che si tratterà mi prende dal profondo, essendo un amante del genere punk/rock/ metal compresi i sottogeneri, non posso far altro che dire la mia sulla questione Snider VS Ferragni.

Dee Snider (all’anagrafe David Daniel Snider classe 1955 ed attivo musicalmente dal 1975) frontman della band Twister Sister (punta di diamante del genere hair metal) si è risentito del fatto che Chiara Ferragni  (classe 1987), blogger e fidanzata di un noto rapper italiano,

Dee Snider oggi ancora presente la sua lunga chioma riccia
Dee Snider oggi ancora presente la sua lunga chioma riccia

costei abbia indossato una maglietta di uno storico gruppo: i Metallica.

Per quanto i Metallica abbiano perso molto del loro charm musicale, rimane una buona parte della loro eredità nella musica, i grandi pezzi che hanno reso il loro nome conosciuto da tutti.

Tramite il suo profilo Twitter Dee, postando la foto “incriminata”, ha scritto: “Devo dire che questa nuova moda dei non fans del metal di indossare vecchie magliette metal è abbastanza nausenate. Il metal non è ironico! Caxxo!”

Dee Snider ha tutto il diritto di dirlo, e come lui, molti metal fans gli hanno dato ragione, effettivamente indossate una maglia solo per moda senza sapere chi siano i soggetti o comunque cosa rappresenti il logo è abbastanza come dire ‘sciocco’.

Ad esempio ad un metalhead non verrebbe mai in mente di indossare una maglia di un rapper

contro la moda dei non fans
Dee contro la moda dei non fans

o di una star pop solo perché magari ha un logo “figo” o perché ha dei bei colori.

Ma si sa il rocker, il metallaro, il punkettaro, hanno sempre suscitato un gran fascino, da sempre considerati ribelli, molti hanno questo aspetto ‘duro’ magari con barba e capelli lunghi, borchie, giubbetti con le toppe o il classico chiodo, ascoltano la musica che, anni orsono, era considerata demoniaca. Il brivido di trasgredire, a volte, nelle persone va oltre il discorso delle passioni, del grado di “appartenenza” ad un genere e così via.

In tutto ciò i grandi brand non aiutano in questo, spiattellare su dei manichini maglie o vestiti di storici gruppi che, almeno la maggior parte di chi li acquista, non saprà mai chi siano e neanche se lo vanno a cercare, così tanto per curiosità.

La cosa che non si riesce a comprendere è che il metal è un genere che parte dal profondo, ti deve prendere, ti deve emozionare, chi ne è al di fuori vede una marmaglia di gente che ascolta musica “ruttante” ma in realtà conoscendoli vi accorgerete che sono una grande famiglia e non è tanto per dire, si creano legami forti davvero unici.

Dee Snider con l'abbigliamento di scena
Dee Snider con l’abbigliamento di scena

Quindi è logico per un “esterno” indossare una t-shirt che rappresenta un qualcosa che va nel profondo?

Personalmente concordo con Dee Snider non è gradevole veder “snaturato” per moda un genere che vivo da molti anni. C’è però un altro punto di vista, tralasciando a chi non importa, alcuni fans old school hanno apprezzato il gesto della Ferragni perché, secondo loro, indossando quella maglietta potrà esserci un fan su 100 che si interessa, va alla ricerca e magari apprezza anche il genere in questo modo si avrà un “adepto” in più.

Sicuramente il frontman dei Twister Sister ha tutto il diritto di criticare e anzi ‘condannare’ un certo atteggiamento, Dee ha una grande importanza nella storia del rock/metal, magari gli ‘rode’ il fatto che una persona indossi un qualcosa di cui ignori la provenienza.

Detto ciò ognuno agisce, indossa e si comporta come vuole, ma al tempo stesso è

Twisted Sister
Twisted Sister

altrettanto giusto puntualizzare quando qualcosa proprio non si digerisce!

 

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=V9AbeALNVkk” width=”480″ height=”500″]https://www.youtube.com/watch?v=Mx0xCI1jaUM[/su_youtube]