Decameron: festival letterario digitale

In piena emergenza Coronavirus fiere letterarie e presentazioni di libri sono state annullate. Un gruppo di scrittrici ha pensato a una soluzione per parlare di libri, interagendo con i lettori.

0
425

Un gruppo di editori, scrittori ed editor ha dato vita a Decameron, un festival letterario online, dove riunirsi per parlare di libri.

Vedrà interagire con i lettori autori, editori e tante figure professionali che ruotano attorno al mondo dei libri.

In questi giorni delicati di emergenza Coronavirus in Italia dobbiamo seguire delle direttive ben precise: restare a casa e uscire solo se strettamente necessario.

Festival ed eventi letterari sono stati cancellati in base alla normativa di sicurezza per cercare di contenere l’epidemia di COVID-19, dichiarata pandemia dall’OMS.

Decameron

Decameron è una pagina interattiva appoggiata alla piattaforma di Facebook; si tratta di un progetto ideato e promosso da un gruppo di scrittrici (Teresa Ciabatti, Chiara Valerio, Michela Murgia, Elena Janeczek, Evelina Santangelo, Caterina Bonvicini, Valeria Parrella, Rossella Milone e Alessandra Sarchi) che ha immediatamente raccolto la collaborazione di molti editori: da Mondadori a Longanesi a Rizzoli, da Marsilio a Hacca, da Sem a Einaudi, Laterza, Nord, Sellerio, Chiarelettere e Fandango e molti altri che si stanno aggiungendo in queste ore.

Un luogo dove si possono organizzare degli eventi virtuali a cui possiamo partecipare tutti, pur restando ciascuno in casa propria. Decameron nasce proprio dalla consapevolezza di voler e poter sfruttare al meglio il potente mezzo di Internet.

Leggi anche: 10 musei che si possono visitare online

Presentazione di Decameron

Con queste parole le ideatrici hanno infatti presentato Decameron:

Il virus sta cambiando le nostre abitudini di lettori e di lettrici. I festival e le presentazioni a cui eravamo abituali sono stati cancellati dalle norme di sicurezza contro il contagio e tanti e tante di noi sono costretti a casa o limitano al minimo la loro socialità.
Non è la prima volta che l’umanità si trova davanti a un’epidemia di così grandi proporzioni, però è la prima volta che per affrontarla abbiamo la rete. Per questo un gruppo di autori e di autrici ha immaginato uno spazio virtuale dove poter continuare a incontrarci, parlare di libri e di storie e restare coesi anche nella difficoltà.

Come funziona?

In questa pagina troverete di giorno in giorno le presentazioni dei libri che avremmo fatto in condizioni normali, proposte e organizzate esattamente come gli appuntamenti dal vivo: ti iscrivi all’evento, ti colleghi alla diretta nel giorno e nell’ora concordata e puoi partecipare all’incontro ascoltando, facendo domande all’autore o all’autrice e scambiando pareri con gli altri lettori e lettrici. Non sostituisce gli abbracci, gli sguardi con la scusa della firma, la forza dei luoghi e del contatto umano, ma è l’unico modo che abbiamo ora per non dimenticarci che siamo prima di tutto una specie narrante.
La medicina ci cura, la prudenza nei comportamenti ci tutela, ma solo una storia ci salverà.

L’iniziativa è strutturata come un festival in digitale, con un palinsesto di incontri e contenuti altamente variegato. Il filosofo Leonardo Caffo è stato il primo a mandare un video dove racconta il suo libro Il cane e il filosofo, che sta dominando le classifiche della saggistica.

Programma Decameron

Questa sera, venerdì 13 marzo 2020, alle 21 Michela Murgia e Chiara Tagliaferri dal soggiorno di casa interagiranno con i lettori su Bastava Chiedere! (Laterza), il piccolo geniale manuale fumettistico femminista dell’attivista Emma che in Francia ha venduto oltre 200mila copie. Un saggio utile per capire il concetto di carico mentale, quel processo misterioso per cui tutti si aspettano che le donne si complichino la vita all’inverosimile per semplificare quella altrui.

Francesco Pacifico racconterà il suo rapporto con Virginia Woolf descritto nel libro Io e Clarissa Dalloway (Marsilio). Chiara Valerio, come editor, presenterà il romanzo di Marcello Domini Di guerra e di noi (Marsilio).

Leggi anche: solidarietà digitale ai tempi del Coronavirus

Decameron

Tanti i nomi

Tanti i nomi in palinsesto: figure letterarie note, come Tiziano Scarpa, Elvira Seminara, Marco Lodoli, Valeria Parrella, Gianmario Villalta; il regista Ferzan Ozpetek , al suo secondo romanzo con Mondadori; il collettivo Il terzo segreto di Satira; il fumettista Mario Alberti; lo youtuber Tommy Cassi.

Nei prossimi giorni dialogheranno da casa via web con i lettori anche Pietro del Soldà, Marco Franzoso, Sandro Campani, Letizia Pezzali, Emmanuelle de Villepin, Andrea Pomella, Emanuela Canepa, Paolo Malaguti, Lorenzo Marone e Sandro Bonvissuto, Walter Siti, Bruno Morchio, Maurizio de Giovanni, Roberto Burioni, Maria Sole Bianco, Cristina De Stefano, Adrian Fartade, Margherita Melani, Claudia La Malfa, Quarzo Vivarelli, Maria Giovanna Luini.

La pagina Facebook da seguire si chiama Decameron- Una storia ci salverà: vi troverete sempre aggiornamenti sugli eventi in programma.

Commenti