Dazi cinesi sui vini australiani: Canberra denuncia Pechino al WTO

0
551

Le baruffe tra Cina e Australia continuano dopo che Camberra ha denunciato all’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) i dazi scelti da Pechino sui prodotti provenienti dall’isola. Secondo la denuncia, realizzata dal Ministro dell’agricoltura David Littleproud, la Cina ha imposto dei dazi sul vino australiano, uno dei prodotti più importati dai cinesi. “Il governo continuerà a difendere con forza gli interessi dei produttori di vino australiani che utilizzano il sistema stabilito nell’OMC per risolvere le nostre divergenze“, ha affermato Dan Tehan, ministro del commercio, seduto accanto al ministro Littleproud.

Cina-Australia: quali sono i problemi che intercorrono tra i due paesi?

Le due nazioni, che prima del 2020 avevano buonissimi rapporti, si sono più volte scontrate nel corso degli ultimi mesi. E in più campi diversi. Dall’accusa australiana sul fatto che Pechino avesse nascosto le origini del coronavirus. Fino alla dissoluzione di alcuni rapporti commerciali che hanno decimato ancora di più il legame tra le due potenze. L’ultimo dei quali ha interessato lo stato di Victoria, che con la Cina aveva stipulato ricchi contratti legati alla Belt and Road Inziative, la Nuova Via della Seta cinese.

All’inizio di giugno il premier Scott Morrison ha contattato l’OMC e i paesi del G7 per trovare una soluzione. Canberra ha affermato che nonostante questi problemi le relazioni diplomatiche con la Cina non si sono incrinate, ma stanno vivendo solo un momento di stallo. Momento che per il G7 deve essere sfruttato per erigere una barricata contro la Cina in modo da impedirle quella rapida crescita che i paesi occidentali temono.


Australia: lo stato di Victoria cancella accordi commerciali con la Cina

Cina-Australia, nuove tensioni tra i due paesi