I Danko Jones hanno finalmente rilasciato il loro album “A Rock Supreme“. Sono 11 tracce che mantengono sempre lo stesso stile che Danko ha da quando ha fatto i primi passi nel mondo della musica.

Leggendo anche i testi si nota come l’animo giovanile, sia rimasto sempre intatto. Prendendo ad esempio la canzone “I’m in a Band” traspare la freschezza di un animo che continua ad amare il fatto di essere in una band, di produrre un qualcosa che viaggia per l’intero globo, e lui li che ascolta il tuo pezzo che il dj ha appena messo. Ecco da la sensazione che in fondo, un pizzico di adolescenza, è rimasto.

Anche “That Girl” ha quel retrogusto adolescenziale, con quel brivido e quella leggerezza che solo un ragazzo molto giovane ha. Uno scambio di sguardi, il fuoco che arde dentro e la sensazione di caduta libera.

Anche a livello musicale ritroviamo la stessa leggerezza dei testi. Nonostante siano sulla piazza da 23 anni, hanno un’attitude molto giovanile, il sound poco “impegnativo” (non inteso come difficoltà, ma come viene strutturato il tutto abbinando testi e musica) fa si che questo album sia adatto a tutte le età.

Anche gli strumenti dei Danko Jones non hanno arzigovolazioni che, solitamente, rendono il suono graffiante.

Danko Jones
DANKO JONES

Una cosa a me molto gradita è la forte presenza del basso che, solitamente, viene lasciato in sottofondo come riempimento ma senza renderlo protagonista.

Inoltre, l’uso di strumentazioni vintage durante la registrazione, danno quel tocco anni ’90 un pò nostalgico. L’immagine, che ho avuto ascoltando A Rock Supreme, è di un viaggio in macchina per le strade americane (anche se loro sono canadesi, il sound è un hard rock prettamente americano) col vento che scorre fra i capelli. Un’immagine romanzata e, probabilmente, scontata che rende l’idea di come si presenta il disco.

Altra caratteristica di questo album è l’allegria, un sound che ti permentte di rilassarti ma al tempo stesso di muoverti e viaggiare con la mente. E’ un album che si fa ascoltare e che si vorrebbe ascoltare ancora ed ancora.
I Danko Jones non hanno lasciato nulla al caso, si sono affidati ad un artista svedese, Ulf Lundén, per realizzare la copertina dell’album. Infatti esaminandola bene si possono notare tante piccolezze, soprattutto nella versione in vinile dove l’artwork è presente in tutte le sue facce.

Essendo appassionata di generi più estremi del metal, considero questo album un ottimo prodotto hard rock che raccogli una grande fetta di ascoltatori.
Voto più che positivo, assolutamente consigliato l’ascolto.

Tracklist:

                I’m In A Band

                I Love Love         

                We’re Crazy       

                Dance Dance Dance       

                Lipstick City       

                Fists Up High     

                Party    

                You Got Today

                That Girl             

                Burn In Hell       

                You Can’t Keep Us Down

Danko Jones articoli correlati: https://www.periodicodaily.com/i-danko-jones-presentano-il-video-di-dance-dance-dance/

https://www.periodicodaily.com/danko-jones-intervista-col-bassista/

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here