Da Gennaio scompaiono le cartelle esattoriali per Imu e Tari

0
319

Dal mese di gennaio 2020 ci saranno delle importanti novità per la notifica delle cartelle esattoriali da parte degli enti comunali.

Non saranno più notificate ai contribuenti cartelle esattoriali dai Comuni, ci sarà un nuovo modello di riscossione per quanto riguarda l’Imu e la Tari, sarà una procedura semplificata e molto più veloce.

Cosa succedeva prima, veniva inviata al contribuente un avviso di accertamento, quando il cittadino non pagava, l’ente doveva munirsi di un ‘titolo esecutivo’ che era la vecchia cartella o un’ingiunzione fiscale. Senza la notifica di questi documenti e non prima dell’avvenuta notifica, non si poteva procedere ad un esecuzione forzata nei confronti del debitore.

Dal mese di gennaio 2020, la notifica dell’avviso di accertamento, oltre a contenere le indicazioni di eventuali impugnazioni da parte del cittadino davanti all’autorità giudiziaria, sarà a tutti gli effetti un titolo esecutivo.

Quindi in buona sostanza cosa significa tutto ciò, il cittadino non dovrà più attendere la notifica della cartella, l’ente creditore potrà avviare un’azione di pignoramento, trascorsi i termini per l’impugnazione. In caso di pericolo per la riscossione, il Comune potrà affidare la riscossione del credito ad una società di riscossione anche in pendenza del ricorso da parte del cittadino.

Commenti