Da dieci anni di prigione a “chef di Putin”: chi è Evgeny Prigozhin, amministratore delegato di Wagner?

0
782

Lo “chef di Putin” Evgeny Prigozhin ha fatto sempre più notizia negli ultimi tempi. I mercenari Wagner da lui finanziati lo hanno reso così influente dal punto di vista politico che le autorità russe avrebbero benedetto una nuova società militare privata per mettere fuori gioco la sua influenza. Ma chi è Evgeny Prigozhin? Seguiamo la sua ascesa dalla mafia, dalle rapine e dal carcere fino a far crescere un impero della ristorazione su ordine dello Stato e a finanziare progetti come Wagner e la famigerata fabbrica di troll vicino a San Pietroburgo.
Tutti i Paesi hanno la mafia, ma la mafia russa ha un Paese, dice una battuta.

Chi è Evgeny Prigozhin?

Evgeny (Yevgeniy) Prigozhin, noto come “lo chef di Putin”, ha iniziato la sua carriera imprenditoriale negli anni ’80, in una prigione sovietica, scontando un decennio di lavori forzati per furto, frode e rapina. Negli anni ’90 è stato coinvolto nel crimine organizzato di San Pietroburgo e ha gestito un’attività di gioco d’azzardo sotto la supervisione di Putin. All’inizio degli anni 2000, ha guadagnato milioni di dollari ricevendo dal Cremlino e dal Ministero della Difesa commesse statali esclusive per catering, manutenzione e costruzioni. Ha costruito il suo impero all’interno dell’impero di Putin. Prigozhin serve gli interessi del Cremlino sponsorizzando gruppi mercenari guidati e composti da noti neonazisti e criminali condannati. In passato illegali in Russia, questi gruppi militari privati sono stati apertamente sostenuti dal Cremlino durante le operazioni militari in Ucraina e Siria. In Siria, le società associate a Prigozhin ricevono il 25% del denaro generato dal petrolio e dal gas nei territori che rivendicano per Assad. A seguito di queste attività, Prigozhin è stato sanzionato dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea come persona vicina a Putin ed è stato inserito nella lista dei ricercati dell’FBI nel febbraio 2022. In un’intervista alla televisione austriaca ORF, Putin ha paragonato Prigozhin a George Soros, sostenendo che quest’ultimo “interviene in tutto il mondo”. Ma il Dipartimento di Stato vi dirà che non ha nulla a che fare con questo, che si tratta di affari personali del signor Soros… Ebbene, per noi si tratta di affari personali del signor Prigozhin”, ha detto Putin. Ecco la vostra risposta. Questa risposta la soddisfa?”. Chiese Putin, sorridendo”. Chiunque abbia familiarità con la vita nella Russia di Putin sa che non esistono “affari personali”. “Il riciclaggio di denaro è un reato grave. Quando un capo di Stato è un riciclatore di denaro, l’America deve prenderlo sul serio”, ha dichiarato Preet Bharara, ex procuratore degli Stati Uniti, licenziato da Trump.

Ricercato dall’FBI

Le imprese private spuntano come funghi e generano grandi guadagni. Nel frattempo, gli ufficiali del KGB, i militari sovietici, i leader del partito comunista, i “direttori rossi” (capi delle grandi imprese dell’Unione Sovietica) e gli atleti d’élite persero il lavoro, il reddito e il potere. I militari disoccupati e gli atleti demoralizzati si unirono a criminali condannati e formarono brigate militarizzate. Le bande estorcevano denaro agli imprenditori. Le tasse di protezione e i “protettori” condividevano un nome: “krysha” (“tetto”). La riluttanza a pagare la “krysha” portava alla tortura, al rapimento dei membri della famiglia o all’omicidio. Invece di stroncare il racket, le impoverite strutture di sicurezza e di applicazione della legge si sono unite ai racket, spesso in cambio di compensi. Le forze dell’ordine hanno costituito un “tetto” per il crimine organizzato. Il governo locale si è unito per la sua parte ed è diventato il “tetto” che protegge sia il crimine organizzato che le forze dell’ordine. Gli uomini d’affari pagavano i banditi e la polizia; i banditi e la polizia pagavano il governo. Un uomo d’affari non poteva chiamare la polizia contro i banditi: la polizia e i banditi erano uguali. I banditi pagavano per essere eletti sindaci e governatori. Nominarono giudici e procuratori. L’illegalità regnava sovrana. Si chiamava “bespredel” (“senza limiti”). Alla fine degli anni ’90, i banditi, il KGB/FSB e il governo si fusero in un conglomerato, incollato dal crimine, dalla responsabilità reciproca e dagli interessi reciproci. La differenza tra criminali, polizia e autorità non esisteva più. Attraverso la privatizzazione e l’acquisizione delle risorse pubbliche, questo gruppo è entrato in possesso di tutte le risorse naturali della Russia e ha sviluppato una ricchezza senza precedenti. Ex banditi, ufficiali del KGB e comunisti divennero rispettati uomini d’affari, “oligarchi”. Ci furono molte lotte intestine. Migliaia di persone furono uccise in guerre per il territorio. I sopravvissuti formarono il sindacato di Putin che salì al potere nel 1999.

Putin e la San Pietroburgo dei banditi

Negli anni Novanta, a San Pietroburgo, soprannominata “capitale russa dei banditi”, l’uccisione di giornalisti e membri dell’opposizione e l’avvelenamento di testimoni oculari sono diventati una pratica regolare. Messaggi non verbali come parti di animali morti accanto alle porte d’ingresso erano comuni. “Il gruppo che circonda Putin oggi è lo stesso che lo ha portato al potere da San Pietroburgo negli anni ’90”, ha scritto la celebre autrice Karen Dawisha nel suo libro Putin’s Kleptocracy. “Negli anni ’90, tutto era in palio e i nuovi vory (ladri) hanno allungato le mani”, scrive Mark Galeotti, ricercatore senior presso l’Istituto di Relazioni Internazionali di Praga e responsabile del suo Centro per la Sicurezza Europea, uno dei maggiori esperti occidentali della criminalità organizzata russa. “I beni statali sono stati privatizzati, le imprese costrette a pagare per la protezione e, con la caduta della cortina di ferro, i gangster russi si sono riversati nel resto del mondo. I vory facevano parte di uno stile di vita che, a suo modo, era un riflesso dei cambiamenti che la Russia ha attraversato nel XX secolo. Il crimine organizzato cominciò a farsi strada in una Russia che stava diventando a sua volta più organizzata. Dopo il ripristino dell’autorità centrale sotto il presidente Vladimir Putin…, le nuove vory si sono adattate di nuovo, assumendo un profilo più basso e persino lavorando per lo Stato quando è necessario. La sfida posta dalla criminalità organizzata russa è formidabile, e non solo in patria. In tutto il mondo, essa traffica droga e persone, arma insorti e gangster e vende ogni tipo di servizio criminale, dal riciclaggio di denaro all’hacking informatico. Per questo, gran parte del resto del mondo è disposto – anzi, spesso è felice – di riciclare il denaro di questi gangster e di vendere loro costosi attici”. Nel corso dei 20 anni successivi, lo Stato mafioso si è trasformato in un impero mafioso, con ambizioni di espansione negli Stati Uniti e nel Regno Unito, in Europa e in Africa. Utilizzando il denaro proveniente dalle industrie privatizzate del petrolio, del gas e delle risorse naturali, i metodi del KGB di sterminio fisico dell’opposizione e il lavaggio del cervello per sovvertire l'”ordine mondiale occidentale”, lo Stato mafioso sta cercando di conquistare il mondo.

La storia di Evgeny Prigozhin

Evgeny “Zhenya” Prigozhin è nato a Leningrado (l’attuale San Pietroburgo) nel 1961 e, come la maggior parte delle persone vicine a Putin, si è avvicinato allo sport in tenera età. Ha frequentato un collegio sportivo speciale per futuri atleti, specializzato nello sci. A diciotto anni è stato condannato a due anni e mezzo di libertà vigilata per furto ed è stato mandato a scontare la pena fuori Leningrado. Un articolo apparso sulla pubblicazione russa Rosbalt, “La giovinezza burrascosa del “ristoratore del Cremlino””, riassume la prima carriera di Prigozhin: furti, frodi e aggressioni. Il rapporto si basa su documenti giudiziari e testimonianze oculari. Nel 1980, Prigozhin – all’epoca 19enne – tornò a Leningrado senza aver terminato la sua libertà vigilata. Insieme ad altri giovani, Prigozhin svaligiava appartamenti. Il lungo elenco di oggetti rubati comprende vasi, portatovaglioli, bicchieri da vino, bicchierini da vodka, registratori, cristalli, una giacca di jeans, una borsa da donna con trucchi, tappeti da corridoio, penne e due corni. Oltre ai numerosi furti, Prigozhin e un gruppo di amici hanno commesso una frode offrendo la vendita di jeans e altri capi di abbigliamento di produzione occidentale non disponibili nei negozi dell’URSS e rubando il denaro senza consegnare la merce. Un altro crimine commesso da Prigozhin è stata l’aggressione di una giovane donna allo scopo di rubarle cappotto, orecchini e stivali. Secondo un complice, Prigozhin ha cercato di strangolare la vittima e le ha tolto gli orecchini. Il gruppo è stato arrestato. Prigozhin è stato condannato a tredici anni di lavori forzati e alla confisca dei beni per furto, frode, coinvolgimento di un minore in attività criminali (prostituzione) e rapina. Prigozhin ha scontato solo nove anni di questa pena. Nel 1997, Prigozhin tornò a San Pietroburgo e aprì il ristorante di lusso New Island. Putin lo frequentò e vi tenne alcuni incontri importanti, tra cui una cena con il presidente francese Jacques Chirac nel 2001, una cena con il presidente statunitense Bush nel 2002 e la sua festa di compleanno nel 2003. Nell’agosto 2004, secondo un’indagine di TSURrrealism e precedenti rapporti, Prigozhin ha picchiato un giovane a bordo della “New Island”. A seguito di questo pestaggio, il giovane cadde nel fiume e annegò. In seguito, l’equipaggio è stato intimidito da Prigozhin e dalla sua squadra di sicurezza, “attuali ed ex dipendenti del Ministero degli Affari Interni”. L’equipaggio ha poi contribuito a nascondere il crimine.

Prigozhin e Putin: Casinò e gruppi di criminalità organizzata

Secondo un articolo di Novaya Gazeta, prima di approdare al settore della ristorazione, Prigozhin ha gestito un’attività di gioco d’azzardo a San Pietroburgo negli anni ’90, quando Putin era presidente del Consiglio di supervisione dei casinò e del gioco d’azzardo della città. Le licenze per le attività di gioco d’azzardo venivano rilasciate su proposta del Consiglio guidato da Putin. Secondo la camera di registrazione di San Pietroburgo, Prigozhin era il direttore generale di una società che era co-proprietaria di Boris Spector, compagno di classe di Prigozhin e membro di un gruppo di criminalità organizzata, e di Igor Gorbenko, un direttore della “Neva-Chance”, un’entità fondata dal Comitato per le relazioni estere guidato da Putin. Secondo Artyom Kruglov, editore del sito Putinism, Spector apparteneva al gruppo criminale organizzato Kutaisskie, che gestiva la più grande rete di casinò di San Pietroburgo. Prigozhin era responsabile della gestione di una rete di supermercati e ha lavorato per Kutaisskie fino al 2000-2001. Nel 2001, Prigozhin ha rotto con Kutaisskie e si è avvicinato all’autista personale e alle guardie di sicurezza personali di Putin, Roman Tsepov e Victor Zolotov, che alla fine sono diventati il frontman della GRU e un portavalori dietro le “misure attive”. Kruglov ritiene che Tsepov e Zolotov abbiano presentato Prigozhin a Putin.

Gli amici di Prigozhin. Tsepov: Morte da polonio

Tsepov, alias “Roma Producer”, ex ufficiale responsabile dell’educazione politica di un’unità del Ministero degli Affari Interni, ha fatto da tramite tra le imprese di casinò e l’ufficio del sindaco e ha gestito una società di servizi di sicurezza privata specializzata anche in racket e rapine. La sua azienda ha fornito protezione al sindaco di San Pietroburgo Anatoly Sobchak e alla sua famiglia, al vice-sindaco Putin e ai boss del crimine organizzato. Tsepov ha co-prodotto e interpretato una piccola parte come bandito nella popolare serie televisiva Bandito di San Pietroburgo. Divenne una persona influente a San Pietroburgo e uno stretto alleato di Putin ma, secondo quanto riferito, cadde in disgrazia per aver interferito nell’affare YUKOS. Tsepov è morto nel 2004, presumibilmente dopo aver bevuto un tè avvelenato da polonio-210, due anni prima di Alexander Litvinenko. Il polonio-210 viene prodotto solo in Russia, in una fabbrica di Arzamas, e il governo russo ne controlla la produzione. Il background e il percorso professionale di Tsepov sono stati tipici: da ideologo del partito comunista a criminale, alle forze dell’ordine e al governo – e, a volte, – fino alla tomba, con molti omicidi lungo il percorso. “Negli anni Novanta era praticamente impossibile fare soldi a palate senza impegnarsi in pratiche eticamente discutibili, nel migliore dei casi, e del tutto illegali, nel peggiore”, scrive Marc Galeotti. “In quel periodo, l’omicidio era un modo deprimentemente comune di risolvere le controversie commerciali. Le famigerate “guerre dell’alluminio” dei primi anni ’90, ad esempio, videro l’occupazione delle fabbriche da parte di teppisti, una serie di omicidi e resoconti scabrosi sull’attività del crimine organizzato nelle industrie metallurgiche. Recenti ricerche suggeriscono che gli omicidi legati a quelle guerre sono probabilmente migliaia”. “A causa dell’aumento delle sparatorie tra bande rivali per la spartizione del bottino, Mosca è stata paragonata a Chicago durante il proibizionismo”, si legge nel rapporto del 1996 sulla criminalità organizzata russa, presentato in un’audizione al Senato degli Stati Uniti.

Zolotov: “Carne trita”

Il partner non ufficiale di Tsepov era Victor Zolotov, all’epoca guardia del corpo del sindaco di San Pietroburgo Anatoly Sobchak e della sua famiglia e successivamente di Putin. Zolotov divenne lo sparring partner di Putin nella boxe e nel judo e “ogni volta che Putin appariva in pubblico, Zolotov poteva essere visto camminare direttamente dietro di lui”. Nel 2018, Zolotov è stato comandante in capo della Guardia nazionale russa (Rosgvardiya) e membro del Consiglio di sicurezza della Russia. Nell’ottobre 2018 ha fatto notizia promettendo di fare “carne macinata” del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny dopo che il team di Navalny aveva condotto un’indagine sul patrimonio multimilionario di Zolotov.

L’impero alimentare di Prigozhin cresce su ordine dello Stato

Nel 2010, il primo complesso industriale alimentare di Prigozhin, il Concord Group, è stato inaugurato fuori San Pietroburgo, con la presenza di Putin. La banca statale russa Vnesheconombank ha concesso un credito di 30 milioni di euro sul costo totale del progetto di circa 40 milioni di euro. Putin fa parte del consiglio di vigilanza della Vnesheconombank. Nel 2008 e nel 2012, l’azienda di Prigozhin ha fornito il catering per le feste di inaugurazione di Medvedev e Putin. In questi anni, le sue aziende si sono aggiudicate anche il 90% delle gare d’appalto del Ministero della Difesa, tra cui le forniture alimentari e la manutenzione. Nel maggio 2017, la squadra anticorruzione di Alexey Navalny ha scoperto che Prigozhin gestiva un cartello che violava la legge antimonopolio. Secondo il New York Times, i regolatori statali “hanno esaminato otto contratti del Ministero della Difesa vinti da aziende legate a Prigozhin e hanno emesso un severo rimprovero nel maggio 2017… Il governo ha annunciato che non avrebbe sporto denuncia… ‘Non ci aspettiamo che venga punito visto che è tra gli amici più stretti del presidente’, ha detto Maksim L. Reznik, un altro legislatore di San Pietroburgo che chiede che venga indagato”. Nel novembre 2017 il caso è stato chiuso.

Guerre: guerra d’informazione e convenzionale

Nessun oligarca russo è l’unico proprietario della sua fortuna. Pagano il Cremlino per il diritto di operare e fare soldi. Putin e l’FSB forniscono la krysha a tutti gli oligarchi russi. La compensazione avviene sotto forma di tangenti monetizzate o di servizi a sostegno del regime. Ecco perché un piccolo truffatore e ristoratore, Prigozhin, serve il Cremlino investendo nelle “fabbriche di troll” che diffondono la propaganda pro-Cremlino in Russia e all’estero e interferiscono nelle elezioni statunitensi del 2016. In questo modo, i meccanismi politici ed economici di uno Stato mafioso si fondono e influenzano tutti gli aspetti della vita, manipolando l’opinione pubblica in patria e all’estero. Nel 2012, Prigozhin è stato coinvolto in una “fabbrica di troll” a San Pietroburgo. Nel 2014 ha aggiunto un’altra agenzia di propaganda, la “Federal Agency of News” (FAN). “Negli ultimi anni, il Cremlino ha fatto largo uso della guerra dell’informazione, ottenendo sostegno in Occidente dai nostalgici comunisti, dall’estrema destra in ascesa e dai teorici del complotto… Il Cremlino ha anche utilizzato campagne culturali, sfruttando le simpatie religiose sia delle popolazioni ortodosse che dei conservatori religiosi in Europa e negli Stati Uniti, che si allineano al messaggio di Putin sui valori tradizionali e sull’omofobia”, hanno scritto gli esperti di guerra ibrida Peter Pomerantsev e Michael Weiss nel loro importantissimo e trascurato rapporto del 2014. Nel 2016, l’azienda di Prigozhin, Concord Management and Consulting LLC , ha interferito nelle elezioni statunitensi. È “una delle tre entità e dei tredici individui russi incriminati dall’ufficio del consigliere speciale Robert Mueller nel febbraio 2018 in una presunta cospirazione criminale e di spionaggio per manomettere le elezioni statunitensi, favorire Trump e denigrare la sua avversaria democratica Hillary Clinton”, come riportato da Reuters. Nel 2014, Prigozhin è passato dalla guerra dell’informazione alle operazioni di combattimento tradizionali. I giornalisti hanno tracciato i collegamenti tra le sue attività e il gruppo mercenario Wagner in Ucraina orientale e in Siria. Secondo l’articolo 359 del Codice penale russo, le società militari private sono illegali in Russia. Il reclutamento, l’addestramento, il finanziamento o altro supporto materiale di un mercenario, così come l’agire come mercenario e l’uso di mercenari in conflitti armati o azioni militari sono puniti con la reclusione. Nonostante questo, nel 2014-15, i mercenari Wagner sono apparsi nel Donbas controllato dai separatisti in Ucraina e, alla fine del 2015, in Siria. “Wagner ha funzionato come un ramo non dichiarato dell’esercito russo: I suoi combattenti volano in Siria su aerei militari russi, ricevono cure in ospedali militari russi, lavorano a fianco delle forze regolari russe nelle operazioni e ricevono medaglie militari russe firmate personalmente da Vladimir Putin”, ha scritto l’Atlantic. “I rapporti dell’intelligence statunitense suggeriscono che Prigozhin era in contatto sia con il Cremlino che con funzionari siriani poco prima e dopo l’attacco [in Siria nel febbraio 2018] La situazione solleva grandi interrogativi sul ruolo che un’impresa mercenaria russa – o piuttosto una “pseudo-mercenaria”, secondo l’esperto militare russo Mark Galeotti – stava giocando nella guerra siriana”, ha osservato il Washington Post,

Prigozhin e le medaglie di Wagner

La società militare privata Wagner prende il nome dal nome in codice del suo leader Dmitry Utkin. Fino al 2013, Utkin è stato comandante di un distaccamento delle forze speciali dell’intelligence militare russa. Nel 2014, Uktin è diventato il capo del gruppo Wagner. Il suo nome in codice si ispira al compositore tedesco Richard Wagner, la cui musica è associata al Terzo Reich. Secondo alcuni rapporti, Utkin ha una svastica tatuata sulla spalla. Utkin e almeno alcuni mercenari sono anche noti per essere “rodnovery”, praticando una fede neopagana “slava” basata su un’ideologia razzista che incorpora simboli e retoriche vicine al nazismo e al bolscevismo. Questo tipo di paganesimo è noto per essere stato promosso dal KGB negli anni ’90. Nel novembre 2017, l’addetto stampa di Putin, Dmitry Peskov, ha confermato che il leader di Wagner Utkin ha partecipato a un banchetto del Cremlino e che Utkin era stato precedentemente insignito dell’Ordine del coraggio per il suo servizio militare. Diverse pubblicazioni hanno scritto di altri mercenari neonazisti del gruppo Wagner. Secondo un memorandum, firmato dal governo siriano (con la partecipazione del Ministero dell’Energia russo), il 25% di tutto il gas e il petrolio prodotti nei giacimenti di petrolio e gas, nelle raffinerie e in altri oggetti dell’infrastruttura petrolifera e del gas nel territorio liberato dall’ISIS, reclamato per Bashar Assad e adeguatamente protetto da attacchi futuri, secondo quanto riferito, viene trasferito a una società commerciale OOO “Evro-Polis”, registrata a San Pietroburgo sotto persone associate agli affari di Prigozhin. Fontanka.ru ha pubblicato un dettagliato rapporto investigativo supportato da documenti ufficiali che mostrano i collegamenti. L’impero di Prigozhin si è espanso, aggiungendo l’industria militare e quella del petrolio e del gas ai complessi industriali di ristorazione, manutenzione e costruzione già esistenti.

Omicidi politici

Prigozhin usa la violenza fisica e l’intimidazione per mettere a tacere la copertura della stampa sulle sue operazioni. I rapporti investigativi sugli affari di Prigozhin hanno portato alla luce omicidi a sfondo politico, avvelenamenti intricati e pestaggi dell’opposizione in Russia e all’estero. Nel corso di queste indagini, le fonti sono scomparse e sono apparse in circostanze oscure. Il 22 ottobre 2018, l’outlet russo Novaya Gazeta, noto per le sue ricerche investigative indipendenti, ha pubblicato un articolo su Prigozhin e i suoi collaboratori. I giornalisti hanno parlato con una fonte che ha condiviso dettagli su omicidi, violenze e ricatti compiuti su istruzioni dei collaboratori di Prigozhin e che è poi scomparsa in circostanze sospette – i suoi due telefoni e una scarpa sono stati trovati per strada – poche ore dopo aver incontrato il giornalista di Novaya Gazeta il 2 ottobre 2018, per poi riapparire dopo diversi giorni e chiedere di chiudere l’indagine della polizia sulla sua scomparsa. Valery Amelchenko, un ex detenuto di 61 anni, che ha iniziato a lavorare con gli uomini di Prigozhin nel 2012-2013, ha raccontato ai giornalisti di vari compiti ordinati dai servizi di sicurezza di Prigozhin, tra cui:

  • l’omicidio di un blogger anti-Putin a Pskov, ucciso con un’iniezione di una sostanza sconosciuta in strada;
  • il pestaggio di un blogger a Sochi dopo che aveva condiviso una caricatura di Putin pubblicata da Le Monde;
  • un incidente d’auto inscenato a San Pietroburgo, quando un senzatetto si è gettato sotto l’auto di un imprenditore che aveva una disputa immobiliare con Prigozhin;
  • un omicidio su commissione di una persona importante a Luhansk; e un viaggio in Siria il 12 febbraio 2017, con il compito di testare varie sostanze chimiche avvelenanti sui membri dell’ISIS e su altri militanti catturati dall’esercito siriano.


Secondo RFE/RL, “la scorsa settimana ignoti hanno anche lasciato un cesto contenente una testa di ariete mozzata e garofani rossi” presso l’ufficio di Novaya Gazeta con un biglietto per il capo redattore e il giornalista che lavorava all’articolo. Lo stesso giorno della pubblicazione dell’articolo, il 22 ottobre, il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha dichiarato che il Cremlino “ha visto l’articolo” su Prigozhin, ma non era “a conoscenza di alcuna conferma delle informazioni pubblicate da parte degli organi competenti”.