Da che età sono obbligatori i tamponi per viaggiare?

0
1573

Ora che un po’ in tutta Europa la situazione Covid si sta placando, si comincia a pensare alle vacanze. Le famiglie con bambini stanno decidendo le mete in cui recarsi quest’estate per riposarsi e divertirsi un po’. Ma da che età sono obbligatori i tamponi a cui vengono sottoposti ai più giovani? Le “regole” cambiano da Paese a Paese.


Test rapido per l’autodiagnosi del coronavirus


Test anticovid: da che età sono obbligatori?

Se si continuerà a rispettare tutte le scadenze e i piani sottoscritti per far uscire l’Europa dall’emergenza Covid, il certificato UE per il virus sarà disponibile dal primo luglio. Il certificato non ha però un unico standard per quanto riguarda i bambini. Da che età sono obbligatori i tamponi? Questa domanda trova una diversa risposta per ogni Paese. Ci sono luoghi in cui il test deve risultare negativo anche nei bambini di due anni e invece posti in cui non si richiede il tampone fino ai 18 anni.

Le regole di Paese in Paese

Come già detto in precedenza, ogni Paese dell’Unione Europea ha le sue regole. Da che età sono obbligatori i tamponi?

  • Austria: i giovani tra i 10 e i 18 anni che non sono stati vaccinati devono effettuare il test
  • Belgio: il tampone si effettua ai bambini e ragazzini compresi tra i 6 e i 18 anni
  • Bulgaria: si può partire per un viaggio solo dopo aver verificato che il test sia negativo. I controlli partono dai 5 anni
  • Cipro: i bambini sotto i 12 anni non sono tenuti ad effettuare il tampone
  • Repubblica Ceca: esenti dall’effettuare il test, i bambini sotto i 5 anni
  • Danimarca: sotto i 15 anni d’età non si effettuano tamponi
  • Francia: chi ha meno di 11 anni non deve fare il test
  • Malta: il Paese non prevede nessuna esenzione dal test, da parte dei minori
  • Italia: i bambini di meno di due anni non devono effettuare il tampone
  • Spagna: chi ha meno di sei anni non deve essere testato
  • Slovacchia: i bambini sotto i 10 anni devono effettuare il test solo se ordinato dal medico

In questo caso quindi, il detto “Tutto il mondo è Paese” perde la propria valenza: prima di partire è necessario informarsi su tutte le norme in vigore.