Cultura nera americana: la grande assente al Met Gala 2021

Il Met Gala 2021 non ha dato risalto alla cultura nera americana: erano pochi gli stilisti di colore e sono mancati riferimenti alle tradizioni e all'eccellenza di questi stilisti.

0
271
Met Gala 2021 mancava cultura nera americana
Al Met Gala 2021 scarsa presenza della cultura nera americana.

Il Met Gala di New York si è tenuto anche quest’anno (13 settembre) tra abiti scintillanti e lussuosi e ospiti di spicco. Eppure mancava qualcosa d’importante. Si è notata, infatti, l’assenza di qualsiasi tipo di riferimento alla cultura nera americana. Tutto ciò, nonostante il tema centrale di quest’edizione fosse proprio la tradizione dell’America nella moda.

“In America: A Lexicon of Fashion”. Era questo l’argomento centrale del Met Gala 2021. Il Costume Institute, però, sembra essersi dimenticato di dare lustro ai diversi e talentuosi stilisti di colore. Sul red carpet, infatti, se ne sono visti ben pochi, e lo stesso discorso vale per le loro creazioni.

Si ipotizza che questa lacuna possa essere legata anche ai costi relativi all’evento. Nel dettaglio, i designer per prendere parte alla manifestazione glamour devono pagare circa 275mila dollari per i tavoli ai quali possono poi invitare diverse star che sfilano sul tappeto rosso con i loro vestiti. Tutto ciò potrebbe aver causato la scarsa presenza dei principali rappresentanti della cultura nera americana.

Il Met Gala 2021 avrebbe potuto fare di più per la cultura nera americana?

Al Met Gala 2021 ha partecipato un grande campione di colore dello sport: Lewis Hamilton. Il pilota di Formula 1, raggiunto da Vogue, si è detto “fortunato” di aver potuto prendere parte all’evento. Inoltre ha ringraziato l’organizzatrice Anna Wintour, la quale gli ha permesso di ospitare alcuni giovani stilisti neri. Si tratta di Kenneth Nicholson, Edvin Thompson di Theophilio e Jason Rembert di Aliétte.

Red Carpet Met Gala: il più ambito di tutti

Le parole di Hamilton hanno messo ulteriormente in risalto la “distrazione” della kermesse di moda sulla cultura nera americana. Questa infatti sarebbe stata un’ottima occasione per mettere in risalto temi importanti quali l’inclusione e la diversità, e per ribadire il No a qualsiasi forma di razzismo.

Le uniche eccezioni sono state Keke Palmer, Natalia Bryant e Rihanna. Le tre dive, però, hanno sfoggiato dei look che non erano un omaggio alla cultura nera americana. Insomma, bisogna riconoscere che sotto questo aspetto, i responsabili del Met Gala 2021 hanno fatto uno scivolone piuttosto eclatante.