Cromoterapia: cos’è e come si può guarire, grazie ai colori

0
108

La cromoterapia, o terapia del colore, è un metodo terapeutico usato fin dall’antichità che usa ii colori per curare diversi disturbi fisici, mentali ed emotivi. Ecco cos’è, come funziona.

Quali sono i colori usati in cromoterapia?

Passare la notte in bianco, vedere tutto nero, essere al verde, avere una fifa blu, e molte sono le espressioni che fanno riferimento ai colori.Il blu del mare, il rosso fuoco di un tramonto, il verde dei prati, il grigio delle città, il nero del temporale. Ogni colore evoca in noi emozioni più o meno piacevoli, legate ai diversi colori.
Leonardo da Vinci affermava che l’intensità della meditazione viene moltiplicata per dieci sotto l’effetto del violetto, spesso usato nelle vetrate delle chiese.

I colori ci stimolano e ci calmano

I colori favoriscono l’energia vitale e, secondo i fautori della cromoterapia, essi guariscono disturbi di vario tipo. Dalla fatica, all’ acne, all’ansia, alla depressione.

Cromoterapia: un po’ di storia

La cromoterapia ha origini antichissime. Le medicine tradizionali hanno infatti da sempre attribuito grande importanza all’influenza dei colori sulla salute e sullo stato d’animo umano. Egizi, Romani e Greci praticavano l’elioterapia (esposizione alla luce solare diretta) per la cura di diversi disturbi, in India la medicina ayurvedica ha sempre tenuto conto di come i colori influenzino l’equilibrio dei chakra, e anche i Cinesi affidavano il proprio benessere all’azione dei vari colori.

La cromoterapia: come funziona?

La cromoterapia usa i colori per aiutare il corpo e la mente a ritrovare il loro naturale equilibrio. Come uno strumento musicale, che deve essere accordato per avere la giusta intonazione e affinché il suono che se ne ricava sia armonioso, allo stesso modo la cromoterapia si serve delle vibrazioni cromatiche per ristabilire l’equilibrio energetico. Se una parte del corpo viene esposta ad una irradiazione colorata, essa assorbe delle onde elettromagnetiche caratterizzate da una certa frequenza oscillatoria. Le cellule del corpo, composte da atomi, entrano in risonanza vibratoria con le frequenze delle onde luminose e ritrovano l’armonia perduta.

Gli effetti della cromoterapia

L’effetto terapeutico del colore sull’organismo umano è quindi legato alla natura oscillatoria dei colori e delle nostre cellule: il malessere o la malattia non sono altro che una disarmonia del ritmo vibratorio cellulare su cui i colori hanno potere armonizzante.

La cromoterapia: gli effetti dei colori

La cronoterapia usa essenzialmente otto colori. Tre colori primari e le loro combinazioni. Ognuno di essi ha effetti ben precisi sul corpo e sulla mente. Qui di seguito la descrizione di ogni colore.

1) Rosso

Questo colore possiede un’energia “molto calda” e i suoi effetti sull’organismo sono: aumenta il numero dei battiti e quindi la circolazione sanguigna, alza la pressione arteriosa, aumenta la frequenza respiratoria, stimola l’attività nervosa e ghiandolare, attiva il fegato e i nervi sensitivi. Per il suo potere decongestionante serve nelle forme dolorose croniche, mentre i suoi effetti sulla psiche sono di energia fisica, evocazione del fuoco, pericolo, distruzione.

2) Blu

E’ un’energia di tipo “freddo” ed è il colore della calma, dell’infinito, della pace e della serenità. Dal punto di vista fisiologico stimola il sistema parasimpatico, diminuisce la pressione arteriosa, il ritmo respiratorio e i battiti del cuore, mentre sulla psiche agisce combattendo sia l’agitazione fisica che mentale ed è quindi usato per favorire rilassamento e distensione.

3) Giallo

Dal punto di vista fisiologico è il colore più adatto agli sportivi perché incrementa il tono neuro muscolare e dà una maggiore prontezza di riflessi, aiuta inoltre la digestione e purifica l’intestino, riducendo il gonfiore addominale. Gli effetti sulla psiche: costituente del sistema nervoso, è un forte stimolatore di allegria, senso di benessere e lucidità.

Come usare la cromoterapia per migliorare la nostra vita

4) Arancione

E’ un colore “caldo” ed è il risultato della combinazione dei raggi rossi e gialli. Questo colore ha un’azione liberatoria sulle funzioni fisiche e mentali, ha una forte proprietà stimolante della tiroide, è antispastico e ottimizza l’attività della milza. Sulla psiche invece induce serenità, entusiasmo, allegria, aumenta l’ottimismo, e la sinergia fisica e mentale.

5) Verde

Energia di tipo “neutro”, il verde si colloca al centro tra i colori freddi e quelli caldi, ne rappresenta la sintesi e dal punto di vista fisiologico aumenta il benessere generale dell’organismo e ripristina l’equilibrio delle sue funzioni. A livello psichico genera calma ed è un sedativo del sistema nervoso: aiuta a combattere irritabilità, insonnia, ansia ed esaurimento.

6) Indaco

Energia di tipo “freddo” che ha la capacità di allargare la nostra comprensione e di curare i disturbi che colpiscono gli organi sensoriali come occhi, naso e orecchie. L’indaco ha effetto rinfrescante, astringente, depuratore del sangue, tonico muscolare e capace di favorire l’intuito.

7) Violetto

Energia di tipo “freddo” capace di stimolare la produzione di globuli bianchi e lo sviluppo scheletrico. Il violetto è utile contro sciatalgie e nevralgie, è attivo contro eczemi, psoriasi, acne e a livello mentale favorisce la spiritualità, l’ispirazione e la fantasia.

8) Turchese

Composto da blu e verde, il turchese calma ed attenua infiammazioni ed infezioni, stimolando il sistema immunitario. Esso stimola inoltre le capacità intellettive e migliora la concentrazione.

La cromoterapia: le tecniche

I colori possono essere assorbiti dal nostro organismo in diversi modi:

Con le irradiazioni luminose fatte con speciali apparecchiature e filtri. Attraverso gli alimenti, ossia mangiando cibi con il loro colore naturale. La luce solare, che comprende nel suo spettro tutti i colori. Con l’acqua solarizzata. Indossando gli abiti, del colore che serve alla propria problematica. Attraverso il bagno, quindi con acque colorate con essenze naturali o luci speciali;. Utilizzando la meditazione, seguendo precise tecniche, come la
visualizzazione e la respirazione. Infine con il massaggio e speciali prodotti o pigmenti colorati.

La cromoterapia ai tempi d’oggi

Negli ultimi anni la cromoterapia è tornata in auge e ha avuto un notevole sviluppo grazie a studi scientifici che hanno evidenziato l’influenza dei colori sul sistema nervoso, immunitario e metabolico. Ma va anche detto che l’efficacia della cromoterapia è contestata da una parte della comunità scientifica, in quanto nessuna pratica cromoterapica è mai stata in grado di superare uno studio clinico controllato, e anche i presupposti della teoria sono considerati scientificamente incoerenti. Mix di fisica, arte, psicologia e medicina.

La cromoterapia è una “terapia dolce”

In quanto non è invasiva e capace di creare dipendenza. È una medicina alternativa, che può essere integrata e non sostituire altre terapie o trattamenti, al fine di potenziarne il risultato.