Cremlino accusa gli USA di aumentare le tensioni

0
305
Cremlino accusa gli USA di aumentare le tensioni

Dopo che il presidente americano Joe Biden ha affermato che gli USA hanno messo in allerta 8.500 soldati, il Cremlino accusa gli USA di aumentare le tensioni nella crisi ucraina. Il portavoce del Cremlino ha poi confermato che il presidente Putin sentirà il presidente francese Emanuel Macron. Putin avrebbe anche programmato un colloquio con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Cremlino accusa gli USA: cos’è successo?

Il presidente americano Joe Biden ha affermato che il Pentagono ha messo in allerta 8.500 soldati per essere pronti a dispiegarsi in Europa in caso di un’escalation della crisi ucraina. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha accusato Washington di aver alimentato le tensioni sull’Ucraina. “Gli USA stanno aumentando le tensioni. Stiamo osservando queste azioni degli USA con grande preoccupazione”, ha detto Peskov commentando la decisone di Biden di mettere in allerta le truppe. Peskov ha poi confermato che il presidente Vladimir Putin terrà un colloquio con il presidente francese Emmanuel Macron. Inoltre ha affermato che Putin ha anche in programma di parlare con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.  

Il portavoce del Cremlino ha infine detto che Mosca è in attesa di una risposta scritta da parte di Washington alla sua lista di richieste di sicurezza che ha presentato la scorsa settimana nei colloqui a Ginevra. Peskov ha poi sottolineato che l’allerta delle truppe statunitensi non ha influenzato i negoziati perché l’attuale fase dei colloqui è stata completata.


Leggi anche: NATO invia navi e caccia in Europa dell’Est