Creduto morto si risveglia in freezer 20 ore dopo

0
267
Anziano chiuso in un Freezer

Anziano di settantaquattro anni gravemente malato e creduto morto si risveglia nel freezer dalla famiglia venti ore dopo. Il fratello dell’anziano rischia gravi danni con la legge dopo il suo gesto, averlo messo in congelatore durante l’organizzazione del funerale.

Siamo in India, Kandhampatti, nel villaggio del Tamil Nadu. L’uomo gravemente malato sembra morto e la famiglia lo posiziona in un congelatore. La testimonianza del fratello dell’anziano presenta una teoria bizzarra. L’uomo è stato posizionato momentaneamente in un congelatore nel mentre si eseguivano le pratiche del funerale. La storia è stata raccontata dall’Indipendent: l’uomo, Balasubramanian Kumar malato da tempo, costretto oramai a letto smette di respirare.

I famigliari dell’anziano e suo fratello credendolo morto lo hanno riposto in un congelatore. Per preservare in questo modo il corpo in attesa del successivo rito funebre. Venti ore dopo, un dipendente dell’agenzia Funebre svela una notizia scioccante: il corpo dell’uomo si muove e respira, in preda a convulsioni.


Incidenti in India dopo post su Facebook: almeno tre le persone morte


Le condizioni dell’anziano in ospedale

L’anziano è attualmente in condizioni critiche e precarie, ricoverato in ospedale. La polizia annuncia delle indagini imminenti tra i famigliari dell’uomo. Accusati di gravi negligenze e noncuranze, in grado di mettere a rischio la vita di un essere umano. Secondo gli investigatori cosa giusta da fare, da parte della famiglia, contattare un medico. Eseguire degli importanti controlli a riguardo.

Alcune emittenti indiane hanno fatto girare un video dell’uomo scoperto durante le convulsioni, in realtà vivo. In quell’istante il fratello dell’uomo ha confessato: «È morto, le convulsioni sono dovute al semplice fatto che l’anima non ha ancora lasciato il corpo». Un’affermazione che sicuramente darà da pensare.

Commenti