Cos’è Davos e perché è importante? La vostra guida all’incontro annuale del World Economic Forum

0
320
World Economic Forum: chi parteciperà?

In qualsiasi altro periodo dell’anno, Davos non è nulla di particolare, se non una famosa località sciistica sulle Alpi svizzere. Ma per una settimana, a gennaio, diventa il centro dell’attenzione mondiale, poiché le élite globali si riuniscono tutte nella piccola città alpina per l’incontro annuale del World Economic Forum (WEF). Perché? Per discutere la direzione futura della vita sul nostro pianeta e le questioni più urgenti del momento. Ma cos’è il WEF, cosa succede a Davos e perché è importante?


Che cos’è il World Economic Forum?


Il WEF è stato fondato nel 1971 da Klaus Schwab, economista e professore svizzero-tedesco, nel tentativo di promuovere la cooperazione globale su questioni politiche, sociali ed economiche. L’obiettivo dell’organizzazione internazionale senza scopo di lucro, che oggi ha sede nei pressi di Ginevra, era quello di riunire il settore pubblico e quello privato per trovare soluzioni a questi problemi globali, cosa che rimane uno dei suoi principi fondanti e che si riflette nella sua dichiarazione di missione: “Impegnarsi a migliorare lo stato del mondo”. La prima riunione del WEF, cinque decenni fa, si tenne a Davos, che da allora è sempre stato il centro del suo incontro annuale, tanto che il nome della località è diventato il termine comune per indicare l’evento.

Chi partecipa a Davos?


Cosa hanno in comune Donald Trump, Greta Thunberg ed Elton John? In apparenza, probabilmente nulla, ma l’unica cosa che li accomuna è il fatto di aver partecipato in passato a Davos. Uno degli aspetti più singolari di Davos sono i partecipanti. Sebbene sia spesso criticato come un negozio di chiacchiere per l’1% privilegiato del mondo, è anche il luogo in cui le persone si recano per cercare di fare pressione e influenzare queste potenti élite al fine di influenzare il cambiamento su scala globale. In genere, vi partecipano leader mondiali – di solito il presidente in carica degli Stati Uniti, i vertici dell’UE e delle Nazioni Unite e così via – ma anche dirigenti d’azienda e imprenditori, pensatori e accademici di spicco, responsabili di ONG e del settore caritatevole, innovatori, media, società civile, attivisti di ogni credo e persino qualche occasionale celebrità. E sono tutti straordinariamente in un unico luogo, nello stesso momento, il che significa un accesso senza precedenti per molti ai decisori globali. L’elenco ufficiale degli invitati è spesso molto esclusivo e comprende circa 2.000-3.000 partecipanti e relatori, ma l’incontro in sé attira altre migliaia di persone per gli eventi collaterali. È anche il luogo in cui le aziende, e persino i Paesi e le regioni, allestiscono le loro bancarelle per vendere concetti e servizi o attrarre investimenti. Lungo la Promenade, l’arteria principale di Davos, si trovano quelle che sono diventate le cosiddette “case”, dove le aziende possono affittare spazi (spesso punti vendita che vengono affittati per la settimana) per allestire ambasciate o avamposti per accogliere i visitatori, tenere riunioni e così via. Al di là dei discorsi programmatici e dei panel presso il Centro Congressi, il fulcro principale di Davos, questo è stato di per sé un segno distintivo importante dell’evento annuale.


Perché andare a Davos?

Uno dei principi fondanti del WEF è quello di essere imparziale, indipendente e privo di interessi particolari. Ma a parte questi sentimenti, a Davos le critiche non sono mai lontane. Data la giustapposizione di programmi concorrenti e la sovrapposizione della sfera politica e di quella aziendale, il WEF è spesso nel mirino degli antagonisti che sostengono che sia una forza maligna nel mondo. Peter Goodman, corrispondente economico del New York Times, ha evidenziato nel suo libro “Davos Man” la contraddizione di chiedere ai miliardari e alle élite che i critici accusano di essere la causa dei maggiori problemi del mondo di trovare il modo di risolverli. Una delle principali critiche mosse ogni anno agli organizzatori dell’evento, ad esempio, è l’ipocrisia di avere la crisi climatica all’ordine del giorno dell’incontro mentre un partecipante su 10 nel 2022 ha viaggiato in jet privato per arrivarci. Sarà anche un negozio di chiacchiere per i ricchi e i potenti del mondo, ma Davos è un forum impareggiabile per la discussione e il dibattito su scala globale e vanta alcuni risultati significativi nei suoi 50 anni di storia. Nel 1988, un accordo firmato durante l’incontro, noto come Dichiarazione di Davos, è stato accreditato per aiutare la Turchia e la Grecia ad allontanarsi dall’orlo di un conflitto armato. Sempre a Davos, nel 1992, Nelson Mandela e l’allora presidente sudafricano FW de Klerk fecero la loro prima apparizione congiunta sulla scena internazionale, probabilmente un passo significativo verso la fine dell’apartheid. I due hanno vinto il Premio Nobel per la pace l’anno successivo. Nel 2000, a Davos è stata lanciata l’Alleanza globale per i vaccini e l’immunizzazione (Gavi), che da allora ha migliorato l’accesso ai vaccini per milioni di persone. Dalla sua creazione, ha contribuito alla vaccinazione di 760 milioni di bambini in tutto il mondo.