Cosa cercava il Capitano James Cook quando attraversò il circolo antartico nel 1773?

0
194
Capitano James Cook


Gli esseri umani sono molto curiosi; vogliamo sapere cosa c’è dietro l’orizzonte. Siamo anche molto competitivi; non solo vogliamo andare “dove nessun uomo è mai stato prima”, ma onoriamo la prima persona che si è dimostrata più veloce. Siamo anche commemorativi, quindi è giusto celebrare il 17 gennaio come anniversario del capitano James Cook che porta la sua nave e l’equipaggio attraverso e oltre il circolo antartico.

L’affermazione di Cook nel registro secondo cui questa era “senza dubbio la prima e unica nave che abbia mai attraversato quella linea” è probabilmente tecnicamente corretta in quanto se le persone avessero navigato su questa linea prima, il che è possibile, probabilmente lo avrebbero fatto in un barca piuttosto che una nave.

Questo è successo nel secondo dei tre viaggi di scoperta di Cook.

Giornali di bordo nei viaggi d’esplorazione: 1

Cook era un brillante navigatore e cartografo e in questo viaggio fu aiutato dalla tecnologia moderna.

Molto è stato raggiunto, ma l’obiettivo non era semplicemente quello di trovare nuovi posti, nuove persone e nuovi impianti, era principalmente una questione commerciale.

La Royal Society e il governo erano entrambi desiderosi di risolvere il dubbio sull’esistenza o la non esistenza di Terra Australis (una grande e fertile massa di terra a sud dell’Australia).

Cook arrivò a Spithead in una situazione piuttosto avariata, il 30 luglio 1775, dopo oltre tre anni. Aveva dimostrato che non c’era Terra Australis che scorreva con latte e miele a sud dell’Australia; se ci fosse stata una massa polare terrestre, e Cook probabilmente pensava ci fosse, era un terreno di ghiaccio sterile e nessuno avrebbe voluto andarci, poiché non potevano esserci scambi e profitti.

La scienza era vista come il mezzo per promuovere gli scambi commerciali che a loro volta avrebbero portato ricchezza a beneficio dell’intero paese.

La logica era semplice: più territorio controllato dalla Gran Bretagna conteneva preziose materie prime, più grande sarebbe il commercio e più ricco sarebbe il paese, soprattutto perché lo stesso territorio controllato sarebbe un mercato sicuro per i manufatti britannici.

Quindi la prosperità di una nazione dipendeva dalla sconfitta dei rivali commerciali; cogliere il controllo di materie prime e mercati redditizi; messa in sicurezza delle rotte commerciali; incoraggiare una grande marina mercantile; finanziare una forte marina; costruzione di navi all’avanguardia; sviluppare nuove tecnologie per migliorare la navigazione e la scoperta efficaci; ed essere costantemente alla ricerca di prodotti naturali nuovi e commerciali.

Con il progredire del 18 ° secolo, la Gran Bretagna espanse il suo commercio facendo la maggior parte di quanto sopra, e alla fine (ma né in modo costante né facile) facendo meglio che i loro principali rivali commerciali in Olanda, Francia e Spagna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here