Corte Suprema: Biden dovrebbe considerare “tutti i possibili candidati”

0
311
Corte Suprema: Biden

La decisione del presidente americano Joe Biden di nominare una donna nera alla Corte Suprema sta facendo discutere. Biden, infatti, affermando che nominerà una donna nera sembra dire che il candidato sarà scelto in base alla razza e al genere e non al merito. Un sondaggio mostra che la maggior parte degli americani (76%) pensa che il presidente Biden dovrebbe considerare “tutti i possibili candidati” per la Corte Suprema.

Corte Suprema: cosa ne pensano gli americani della scelta di Biden?

Il giudice della Corte Suprema americana, Stephen Breyer, ha annunciato che andrà in pensione alla fine di questo mandato dopo 27 anni nell’alta Corte. Il presidente Biden ha ora la possibilità di scegliere il successore di Breyer. Biden ha affermato di voler mantenere il suo impegno, fatto in campagna elettorale, di nominare una donna di colore. “La persona che nominerò sarà qualcuno con qualifiche, carattere, esperienza e integrità straordinari. E quella persona sarà la prima donna di colore mai nominata alla Corte Suprema degli Stati Uniti“, ha detto Biden. “Secondo me è atteso da tempo. Ho preso quell’impegno durante la campagna per la presidenza e manterrò quell’impegno”, ha aggiunto.

Ma cosa ne pensano gli americani della decisione di Biden? Secondo diversi sondaggi sembrerebbe che la maggior parte degli americani vuole che il presidente preda in considerazione “tutti i possibile candidati” e non solo donne afroamericane. Un sondaggio di ABC News/Ipsos ha mostrato che il 76% degli americani vuole che il presidente consideri “tutti i possibili candidati”. Solo il 23% vuole invece che consideri solo le donne di colore per la nomination. Il sondaggio mostra anche che il 54% dei democratici ha affermato che Biden dovrebbe prendere in considerazione tutti i potenziali candidati.

La nomina dovrebbe basarsi sul merito

La decisione di Biden di nominare una donna nera alla Corte Suprema sta facendo discutere negli USA. Biden infatti ha affermato che nominerà di sicuro una donna nera mettendo davanti a tutto il fatto che sia di colore e non le sue credenziali. L’eccellenza indiscussa dei candidati dovrebbero far guadagnare loro l’approvazione, non una promessa elettorale che rischia di compromettere la validità del candidato. Biden affermando che candiderà di sicuro una donna nera sembra dire che sceglierà il candidato in base al genere e alla razza e non in base al merito.

L’impegno del presidente limita la rosa dei candidati a un particolare sottoinsieme di gruppi sottorappresentati, precludendo di fatto la selezione di qualsiasi altro candidato. L’uso esplicito da parte di Biden della razza e del genere come criteri per la scelta del prossimo giudice della Corte Suprema solleva anche questioni legali legittime. La legge afferma infatti che è incostituzionale o illegittimo per le scuole e le imprese selezionare i candidati per ammissioni o assunzioni in base alla razza o al genere.


Leggi anche: USA: Stephen Breyer si ritira dalla Corte Suprema