Correnti polari verso l’Italia porteranno la prima neve sui monti

0
173
Correnti polari

Correnti polari verso l’Italia porteranno la prima neve sui monti. Dopo la tregua prevista per martedì 12 ottobre ci attende una situazione meteo decisamente movimentata.

Dalla parte centrale della settimana l’Italia sarà infatti investita da correnti intense e fredde in arrivo da latitudini molto elevate che sferzeranno il paese da nord-est. Le aree colpite con più intensità dai venti freddi saranno il versante adriatico e le regioni settentrionali, ma gli effetti del nuovo affondo freddo si faranno sentire in tutto il Paese, soprattutto per quanto riguarda le temperature.

La colonnina di mercurio è infatti destinata a precipitare in modo brusco e decisamente sensibile: l’apice del freddo è al momento previsto tra giovedì e la prima parte di venerdì, quando in generale avremo valori inferiori alla media stagionale di 7-8 gradi. Le temperature saranno tipiche di inizio novembre più che di ottobre! Tra i protagonisti meteo dei prossimi giorni anche il ritorno dell’instabilità, che si farà sentire soprattutto al Sud e in modo più marginale sul versante adriatico.

Allerta meteo gialla: per la giornata di domani 11 Ottobre: l’elenco delle regioni

Calo termico di 10-15 gradi: è l’Autunno del cambiamento climatico

Da Lunedi prove d’Inverno: freddo e neve sull’Appennino

La tendenza meteo più nei dettagli

Mercoledì osserveremo in tutte le regioni nuvolosità variabile.
Al mattino possibilità di qualche pioggia su basso Veneto, Emilia Romagna, Calabria e nord della Sicilia. Nel pomeriggio rovesci isolati sull’Emilia Romagna, sui rilievi marchigiani e abruzzesi e in Sardegna; rovesci e temporali in Calabria, sulla Puglia meridionale e sul nord della Sicilia. La sera il maltempo insiste all’estremo Sud; qualche pioggia anche in Abruzzo.

Il clima sarà piuttosto fresco per il periodo in tutte le nostre regioni e soffieranno venti fino a moderati, in prevalenza settentrionali.

Giovedì l’instabilità tenderà a intensificarsi specialmente all’estremo Sud e in Sicilia, dove i fenomeni saranno più diffusi, e rovesci e temporali più isolati coinvolgeranno anche il medio versante adriatico.

Venti freddi sferzeranno con più intensità il versante adriatico della penisola e le regioni meridionali, e in tutto il Paese assisteremo a un più deciso calo delle temperature che precipiteranno su valori tipici di inizio novembre.

La ventilazione settentrionale insisterà anche nella giornata di venerdì e in parte di quella di sabato, quando si attenuerà gradualmente sul Centro Italia.
Anche l’instabilità atmosferica sembra destinata a insistere all’estremo Sud fino a venerdì. Per il fine settimana, poi, stando alle attuali proiezioni sembra profilarsi una situazione meteo più tranquilla, con tempo stabile ovunque e attenuazione dei venti freddi.

Fonte: Centro Meteo Europeo