Corporate Art Collection: imprese e mondo dell’arte

Giovedì 27 maggio incontro con Dario Franceschini per un confronto sulla gestione del sistema museale nazionale nel pubblico e nel privato

0
651
Corporate Art Collection e il Ministro della Cultura Dario Franceschini (articolo di Loredana Carena #loredanacarena @artecarenalo)

Corporate Art Collection è un fenomeno che sta progressivamente crescendo anche in Italia. Basate sull’investimento delle imprese in opere d’arte, sino a costituire delle vere e proprie collezioni, le Corporate Art Collection stanno diventando una realtà privata importante nella gestione dei beni culturali. Per tale motivo necessitano di linee guida e di standard “Tutela”, così come già avviene per i musei a gestione pubblica.

Qual è il rapporto tra le Corporate Art Collection e le normative museali nazionali?

Il confronto tra i modelli pubblici e quelli privati nella gestione del patrimonio artistico verrà fatto in occasione della terza edizione di “Arte e Impresa”. Si tratta di un format ideato da M4Art, azienda leader nel settore dei beni culturali e, in particolare, in quello delle Corporate Art Collection.

L’evento, “Lo standard da valore: modelli e prospettive tra pubblico e privato”, si terrà giovedì 27 maggio 2021 alle ore 15,00 e verrà trasmesso in diretta sulla piattaforma www.posso.it. L’incontro, patrocinato dal Ministero della Cultura, sarà introdotto dal ministro del dicastero, Dario Franceschini, e includerà gli interventi dei principali rappresentanti del settore. Tra questi Massimo Osanna, direttore generale Musei del Ministero della Cultura, Antonio Calabrò, direttore Museimpresa, Antonio Alunni, presidente Gruppo Tecnico Cultura Confindustria, e Fabiana Ciafrei, Founder&CEO di M4Art.

L’incontro ha lo scopo di approfondire il sistema degli standard di certificazione nei beni culturali. Punto di partenza è il decreto del 2018, firmato da Dario Franceschini, che ha sancito la nascita del “Sistema museale nazionale”. Ciò significa che i singoli luoghi di cultura, per essere considerati tali, devono soddisfare i parametri stabiliti nei “Livelli uniformi di qualità” (LUQ). Nel settore del patrimonio culturale, però, rientrano anche i Museimpresa delle Corporate Art Collection. Ed è per tale motivo che M4Art focalizza l’attenzione sull’urgenza di creare degli standard e delle certificazione di qualità anche per tutte le aziende che posseggono dei patrimoni culturali.

Quali realtà aziendali fanno parte delle Corporate Art Collection?

Le aziende italiane che, negli ultimi anni, hanno deciso di investire una parte del loro capitale d’impresa nel mondo dell’arte sono differenti. Alle iniziali assicurazioni e banche si sono aggiunte società attive nel settore agroalimentare, manufatturiero, della moda, siderurgico, ecc…

Il brand dell’azienda si diffonde non solo nel settore produttivo e commerciale, ma anche in quello artistico – culturale. Le collezioni delle imprese, che fanno parte delle Corporate Art Collection, vengono costituite non solo per una fruizione interna all’azienda, ma per una visione più ampia e capillare. Con un rapporto virtuoso e sinergico tra pubblico e privato si può creare, quindi, un sistema nazionale per una tutela capillare dell’intero patrimonio culturale.


Leggi anche: https://www.periodicodaily.com/francesca-lavazza-presidente-del-castello-di-rivoli/