Coronavirus, parla il paziente 1: “Si può guarire, state a casa”

0
602

Per la prima volta torna a parlare il paziente 1 COVID-19, ritenuto il primo caso accertato di Coronavirus in Italia. Dimesso oggi dell’ospedale di San Matteo di Pavia dopo essere stato ricoverato il 19 febbraio scorso in condizioni critiche presso il nosocomio di Lodi, Mattia, questo il suo nome, ha raccontato la sua esperienza in un video trasmesso dal profilo Facebook della Regione Lombardia:”Io sono stato fortunato, state a casa. È fondamentale stare a casa –aggiunge- la prevenzione è indispensabile, allontanarsi dai propri cari e dai propri amici. Non si può sapere chi è contagiato. Io sono stato molto fortunato, da questa malattia si può guarire. È difficile fare il racconto di cui che mi è successo: ricordo il ricovero in ospedale, sono stato 18 giorni in terapia intensiva e poi nel reparto di malattie infettive dive ho iniziato ad avere il contatto con il mondo reale e fare la cosa più bella: tornare a respirare”. Poi conclude chiedendo “rispetto per la mia privacy per tornare a condurre una vita normale dimenticando questa brutta esperienza”.

Il direttore del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale San Matteo di Pavia, Raffaele Bruno, che ha seguito il paziente durante la malattia ha confermato che “Mattia ora sta bene: lo conferma l’esito dei tamponi a cui è stato sottoposto in questi giorni. A casa potrà condurre una vita normale, perché è guarito a tutti gli effetti.Guarire lui, dal punto di vista professionale, mi ha insegnato che la normalità è un privilegio”.

Commenti