Coronavirus: in USA potrebbero morire in 100 mila

0
261
Coronavirus: in USA potrebbero morire in 100 mila

Negli USA i casi confermati di COVID-19 sono saliti a oltre 135.000 e aumentano di oltre 20.000 in un solo giorno. Sono morte 2.400 persone.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: Trump è negativo al test

Il Coronavirus negli USA

Nell’attuale epicentro della crisi negli Stati Uniti, nello stato di New York, il numero di casi confermati è salito a quasi 60.000 e il bilancio delle vittime ha superato le 1.000.

Domenica, i due principali funzionari sanitari della Task Force del Coronavirus di Trump, il dott. Tony Fauci e la dott.ssa Deborah Birx hanno lanciato terribili avvertimenti di un rapido aumento in infezioni e decessi. Fauci ha detto che potrebbe causare “milioni di casi” negli Stati Uniti e “tra 100.000 e 200.000 morti“. Birx ha ammesso che il governo si aspettava che la crisi si diffondesse in ogni regione del paese. “Ogni area metropolitana dovrebbe presumere che potrebbero avere un focolaio equivalente a New York”, ha detto.

Le conseguenze economiche e sociali di una simile catastrofe per la salute pubblica sono incalcolabili. Le tensioni sociali e di classe continueranno a crescere, portando a un’inevitabile esplosione di opposizione popolare.

La decisione di Trump

Nel giro di due giorni, Trump fu costretto a invertire le politiche che aveva precedentemente annunciato. Sabato ha improvvisamente annunciato che probabilmente avrebbe proclamato in breve tempo una quarantena “esecutiva” della regione dei tre stati di New York-New Jersey-Connecticut. Questa misura, apparentemente presa per contenere la diffusione del virus, vieterebbe a 30.000 residenti di lasciare il proprio stato.

In risposta all’annuncio di Trump di una possibile quarantena di New York, il Governatore Andrew Cuomo sabato l’ha definita una “dichiarazione di guerra federale” che ha aperto un “tipo di discussione sulla guerra civile”.

Sotto l’immensa pressione esercitata dal suo stesso partito e dalla sua stessa amministrazione, Trump ha abbandonato la proposta più tardi sabato.

Al briefing stampa quotidiano di domenica sul coronavirus, Trump ha annunciato che stava abbandonando la sua richiesta di “aprire” il paese entro Pasqua, il 12 aprile, e di ordinare a tutti i lavoratori di tornare al lavoro. Invece, ha prorogato fino al 30 aprile l’advisory pubblicato all’inizio di marzo chiudendo efficacemente la maggior parte dei luoghi di ritrovo pubblici e molte aziende.

Mancanza di rifornimenti

La crescente crisi politica è aggravata da notizie provenienti da tutto il paese di una mancanza di rifornimenti vitali, ospedali sommersi, inaccessibilità dei test e medici che affrontano l’orrenda richiesta di razionare le cure salvavita e decidere chi vivrà e chi morirà.

La California stima di aver bisogno di 10.000 ventilatori e ne ha ricevuti 170, mentre la Louisiana ne ha richiesti 5.000 dalla riserva nazionale e ha ricevuti zero.

Gli ospedali di New York City stanno lottando per fornire ventilatori ai malati. Le scorte attuali di maschere, abiti, occhiali e guanti probabilmente finiranno questa settimana.

Commenti