Coronavirus: anche il Presidente del Piemonte Alberto Cirio positivo

0
570

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio è risultato positivo al coronavirus. Le sue condizioni di salute sono buone e continuerà a lavorare a distanza. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato nella notte un decreto per contenere i contagi che prevede controlli per chi si sposta dalla zona rossa.

Coronavirus: in UK nuove misure per far fronte all’epidemia

Il governatore del Piemonte positivo al test coronavirus

Dopo la notizia di ieri della positività del segretario del PD Nicola Zingaretti al tampone sul coronavirus, anche il governatore del Piemonte Alberto Cirio ha comunicato con una diretta facebook di essere stato contagiato. 

Corona Virus Piemonte – Non molliamo

Pubblicato da Alberto Cirio su Domenica 8 marzo 2020

“Le sue condizioni di salute sono buone e il Presidente ha già attivato tutte le procedure previste per le verifiche e la messa in sicurezza delle persone a lui più vicine, a cominciare dalla Giunta, lo staff e i colleghi, le persone con cui è stato a contatto di recente e naturalmente la sua famiglia” si legge in una nota ufficiale. Nel comunicato stampa è stato ribadito: “Il presidente della regione continuerà a lavorare. Lo farà inevitabilmente a distanza, ma in costante collegamento e garantendo al Piemonte, ai piemontesi e all’Italia il suo massimo supporto”.

Salerno: controlli e identificazione per chi arriva dal Nord

Coronavirus, controlli sugli spostamenti per chi parte dalla Lombardia e dalle 14 province della zona rossa

Durante la notte il presidente Conte ha firmato un decreto del presidente del Consiglio che limita le possibilità di movimento nelle zone più colpite dal contagio Coronavirus. “Non è un divieto”, spiega il primo ministro, ma “un vincolo per evitare spostamenti non necessari” nell’intera Lombardia e in quattordici province di Veneto, Emilia Romagna, Piemonte e Marche. Non si bloccano treni e aerei, sarà possibile muoversi  per comprovate esigenze lavorative o per emergenze. La polizia potrà fermare i cittadini e chiedere loro spiegazione in merito allo spostamenti in territori dove la crescita dei casi di contagio porta il governo a disporre misure restrittive.

Giuseppe Conte nella notte dopo la firma del decreto ha dichiarato: “Mi assumo la responsabilità politica delle decisioni che vengono prese in queste ore”. Il primo ministro inoltre  lancia un appello sul senso di responsabilità. Conte ribadisce con forza che per fermare il contagio non si può più “fare i furbi” e invita soprattutto i ragazzi a stare in casa a leggere e tutelare così la salute dei loro nonni e di tutte le persone a rischi. 

Commenti