Cordone di sicurezza intorno al Parlamento polacco: per la protesta pro aborto

0
359
parlamento polacco

Torna in piazza “Strajk Kobiet” (Sciopero delle donne) ed il governo della Polonia blinda il Parlamento. Centinaia, forse migliaia, di agenti di polizia hanno creato un cordone di sicurezza intorno al Parlamento polacco e nell’area attigua del centro di Varsavia.

Perché la manifestazione introno al parlamento polacco?

Lo “Straik Kobiet” ha scelto di manifestare oggi perché dopo due settimane si riunisce il Parlamento polacco. Questa data non è casuale. Secondo lo Sciopero delle donne oggi dovrebbe essere presentato un disegno di legge su “ospizi prenatali”, ovvero il partito Solidarna Polska ha annunciato di voler proporre di dare a una donna incinta che viene a conoscenza di un difetto fetale letale di beneficiare di assistenza medica professionale.

Cosa vogliono le donne polacche

Inoltre nel progetto di legge sono previste misure di sostegno alle donne incinte da parte di una squadra di esperti tra cui medici e psicologi che aiuteranno a determinare il luogo appropriato per il parto e come proteggere la donna fino al parto e dopo il parto. Questa parte del progetto di legge solleva grande preoccupazione tra i movimenti pro-aborto. In un post pubblicato su Instagram e Facebook “Straik Kobiet” afferma che “questa proposta di legge significa che dopo aver riscontrato un difetto durante i test prenatali, le donne incinte dovrebbero essere chiuse tra quattro mura, in modo che non possano abortire dove è legale e sicuro”. Nell’agenda ufficiale del Parlamento non risulta però che questo progetto sarà presentato.

Continua la protesta in Polonia
Polonia – Premier fa appello ai manifestanti: concentrate la vostra rabbia su di me
Enormi proteste in Polonia: “Vorrei poter abortire il mio governo”
Polonia – Questo e il tempo delle donne
Polonia – Lempart a ”Die Zeit” siamo in guerra contro il governo
Violenza nelle strade in Polonia: protesta contro il divieto totale di aborto
Protesta del movimento delle donne in Polonia entra nelle Chiese