Cop26: Regno Unito chiede di raggiungere obiettivi entro 2050

Il presidente della Cop26 del Regno Unito chiede al mondo di raggiungere gli obiettivi di net zero entro il 2050

0
207
Cop26

Il presidente della Cop26 del Regno Unito, Alok Sharma, ha affermato che il mondo deve essere messo sulla buona strada per raggiungere lo zero netto entro il 2050. Per Sharma, affinché i colloqui di Glasgow che si terranno a novembre siano giudicati un successo, i governi dovrebbero definire con urgenza i loro obiettivi per ridurre le emissioni di gas serra nel prossimo decennio.

Cop26: cosa chiede il Regno Unito?

Il presidente della Cop26 del Regno Unito, Alok Sharma, ha chiesto che il mondo sia messo sulla strada per raggiungere lo zero netto entro i l 2050. Sharma ha affermato che affinché i colloqui di Glasgow possano essere definiti un successo, i governi dovrebbero definire con urgenza i loro obiettivi per ridurre le emissioni di gas serra nel prossimo decennio. Il presidente ha esortato i paesi a porre fine alla vendita di nuovi veicoli a benzina e diesel e alle centrali elettriche a carbone.  Sharma, in una lettera al Guardian, ha esposto gli obiettivi del Regno Unito. Gli obiettivi sono quattro: riduzione delle emissioni entro il 2030; introdurre la società civile nei colloqui; incoraggiare i paesi ricchi a fornire finanziamenti ai paesi più poveri; formulare dei piani affinché i paesi si adattino agli impatti della crisi climatica.

Il Regno Unito sollecita gli altri paesi a seguire il suo esempio

Sharma, accanto a questi obiettivi sollecita alcune politiche specifiche. Ha scritto: “Nel corso di quest’anno vogliamo che i paesi assumano impegni ambiziosi per porre fine alla vendita di nuovi veicoli a benzina e diesel. E vogliamo nuovi impegni significativi per porre fine alla nuova energia a carbone e eliminare gradualmente gli impianti esistenti. Il carbone è una reliquia di un’epoca passata, e quest’anno abbiamo bisogno di una spinta finale per lasciarlo nel passato al posto a cui appartiene”. Sharma ha anche invitato i paesi a garantire una ripresa verde dalla pandemia di coronavirus. Ha inoltre indicato che gli altri paesi dovrebbero seguire le politiche del Regno Unito sull’eliminazione graduale di automobili e carbone. Tuttavia, il governo britannico ha dovuto affrontare numerose domande sul proprio impegno per la ripresa verde. Ma anche per la mancanza di un piano dettagliato per raggiungere le emissioni nette zero.


UK: disputa tra apertura nuova miniera di Coke e vertice sul clima

Commenti