COP26 2021: data, questioni urgenti, misure da discutere

0
526
Cop26

Riduzione delle emissioni, aiuti ai paesi poveri, mercato del carbonio… i temi che saranno affrontati durante la COP26 2021 sono strategici nella lotta contro il riscaldamento globale.

Cosa aspettarci dal COP26 2021?

L’ultimo rapporto dell’IPCC è stato un doloroso promemoria: la crisi climatica sta peggiorando ed è più urgente che mai agire per combattere l’aumento della temperatura media globale. In questo contesto, la COP26, che riunirà quasi 200 stati all’inizio di novembre per rivedere le politiche climatiche in atto, è un incontro cruciale. Il documento che presenta le questioni in gioco al COP26 descrive in dettaglio i rischi che affrontiamo e le numerose misure che potrebbero aiutare a prevenirli: fissare obiettivi più ambiziosi di riduzione delle emissioni di carbonio, proteggere gli ecosistemi e renderli resilienti, finanziare la transizione verde a livello mondiale, ecc. Abbiamo selezionato le questioni più importanti e aggiunto alcune questioni strategiche che non sono esplicitamente menzionate ma che saranno anche al centro del dibattito.

DOVE E QUANDO SI TERRÀ COP26?

La 26esima edizione del COP avrà luogo a Glasgow, in Scozia. Si terrà dal 31 ottobre al 12 novembre 2021.

COSA E’ COP26

COP è l’acronimo di Conference of the Parties. È un evento internazionale organizzato dalle Nazioni Unite per organizzare la lotta contro il cambiamento climatico. Si svolge ogni anno in un paese diverso e vi partecipano quasi 200 stati.

QUALI SARANNO I TEMI PRINCIPALI DEL COP26?


Fissare nuovi obiettivi di riduzione delle emissioni

Ogni cinque anni, i paesi devono aggiornare le loro politiche di riduzione delle emissioni di gas serra. L’idea è naturalmente quella di aumentare le ambizioni e di assicurare che gli obiettivi fissati siano coerenti con la soglia di riscaldamento che stiamo cercando a tutti i costi di non superare (ben al di sotto dei 2°C). Questo è ben lungi dall’essere il caso al momento: secondo il Climate Action Tracker – che ha esaminato le politiche di molti firmatari dell’accordo di Parigi – finora solo uno stato ha preso misure adeguate per rimanere sotto i 2°C: il Gambia.

Cosa dice il documento

Per raggiungere questo obiettivo (oltre il quale gli effetti del riscaldamento sarebbero particolarmente pericolosi), è essenziale che il mondo raggiunga il carbonio zero entro il 2050, ma anche che sia sulla buona strada nel termine molto più breve, entro il 2030. “Per raggiungere gli obiettivi richiesti, i paesi devono accelerare l’eliminazione del carbone, incoraggiare gli investimenti nelle energie rinnovabili, prevenire la deforestazione e accelerare la transizione ai veicoli elettrici“, dice il documento di presentazione della COP26.

L’accordo di Parigi

Gli impegni presi nel 2015 nell’accordo di Parigi non sono affatto sulla strada giusta. “Ci indicano un riscaldamento di ben oltre 3°C entro il 2100, rispetto al livello preindustriale. Se continuiamo a questo ritmo, le temperature continueranno ad aumentare, portando a inondazioni più catastrofiche, incendi boschivi, eventi meteorologici estremi e perdita di specie”, dice il sito web della COP26. Alcuni progressi sono stati fatti negli ultimi mesi per avvicinarsi ai 2°C (in particolare l’impegno della Cina a non finanziare più le centrali a carbone all’estero). Ma è la soglia di 1,5°C che dobbiamo sforzarci di raggiungere a tutti i costi, sottolineano gli organizzatori della conferenza sul clima.


Il vertice della Cop26 di Glasgow a rischio fallimento

Organizzazione dei mercati del carbonio


I paesi devono concordare una serie di regole per far funzionare efficacemente i mercati del carbonio. Lo scopo di questi sistemi è di dare alle aziende un incentivo per ridurre le loro emissioni attraverso le quote di carbonio. Quando lo fanno, devono comprare “quote di carbonio” aggiuntive per compensare i loro sforamenti. Così, quando il prezzo del carbonio aumenta, le aziende più inquinanti pagano un prezzo più alto – che può essere usato per premiare altre iniziative più verdi. Tuttavia, i paesi stanno lottando per accordarsi su come questi mercati dovrebbero funzionare. Non sono riusciti a raggiungere un accordo alla COP25 di Madrid.

Finanziare la transizione verde dei paesi più poveri

È risaputo che il cambiamento climatico influenzerà l’intero pianeta. Anche le misure di prevenzione devono essere prese in tutto il mondo. Ma non tutti i paesi hanno le stesse risorse finanziarie per fare questa transizione. È quindi essenziale che i paesi più ricchi li aiutino a ridurre le loro emissioni. Questo è tanto più coerente se si considera che i paesi ricchi sono responsabili di una quota schiacciante delle emissioni di gas serra attuali e passate. Il loro sviluppo economico è stato alimentato dall’uso di grandi quantità di combustibili fossili. Sono stati promessi aiuti significativi: 100 miliardi di dollari ogni anno. Il problema è che, finora, questo obiettivo non è stato davvero raggiunto. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha riferito che nel 2019 il contributo è stato di 79,6 miliardi di dollari e di 78,3 miliardi di dollari nel 2018. L’energia è una risorsa di cui è difficile vivere senza nella vita quotidiana. Senza i mezzi per costruire infrastrutture energetiche più verdi, i paesi poveri continueranno a usare energia a base di carbonio e quindi a emettere gas a effetto serra.

Ridurre le emissioni di metano

Forse perché rimane nell’atmosfera per un periodo di tempo più breve, il metano è stato a lungo “oscurato” dalla CO2 nel dibattito sui gas serra. Eppure il metano è un gas molto problematico, poiché ha un potere di riscaldamento 80 volte superiore a quello dell’anidride carbonica. Questo è tanto più spiacevole perché le misure per ridurre le emissioni di metano sono ben identificate e non eccessivamente costose. Molte emissioni di metano si verificano come risultato di perdite sciocche nei siti di petrolio e gas. Prevenirli ridurrebbe quindi già le emissioni di questo potente gas a effetto serra. Anche i cambiamenti nella nostra dieta e nelle pratiche agricole avrebbero un impatto significativo (molto metano proviene dalle scoregge e dai rutti dei ruminanti, ma anche dalle coltivazioni di riso). Fortunatamente, la questione sembra finalmente venire alla ribalta. Gli Stati Uniti e l’Europa hanno annunciato un patto per ridurre le emissioni di metano del 30% entro la fine del decennio. Il patto sarà presentato ufficialmente durante il COP26. Resta da vedere quanti paesi gli europei e gli americani riusciranno a convincere ad unirsi al movimento.

QUALI PAESI PARTECIPERANNO A COP26?

Le 197 “parti” riunite dalle COP sono composte da 196 stati e dall’Unione Europea. Questi sono tutti i paesi che hanno firmato la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.