Conto corrente e conto deposito: le differenze

0
223

Il conto corrente e il conto deposito sono gli strumenti finanziari più utilizzati per custodire i propri soldi. Entrambi consentono infatti di depositare delle somme di denaro, ma le loro funzioni sono in realtà molto diverse.

Cos’è il conto corrente

Il conto corrente bancario ti consente di gestire i tuoi soldi in modo agevole. Vista la sua versatilità, si tratta di uno strumento molto rilevante per la vita quotidiana e proprio per questo tutti possono aprirne uno per accedere ai servizi bancari essenziali. Pertanto è facile trovare un conto corrente online da aprire in modo veloce e scegliere quello che meglio si adatta alle tue esigenze. Tramite un conto corrente puoi farti accreditare lo stipendio (o la pensione) oppure riscuotere altri incassi e puoi fronteggiare le spese correnti in piena comodità e sicurezza, avendo a disposizione diverse opzioni: il conto corrente è identificato da un codice univoco (l’IBAN) che facilita le transazioni nazionali e internazionali e ti dà accesso alle carte di credito o di debito e al libretto degli assegni. Inoltre puoi farti fare credito dalla banca richiedendo un fido bancario, ossia una somma aggiuntiva al tuo saldo, a fronte del pagamento delle commissioni e degli interessi. In pratica, con i servizi generalmente inclusi nel conto corrente puoi prelevare contanti, puoi effettuare pagamenti periodici con addebito diretto sul conto, utili ad esempio per le bollette, puoi effettuare dei bonifici, acquistare online e pagare tramite POS presso gli esercizi commerciali.

Cos’è il conto deposito a risparmio

Anche nel conto deposito a risparmio puoi depositare il tuo denaro ma, in questo caso, è la banca ad avere il diritto di disporre delle somme depositate per un determinato periodo di tempo. Di fatto, i depositi a risparmio sono un modo che hanno le banche di raccogliere denaro chiedendolo sostanzialmente in prestito. La banca si impegna infatti a restituire le somme alla scadenza pattuita o su richiesta del titolare del conto, remunerandolo con il pagamento degli interessi. Va da sé che un conto deposito a risparmio può avere solo un saldo positivo.

Le principali differenze

Già da queste definizioni possiamo cominciare ad individuare i principali elementi che distinguono questi strumenti. Vediamoli più nel dettaglio.

Finalità

  • Il conto corrente bancario serve a custodire il denaro e consente di gestire facilmente tutte le entrate e le uscite.
  • Il conto deposito a risparmio, oltre a custodire i risparmi, ha anche una finalità di investimento visto il rendimento che è possibile ricavare.

Servizi

  • Il conto corrente bancario consente di effettuare una molteplicità di operazioni proprio per la sua finalità di gestione corrente del denaro.
  • Il conto deposito a risparmio ha un’operatività limitata a semplici movimenti, come versamenti e prelievi, dato che lo scopo è quello di lasciare depositato il denaro e farlo fruttare facendo maturare gli interessi.

Rendimento

  • Il conto corrente bancario ha generalmente un tasso di interesse basso o del tutto assente.
  • Il conto deposito a risparmio offre tassi di interesse superiori, legati all’entità del vincolo sulle somme depositate e alla durata del vincolo.