Conte e l’intransigenza sulla legalità

0
268

Giuseppe Conte e l’intransigenza sulla legalità. Sì, perchè questo tema sta molto a cuore all’ex Presidente del Consiglio. Con un lungo post su Facebook Conte ha espresso la posizione del Movimento 5 Stelle sulla giuridicità. Tutto è nato dalla lettera di scuse di Di Maio all’ex sindaco di Lodi, Simone Ugetti, assolto dall’accusa di turbativa d’asta.


Casaleggio disconosce Conte: “Ignoro che idee abbia”


Conte e l’intransigenza sulla legalità: quale il suo pensiero?

Giuseppe Conte si è espresso in un lungo post su Facebook, riguardo al tema della legalità e sul significato profondo che assume per il Movimento 5 Stelle. L’ex Premier ha voluto chiarire l’intransigenza nei confronti di un argomento così importante. Dopo che Di Maio aveva scritto una lettera pubblica al “Foglio” dove si scusava con Simone Ugetti, ex sindaco di Lodi, accusato e poi assolto in appello, Conte ha voluto esprimersi.

Queste le parole del post: “Sul tema più ampio della giustizia, il Movimento ha le competenze e le capacità per esprimere una cultura giuridica solida e matura. Continueremo ad assicurare il nostro massimo impegno per realizzare le riforme già avviate, nel segno di un “sistema giustizia” più celere, più efficiente, ma anche più equo e giusto. Ci faremo scrupolo di applicare tutti i principi costituzionali che coinvolgono i cittadini sottoposti a indagini e agli accertamenti giudiziali, a partire dalla presunzione di innocenza e dal principio della durata ragionevole dei processi. Ma sia chiaro: la via maestra è realizzare un sistema che offra risposte chiare e certe alla domanda di giustizia, non scorciatoie nel segno della “denegata” giustizia”. Sulla giustizia quindi non si discute e soprattutto non si prendono scorciatoie.