Congo-Brazzaville: durante le elezioni internet down

Nella giornata di ieri le autorità di Brazaville hanno bloccato gli accessi al web.

0
498
Congo-Brazzaville

Per tutta la giornata di ieri, a elezioni in corso, l’esecutivo del Congo-Brazzaville ha bloccato la rete internet. Come già accaduto in altri paesi africani, i governi impediscono gli accessi ai siti di informazione e ai social per evitare le manifestazioni di dissenso. Mentre è ancora in atto lo spoglio delle schede elettorali, è arrivata la notizia della morte di Guy Brice Parfait Kolelas, principale sfidante di Nguesso.

Cos’è avvenuto ieri nel Congo-Brazzaville?

Nella giornata di ieri nel Congo-Brazzaville si sono svolte le elezioni presidenziali. Gli elettori si sono recati alle urne per eleggere il nuovo presidente. Sei candidati di opposizione hanno sfidato Denis Sassou Nguesso, quasi ininterrottamente al potere dal 1979. Secondo i principali analisti, l’attuale presidente dovrebbe imporsi ancora una volta sugli altri candidati. Proprio in concomitanza con l’inizio delle operazioni di voto, l’esecutivo congolese ha bloccato tutti gli accessi a internet. Impossibile l’accesso ai principali social network e ai siti di informazione.

Congo-Brazzaville: accesso a internet negato come in altri paesi

Negli ultimi tempi alcuni governi africani hanno fatto ricorso al blocco della rete web per vari motivi. In concomitanza con l’inizio della guerra del Tigray, Addis Abeba aveva disattivato tutte le connessioni nella zona in guerra. Ciò aveva provocato gravi problemi alle comunicazioni e notevoli ritardi nei soccorsi alla popolazione civile. Lo scorso gennaio, in concomitanza le elezioni politiche ugandesi, il governo di Kampala aveva impedito ai propri cittadini di accedere a internet. Gli osservatori internazionali avevano denunciato queste vicende come tentativi dei rispettivi governi di nascondere la realtà e le violenze in atto.

Congo- Brazzaville: morto il principale sfidante di Nguesso

Guy Brice Parfait Kolelas, ex ministro del governo di Nguesso e suo principale sfidante è morto nella mattinata di oggi. A confermarlo, i media congolesi. Ricoverato in ospedale per Covid, aveva dovuto rinunciare all’ultimo comizio elettorale, in programma lo scorso sabato. Dal nosocomio in cui era ricoverato, in attesa di essere trasferito in Francia per cure migliori, aveva condiviso un video per i suoi sostenitori. Togliendosi la maschera d’ossigeno e rivolto verso la telecamera aveva dichiarato: “Io sto combattendo sul letto di morte. Voi combattete per il cambiamento. Dovete farlo per il futuro dei vostri figli”. Purtroppo la malattia ha avuto il sopravvento e Kolelas non ha potuto raggiungere la Francia dove sperava di ottenere cure adeguate.

Nel frattempo prosegue lo spoglio delle schede elettorali. Secondo quanto riferito da Al Jazeera, la commissione elettorale riferirà i risultati provvisori nei prossimi giorni. Nel frattempo i partiti governativi continuano a denunciare la scarsa trasparenza della tornata elettorale. Secondo i principali gruppi antigovernativi, infatti, la commissione elettorale del paese, essendo schierata con l’attuale presidente, non avrebbe garantito una tornata elettorale trasparente e democratica.


Repubblica del Congo: cittadini al voto per le presidenziali