Concerti di Organo 2017 a Casalmorano

0
694

Inizierà a breve la seconda edizione dei Concerti di Organo 2017 in Casalmorano (CR) organizzati dall’Associazione Internazionale «Arte e Cultura» (A.I.A.C.) di Vescovato (CR) e grazie alla collaborazione dell’Unità pastorale di Casalmorano. L’A.I.A.C è un’associazione senza scopo di lucro che organizza recital e manifestazioni musicali invitando artisti italiani e dall’estero; in questa particolare occasione si pone il duplice obiettivo di contribuire, nel suo piccolo, ad una maggiore fruizione della musica e a valorizzare gli organi presenti sul territorio, ma anche i luoghi di culto che generalmente lo accolgono, considerati da sempre beni del patrimonio culturale. In tal modo l’estetica e la funzione musicale trovano una sintesi perfetta. La geometria degli spazi affianca volumi morbidi dal propagarsi delle onde sonore. Il luogo focale su cui si va ad accentrare l’attenzione del pubblico diventa sempre un unicum irripetibile, dato da un nucleo magnetico che attira la concentrazione sull’evento musicale.

Saranno previsti quattro concerti che si terranno nelle prossime domeniche di ottobre, tutti alle ore 17,00 presso la chiesa di Sant’Ambrogio Vescovo sullo splendido organo Pedrini (1948) a due tastiere. In questa edizione si esibiranno solisti provenienti dall’Italia e dalla Spagna.

Il primo appuntamento sarà quello di domenica 8 ottobre, dove suonerà l’organista spagnola Esther Ciudad Caudevilla di Saragozza, docente di organo presso il conservatorio di musica di Teruel. Il programma spazierà dalla musica antica iberica ad autori di levatura come J. S. Bach e del Novecento francese.

Il secondo concerto si terrà domenica 15 ottobre e suonerà l’organista marchigiano Gianluigi Spaziani, attivo concertista ed esperto di organaria, che interpreterà un interessante programma sulle ciaccone di autori del periodo barocco.

Il terzo concerto si terrà domenica 22 ottobre, suonerà Simona Fruscella, organista titolare in S. Ambrogio di Casalmorano. Il programma presenterà brani di autori italiani dell’Ottocento e del Novecento, del Settecento francese e tedesco adatti al tipo di strumento, pensati per dare risalto alle caratteristiche e ai colori dell’organo stesso.

Il concerto di chiusura si terrà domenica 29 ottobre e sarà tenuto dall’interprete spagnolo Jesús Sampedro, docente di organo al conservatorio di Malaga. Presenterà musiche di autori francesi di repertorio tedesco che spazieranno dal barocco al tardo-romantico.

Tutti i concerti sono ad ingresso libero e gratuito.

Commenti