Cominciano in Trentino i Mercatini di Natale. Oggi raccontiamo Arco

Aprono i battenti i mercatini di Natale in Trentino. Oggi parliamo di Arco.

0
565
Marcatini di Natale Arco

Aprono i battenti i Marcatini di Natale 2019 in Trentino, il weekend scorso, nonostante la pioggia incessante Pergine Valsugana e Arco di Trento hanno inaugurato il Natale 2019.

In quest’articolo vi presentiamo i mercatini di Arco, il portone di ingresso principale di ogni weekend alla scoperta di questa antica tradizione italiana.

Il crescente capitalismo ci ha portato a dimenticare il valore vero dei mercatini, che era quello di portare in piazza i frutti della montagna, formaggi, conserve, manufatti in legno e rimedi per la stagione fredda. Senza dimenticare gli addobbi natalizi, che sono un must have sia degli antichi che di noi moderni visitatori.  

Ad oggi il mercatino è una occasione per una gita fuori porta, lontana dalla città, alla riscoperta del calore delle piccole città, delle nostre tradizioni, per assaggiare una cioccolata che ci scalda mentre tutt’attorno c’è un gelo pulito e un aroma di legno bagnato.

E ad Arco non manca nulla.

Arco è una cittadina del basso Trentino dallo stile ottocentesco, dove si sente ancora forte la presenza degli austroungarici e dello stile liberty. Qui, dove la principessa Sissie è celebrata tramite una annuale manifestazione in costume a Settembre e una passeggiata tra gli uliveti che ha il suo nome. Una manciata di case raccolte a forma di arco attorno alla rupe dove è costruito il suo famoso castello.

Siamo a 5 km dal lago di Garda, anche se di lacustre ha molto poco. Arco è infatti famosa per essere la città con la maggior concentrazione di negozi di arrampicata e sport di montagna, accogliendo ogni anno a fine estate i mondiali di arrampicata su boulder, per i quali ha costruito un grandissimo stadio ai piedi della roccia. Passare le vacanze qui, vuol dire essere appassionati di bici, scalate, canyioning e vie ferrate che piccoli gruppi di guide alpine propongono per ogni tipo di sportivo.

A Natale il centro città tinge le mura della Chiesa della Collegiata e quelle dei palazzi vicini, dei colori delle feste, e indossa come una collana, una ventina di casette di legno a tema Natale.

Chiesa della Collegiata tinta di rosso per i mercatini. Arco (TN)
Particolare della piazza di Arco (TN)

Il weekend scorso Arco ha aperto il suo centro al Natale, sfidando la pioggia con una più che discreta affluenza.

Abbiamo apprezzato la casetta di prodotti montani per respirare meglio a base di pino mugo e quella dei prodotti di legno intarsiato, dove abbiamo acquistato gli animaletti che cantano il loro verso sfregandoli con un bastoncino o soffiandoci dentro (la prossima estate potrò chiamare anatre, ranocchi o gli uccellini del bosco). Da non trascurare tutte quelle culinarie, dalle antiche macchine per cuocere le castagne, alle frittelle, ai formaggi di baita innaffiati con vin brulé o cioccolata.

Bancarella di prodotti locali, Arco (TN)
Bancarella delle castagne, Arco (TN)

Must have la palla di natale e il cappellino col pon pon o le orecchie colorate, pronta per il prossimo mercatino di cui vi parlerò nel mio prossimo intervento a tema.

Apri il sito ufficiale dei mercatini di Arco qui.

Mi raccomando spero di sapervi tutti ad Arco il weekend prossimo, fatemi sapere!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here