Come un vulcano ha salvato l’industria dei viaggi islandese

0
478

L’attività vulcanica sta rilanciando il turismo e salvando industria dei viaggi islandese. Le forze primordiali liberate dai vulcani sono tanto affascinanti quanto minacciose e in Islanda anche la strada costiera meridionale potrebbe presto cadere vittima della lava.

Il vulcano sta davvero salvando l’industria dei viaggi islandese?

Per il turismo islandese, l’eruzione è arrivata proprio al momento giusto. Dopo un decennio di crescita mozzafiato, la crisi COVID-19 ha ridotta drasticamente l’attività dell’industria dei viaggi. Nel 2019 quasi 2 milioni di turisti sono atterrati all’aeroporto internazionale di Keflavik. Nell’anno COVID del 2020 solo 478.000. Poi, a metà marzo, l’Islanda ha iniziato ad aprirsi gradualmente alle persone completamente vaccinate. Questo maggio, quasi 13 volte più persone hanno viaggiato in Islanda, rispetto ai numeri certamente molto bassi di maggio 2020.Per i prossimi mesi, l’Ente islandese per il turismo (ITB) prevede una crescita stabile. A partire dall’autunno, i livelli pre-pandemia dovrebbero essere raggiunti: “Per quest’anno prevediamo un totale di circa 900.000 visitatori. Quasi la metà rispetto al 2019“, ha detto a DW Snorri Valsson dell’ITB. “Nel 2022 potrebbero essere di nuovo quasi due milioni. Quindi ci aspettiamo una rapida ripresa”. Potrebbe, tuttavia, essere un problema che molti lavoratori stranieri che non potevano più permettersi il costo della vita qui dopo aver perso il lavoro nel settore turistico a causa del COVID-19 abbiano lasciato l’Islanda.

Non è più necessario un test PCR per i vaccinati

Il coronavirus stesso ha ampiamente risparmiato il Paese, con la sua popolazione di 360.000 abitanti: secondo la banca dati Our World in Data, sono stati registrati 6.555 contagi e 29 decessi e da maggio nessun altro è stato contagiato. L’Islanda vuole assicurarsi che le cose rimangano così. I cittadini dello Spazio economico europeo (SEE) possono entrare nel paese se presentano un test PCR negativo che non ha più di 72 ore. Coloro che sono guariti dalla malattia o sono stati vaccinati devono presentare una prova valida, ad esempio quella fornita dal certificato digitale COVID lanciato dall’UE. Sembra avventato alla luce della variante delta in rapida diffusione, ma secondo Valsson, come ogni decisione sulla pandemia in Islanda, è basata sulla scienza: “La nostra società è più o meno completamente protetta. Anche se in singoli casi la variante delta dovesse accidentalmente introdotto, non scatenerebbe un grande focolaio in Islanda“. Entro il primo fine settimana di luglio, il 77% della popolazione aveva ricevuto una prima vaccinazione e un buon 65% era già completamente vaccinato.

In Islanda la pandemia è ‘finita’

Ciò porta al tipo di sensazione post-pandemia che i turisti possono probabilmente provare solo in pochi posti al mondo: le maschere devono essere indossate solo in occasioni molto rare, ad esempio durante uno spettacolo nell’imponente sala da concerto Harpa sul lungomare della capitale , Reykjavík. In Islanda puoi sederti all’ultimo tavolo libero in un ristorante altrimenti pieno senza sentirti a disagio. Solo i dispenser di disinfettante per le mani e in alcuni punti la richiesta di inserire i tuoi dati di contatto in un modulo online sono vaghi promemoria del coronavirus. La maggior parte delle persone che viaggiano in Islanda, tuttavia, di solito viene per godersi la natura. In realtà, l’enorme crescita del turismo da quando il paese è quasi andato in bancarotta durante la crisi finanziaria del 2009 ha minacciato la natura e le infrastrutture delle regioni rurali. Quando la valuta del paese è crollata, molte persone hanno potuto improvvisamente permettersi quella che altrimenti sarebbe stata una vacanza costosa in Islanda. In molti luoghi i sentieri, le strade di accesso e le aree di parcheggio difficilmente reggevano all’afflusso improvviso.


Islanda 2021: le regole per un viaggio in sicurezza


I danni ambientali causati dall’aumenteo delle attività dell’industria dei viaggi islandese

I luoghi particolarmente colpiti includono le tre attrazioni lungo il Circolo d’Oro, un percorso tipico per una gita di un giorno da Reykjavik, sul quale i turisti possono vedere il Parco Nazionale di Thingvellir, l’area geotermica di Haukadalur con i suoi geyser e la spettacolare cascata di Gullfoss. Da allora molto è migliorato, afferma Snorri Valsson, anche grazie a un fondo da cui vengono stanziati circa 4-5 milioni di euro (4,75-6 milioni di dollari) all’anno per le infrastrutture turistiche. “Questa e altre misure hanno migliorato la situazione, quindi ora non abbiamo più problemi seri da nessuna parte. Ma ovviamente dobbiamo rimanere sulla palla”.

L’eruzione vulcanica potrebbe rimanere un’attrazione per molto tempo

L’Islanda si sta preparando per un’eruzione vulcanica più lunga e per i turisti: i geologi hanno prove da altre parti dell’Islanda che le eruzioni effusive dei vulcani a scudo possono durare per decenni. Con uno sguardo al futuro, 900mila euro sono stati stanziati per infrastrutture come sentieri, parcheggi, servizi igienici e ripetitori per cellulari intorno al nuovo vulcano. Secondo Valsson, non c’è alternativa: dice che senza percorsi segnalati, le persone potrebbero perdersi o incontrare un incidente e ferirsi. A fine giugno è stata necessaria una grande operazione di ricerca per un turista americano che si era smarrito. Il terreno cambia continuamente, e con esso le vie di accesso.