In questi giorni il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha deciso di negare il visto a tutti i marittimi che lavorano a bordo di navi che trasportano petrolio iraniano. Da quando Trump si è insediato alla Casa Bianca ha sempre voluto stringere i criteri per ottenere un permesso di soggiorno regolare, la sua intenzione inizialmente era quella di ridurre anche il numero degli iscritti alla lotteria della Green Card che si svolge regolarmente ogni anno negli Stati Uniti. Ottenere un visto in America è molto difficile, un visto consente alla persona di poter restare in USA più di 90 giorni e di lavorare per un periodo determinato, comunque alla scadenza del visto la persona deve tornare nel paese di origine. La preoccupazione dell’America, è principalmente di non avere persone anche per un periodo breve che non lavorano, o peggio criminali, ladri, che non possono fare altro che arrecare un danno all’economia del paese o rubare il posto ad un americano. Quindi la domanda che si pongono, cosa vieni a fare in America? La richiesta di un visto con documenti incompleti o addirittura falsi è molto rischioso, essa viene esaminata dal console americano e poi si viene convocati presso il consolato per un colloquio, dove se tutto va bene vi potrà essere concesso il visto di benvenuto in America, ma attenzione, perché il console potrà anche decidere di non concedervi il visto e di stamparvi sul passaporto che non siete benvoluti negli Stati Uniti e non potrete mettere più piede in Usa neanche come turisti.

Se restate in America per oltre 180 giorni non potete rientrare per tre anni, dieci anni se siete rimasti sul territorio americano per 12 mesi. Ottenere un visto non è complicato ma sicuramente non è facile, però se molte persone italiane, amici, conoscenti, hanno ottenuto il visto non trovo alcun motivo perché non potete sperare di ottenerlo anche voi. Le informazioni necessarie le riceverete presso l’ambasciata americana in Italia, per i visti più complessi vi consiglio di contattare un avvocato, ma vediamo adesso  alcune tipologie di visti:

B – Visitatore temporaneo per affari o turismo, brevemente il visto B1,B2 è un visto che viene concesso per turismo o affari in USA, esso è concesso per un periodo di 6 mesi, ma non pensate che sia semplice, perché bisogna allegare una documentazione corposa, molto spesso viene richiesto il proprio reddito, la proprietà di una casa in Italia.

E1 – Importatore esportatore, solitamente questo visto viene utilizzato da manager o impiegati dell’impresa americana per cui si lavora e almeno il 50% dell’impresa deve essere posseduta da cittadini italiani che vivono in Italia, o negli Stati Uniti ma con visto anche essi E1.

E2 – Investitore, normalmente viene concesso a chi investe una grossa somma di denaro per avviare un’attività in America, è probabile che con un investimento di 150 mila dollari si riesce ad ottenere, alla fine dovete creare ricchezza per l’America.

F1 – Studente accademico, questo tipo di visto è molto utilizzato da chi vuole seguire un corso d’inglese in America, con questo visto si può lavorare all’interno della scuola, soltanto dopo un anno di permanenza negli Stati Uniti e con il consenso dell’immigration si può lavorare al di fuori. Per questa tipologia di visto è richiesta una copertura finanziaria per un anno, i vostri genitori possono fare da garante.

Poi ci sono altri visti, H, è concesso alle persone con un’esperienza lavorativa importante che possono essere utili all’America, oppure J, viene dato quando c’è un accordo tra il paese di origine della persona che richiede il visto e l’America per motivi di studio, ricerca ed altro.  C’è il visto K, concesso quando sposi una persona americana, devi averla vista almeno una volta negli ultimi due anni precedente al matrimonio, potrai ottenere a quel punto, sempre dopo un’accurata indagine anche medica il permesso di vivere in USA.

Questi che ho descritto sono i visti più comuni, forse i più richiesti, come avete potuto leggere bisogna veramente sudare per guadagnarsi un visto in America, forse non è per tutti, alla fine se volete sperare e sfidare la fortuna, vi rimane la lotteria della Green Card, basta iscriversi sul sito anche dall’Italia e incrociare le dita, ogni anno nel mese di maggio il Governo americano sorteggia circa 50.000 persone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here