Come la tecnologia sta migliorando la qualità della vita delle persone affette da demenza

0
232

Quando la tecnologia è implementata correttamente, può aiutare i pazienti con demenza a rimanere indipendenti più a lungo.

La discussione teorica

Gavin Bashar, medico del Regno Unito di Tunstall Healthcare, discute dell’importante ruolo dei sistemi di allarme medico, monitoraggio delle attività e monitoraggio della salute.

Le cure

Il tutto per migliorare l’erogazione delle cure e mantenere la salute e il benessere delle persone affette da demenza.

I dati allarmanti

Nel Regno Unito, 850.000 persone vivono attualmente con la demenza, ma questo dovrebbe raggiungere 1,6 milioni entro il 2040 a causa dell’invecchiamento della popolazione.

La Pandemia che crea ulteriori problemi

Può essere difficile prendersi cura di qualcuno che vive con la demenza, e questo è stato ulteriormente esacerbato da COVID-19.

Il ruolo della tecnologia

Tuttavia, la tecnologia è disponibile per supportare l’assistenza e garantire che le persone ricevano le cure di cui hanno bisogno. Il tutto per vivere una vita sana, felice e di alta qualità.

La tecnologia può facilitare l’erogazione di cure, anche durante una crisi sanitaria globale.

Il nido famigliare che tutti dovrebbero avere

Inoltre può consentire alle persone affette da demenza di rimanere in un ambiente familiare il più a lungo possibile.

La qualità migliore della vita

Sono quindi in grado di godere di una vita di qualità migliore più a lungo e un sostegno inestimabile può essere fornito più facilmente dalle persone che si prendono cura di loro.

Il ruolo chiave della tecnologia

La tecnologia ha un ruolo chiave da svolgere nel miglioramento della qualità dell’assistenza, nell’aumento della capacità dei servizi chiave e nella flessibilità nel modo in cui l’assistenza viene erogata.

Demenza proattiva

Ciò renderà la demenza più proattiva e predittiva e contribuirà ad affrontare le sfide attuali e future.

Il fattore abilitante

La tecnologia è un fattore abilitante e, poiché la nostra popolazione invecchia e sempre più persone sono affette da demenza, consentirà un monitoraggio quotidiano.

L’erogazione

Ovviamente da erogare in modo più efficace, in modo che le persone vulnerabili possano vivere in modo indipendente.

La speranza

Sperando di essere tenute fuori dall’assistenza residenziale il più a lungo possibile.

Se ti è piaciuto l’articolo leggi anche : Alzheimer, l’uomo che cambió la medicina

Commenti