Come andare in vacanza gratis: dal volontariato alla raccolta punti

0
182

Abbiamo tutti sentito l’adagio “il pranzo gratis non esiste”, ma che dire di una vacanza gratis? Ebbene, sorprendentemente, le possibilità non sono così scarse come si potrebbe pensare. Dal volontariato per una buona causa allo scambio di casa, ci sono molti modi per fuggire gratis o a basso costo. Qui di seguito abbiamo raccolto alcuni consigli utili per voi.

Scambiare la propria casa

Chiunque abbia visto il film del 2006 The Holiday conoscerà questo concetto: proprio come Kate Winslet e Cameron Diaz, si scambia contemporaneamente la propria casa con un’altra persona o famiglia per un periodo di tempo concordato (anche se con uno dei principali fornitori, HomeExchange, un sistema a punti permette di non dover necessariamente ricambiare nello stesso momento se non è conveniente). Ogni volta che un utente apre la propria casa – che può essere ovunque, da Panama alle Isole Faroe – viene accumulato del credito. Le alternative sono People Like Us, Love Home Swap e HomeLink. L’iscrizione richiede solo una quota annuale standard tra le 80 e le 145 sterline, poi il soggiorno è gratuito.

Diventa un babysitter

L’house-sitting consiste nel vivere nella proprietà di un’altra persona o famiglia mentre questa è lontana per tenerla al sicuro o, più realisticamente, per prendersi cura dei suoi animali domestici. L’esperienza non è obbligatoria, ma l’amore per gli animali lo è quasi certamente, insieme a solide referenze, entusiasmo e flessibilità (soprattutto la disponibilità durante le vacanze scolastiche). Se avete voglia di esplorare, una casa con gatti, piuttosto che con cani, vi permetterà di avere più tempo libero. È probabile che sia richiesto del cibo, ma gli altri costi (riscaldamento, tasse) saranno coperti. I principali siti di annunci sono Trusted Housesitters, Nomador e MindMyHouse, che richiedono quote annuali da 16 a 149 sterline.

Raccogliere punti

Allo stesso modo in cui i siti di cashback come Quidco vi permettono di recuperare denaro su pagamenti che avreste fatto altrimenti – su generi alimentari, carburante, ecc – i punti Avios si traducono in voli, hotel, noleggio auto e giornate fuori porta. I partner affiliati a British Airways vanno da Apple e Marks & Spencer a John Lewis and Partners (incluso Waitrose) e Selfridges. Contano anche i punti Nectar raccolti con gli acquisti di Sainsbury’s, anche se la Clubcard di Tesco non è più affiliata. Il calcolatore di Avios BA di Thrifty Points vi permette di capire quanto siete vicini a un volo gratuito.

Offrite i vostri servizi come volontari

Avete voglia di un festival gratuito? Fate volontariato con Oxfam e, in cambio del tempo dedicato allo stewarding, otterrete un pass per il campeggio, l’accesso a servizi igienici di qualità superiore e intrattenimento gratuito. In alcuni casi, potrete mangiare gratis a festival come Latitude, Wilderness, Glastonbury e Womad. In alternativa, potreste lavorare in una fattoria attraverso l’associazione Wwoof (Worldwide Opportunities on Organic Farms). Il lavoro tende a comportare l’alloggio in pensione completa, lasciando come unica spesa una quota associativa di 20 sterline. Ci sono anche l’RSPB, il National Trust e l’YHA. Le opzioni di volontariato all’estero sono un’altra possibilità. Se avete voglia di insegnare l’inglese ai bambini del Madagascar o di preservare i leoni in Sudafrica, YearOut Group elenca una serie di fornitori. Le spese di viaggio sono a vostro carico, ma la raccolta fondi può aiutarvi a coprirle.

Accamparsi in Scozia

Poiché tutta la terra in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord è di proprietà, è illegale arrivare e accamparsi. Non è così, invece, in Scozia, dove bisogna tenere presente solo l’Outdoor Access Code. Fino a poco tempo fa c’era un’eccezione anche in Inghilterra, dove i visitatori potevano liberamente e lecitamente “campeggiare con lo zaino in spalla” – arrivando a piedi con il proprio equipaggiamento e rimanendo non più di due notti – in vaste zone collinari del Parco Nazionale di Dartmoor, nel Devon, ma un’importante causa giudiziaria ha appena messo fine a questa situazione. Speriamo che prima o poi la legge torni a essere favorevole.

Dirigetevi verso un rifugio

I Bothies sono rifugi in pietra molto semplici situati in luoghi remoti e spesso sensazionalmente panoramici della Gran Bretagna. La maggior parte di essi si trova in Scozia, ma altri si trovano nel Lake District e in Snowdonia e più di 100 sono di proprietà o (per lo più) gestiti dalla Mountain Bothies Association. La maggior parte funziona su base gratuita – basta presentarsi, sperando che ci sia posto (di solito c’è) – anche se di solito è necessario scavare un bagno e portare con sé sacchi a pelo, legna da ardere e cibo. La Finlandia ha una rete simile di capanne selvagge disponibili per notti gratuite, oltre ad alcune opzioni più lussuose che costano pochi euro.

Navigare tra i divani

Il sito originale di Couchsurfing è ancora in funzione: i locali di tutto il mondo offrono gratuitamente un letto o un divano su cui dormire durante le vostre esplorazioni. Tuttavia, ora l’iscrizione è a pagamento e negli ultimi anni è stato perseguitato dalla stampa negativa. Alternative simili di host-sharing sono Be Welcome e Couchers, una piattaforma senza scopo di lucro che afferma di voler “reclamare il couch surfing” tornando alle sue radici affidabili, utopiche e gratuite.