Combustibili a idrogeno: un ostacolo nella crisi climatica?

0
196

Secondo una nuova analisi, l’utilizzo di combustibili a base di idrogeno automobili e riscaldamento domestico rischia di bloccare la dipendenza dai combustibili fossili. Di conseguenza creare un ostacolo per l’affronto alla crisi climatica.

Come vengono usati i combustibili a idrogeno?

I combustibili prodotti dall’idrogeno possono essere utilizzati come sostituti diretti di petrolio e gas. Inoltre presentano basse emissioni di carbonio, se viene utilizzata elettricità rinnovabile per produrre questi “e-fuel”. Tuttavia, la ricerca ha scoperto che utilizzare l’elettricità direttamente per alimentare automobili e case calde risulta molto più efficiente. L’analisi stima che i combustibili a base di idrogeno sarebbero molto costosi e scarsi nel prossimo decennio. Pertanto, apparecchiature come le caldaie potrebbero finire per dipendere dal gas fossile continuando a produrre le emissioni di carbonio che determinano il riscaldamento globale.

L’utilizzo di energia rinnovabile

La produzione di elettricità rinnovabile sta aumentando rapidamente con il crollo dei costi. Tuttavia costituisce ancora una piccola percentuale di tutta l’energia utilizzata, che è per lo più fornita da carbone, petrolio e gas. Utilizzare direttamente l’elettricità è efficiente, ma richiede investimenti in nuovi tipi di auto e sistemi di riscaldamento. Usare l’elettricità per creare idrogeno dall’acqua può produrre sostituti per i combustibili fossili. Ma il nuovo studio conclude che questo non può funzionare su una scala sufficientemente ampia per affrontare l’emergenza climatica in tempo.

Combustibili a idrogeno: un vettore di energia pulita?

I combustibili a base di idrogeno possono essere un ottimo vettore di energia pulita, ma i loro costi e i rischi associati sono grandi“. Dichiara Falko Ueckerdt, dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico (PIK) in Germania. “Se aggrappandoci alle tecnologie di combustione sperando di alimentarle con combustibili a base di idrogeno, questi si rivelano troppo costosi e scarsi, finiremo per bruciare ulteriore petrolio e gas“. Ha detto. “Dovremmo quindi dare la priorità a quei preziosi combustibili a base di idrogeno per le applicazioni per le quali sono indispensabili: aviazione a lunga distanza, materie prime nella produzione chimica e produzione di acciaio“.

Piantiamola!: Domani il nuovo numero di iO donna

L’obbiettivo UE

Daryl Wilson, direttore esecutivo dell’Hydrogen Council globale, ha affermato che l’idrogeno potrebbe diventare la soluzione a basse emissioni di carbonio più competitiva per alcuni settori entro il 2030, come i trasporti a lungo raggio e l’acciaio. “Altre applicazioni come gli edifici e l’energia richiederanno un costo del carbonio più elevato per diventare competitive in termini di costi“. Ha dichiarato. L’obiettivo dell’UE per la produzione di idrogeno verde nel 2030 è mille volte superiore agli attuali livelli di produzione. Inoltre lo scale-up dovrebbe andare molto più velocemente persino del rapido lancio di energia solare dell’ultimo decennio

Commenti