Le bellezze paesaggistiche italiane continuano ad essere notate dall’UNESCO. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura è uno dei vari organi nati subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, una di quelle organizzazioni il cui scopo principale è quello di creare una comunione che impedisca di fatto l’esplosione di un’altra guerra di tale dimensione. Essa, fra le altre cose, assegna il titolo di “patrimonio” alle bellezze che abbiano una certa rilevanza sul piano artistico e culturale così che la loro luce non venga spenta da interventi inopportuni. Ebbene, l’ultima bellezza italiana ha ricevere questo titolo si trova in Veneto, e si tratta delle Colline del Prosecco.

Con una bellezza mozzafiato ben visibile in qualsiasi loro scatto, tali colline erano già state candidate nel 2017 dall’allora ministro Maurizio Martina affinché acquisissero questo titolo, ma i voti contrari di Norvegia e Spagna avevano portato ad un rinvio della decisione. Un fronte del NO all’erogazione di questo titolo era attivo addirittura in Italia, a causa delle tecniche invasive con cui avviene la viticoltura su queste colline: con un nome acquisito proprio dall’ingente produzione di uva da vino che si svolge su queste colline, a detta del fronte per il NO esse sono ormai piene di pesticidi ed altre sostanze che hanno vanificato le caratteristiche naturali del luogo.

Le proteste sono riuscite a rimandare l’acquisizione del titolo dunque, ma non ad impedirla: l’UNESCO ha annunciato oggi su Twitter l’elezione ufficiale, mandando in visibilio tutte le forze politiche. Queste le parole dell’attuale presidente della regione veneto, Zaia, della Lega:

Vittoria! Il lavoro non è finito: ci dobbiamo preparare alle visite dei turisti, dei tecnici del mondo scientifico e di tutti coloro che saranno curiosi di visitare queste zone .

Dal PD, a parlare è invece l’ex Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina.

Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene Patrimonio UNESCO! Felice di aver contribuito all’obiettivo presentando la candidatura nel gennaio 2017. Che sia l’inizio di una nuova pagina per la tutela del territorio

Per il Movimento 5 Stelle parla infine l’attuale Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa:

Adesso che le luci del mondo si sono accese su questa zona, e che tutto il mondo ci guarda e ci guarderà nei prossimi anni, è fondamentale che tutti gli attori istituzionali aumentino l’impegno per la tutela dell’ecosistema e della biodiversità trasformando questa zona in un esempio di sostenibilità libero dai pesticidi. Noi faremo la nostra parte

Vedremo cosa accadrà ora alle meravigliose colline, nella speranza che esse siano effettivamente baciate da un nuovo tipo di turismo.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here