Cognac armeno fuori dagli scaffali: pronti al cambio di nome

0
509

I produttori di brandy armeni dicono di non essere sicuri di come commercializzare i loro premiati alcolici che sono noti alla maggior parte dei consumatori come “cognac”. Un accordo con la comunità Europea vieta l’uso della denominazione cognac armeno.

Come si chiamerà il cognac armeno?

I produttori di brandy armeni devono smettere di chiamare la loro bevanda “cognac” entro il 2032. In cambio riceveranno un pagamento di 3 milioni di euro. L’accordo con l’UE è stato approvato a Erevan il 10 giugno. L’accordo stabilisce anche che i produttori di vino spumante in Armenia che usano il termine “champagne” devono abbandonare entro quattro anni la denominazione. Il parlamento armeno ha dichiarato che l’accordo mira a “promuovere la fine regolare ed efficace dell’uso dell’indicazione geografica “cognac” dell’Unione europea per le merci originarie della Repubblica d’Armenia, nonché a sostenere lo sviluppo di un nuovo nome per il brandy armeno”. L’accordo può avere un impatto significativo sui produttori di brandy dell’Armenia, dato che circa il 7,5%, 250 milioni di dollari all’anno, delle esportazioni del paese caucasico sono “hard liquor”.

Il commercio del cognac armeno in Russia

Circa il 79% delle esportazioni di brandy armeno sono vendute in Russia, dove lo spirito caucasico è considerato un “cognac” di fascia alta molto più economico dell’originale francese. Nei negozi di Mosca, la maggior parte dei brandy armeni ben invecchiati costano almeno il 90% in meno dei loro equivalenti francesi. I russofoni raramente usano la parola “brandy” e i produttori armeni stanno decidendo come commercializzare la loro bevanda ai russi.

Il nuovo nome

I siti web delle marche più famose dell’Armenia hanno abbandonato la denominazione “cognac armeno” nell’ultima settimana, mentre alcune etichette più piccole continuano a usare la parola nel loro branding online. Una portavoce della Yerevan Brandy Company, che esporta la famosa etichetta Ararat, ha detto a RFE/RL che i produttori armeni stanno discutendo sul possibile cambio di nome, ma “per il momento non c’è nessuna opzione sostanziale sul tavolo“. Ha aggiunto che è “troppo presto per discutere il possibile impatto” del cambiamento linguistico nel mercato russofono.


Cognac: alla scoperta della città produttrice del Brandy per eccellenza


La produzione di cognac armeno

Il cognac è una varietà di brandy che prende il nome dalla zona in cui viene prodotto, nel sud-ovest della Francia. Ai produttori di brandy dell’UE al di fuori della regione di Cognac è vietato per legge usare il termine “cognac”. Gli armeni hanno iniziato a produrre brandy su scala nel 1887, usando metodi copiati dai distillatori francesi. Le miscele armene, lisce e profumate di vaniglia, fatte con uve coltivate nelle pianure sotto il Monte Ararat, hanno presto avuto il plauso internazionale. Secondo diversi rapporti in lingua francese e inglese, nel 1902, i giudici francesi diedero ad almeno una società il diritto di chiamare il suo liquore “cognac” dopo aver battuto gli originali francesi in un prestigioso concorso. Joseph V. Micallef, un autore e commentatore politico statunitense che ha scritto molto su vini e liquori, ha confermato a RFE/RL che ai migliori produttori armeni fu concesso il permesso di usare la denominazione “cognac” all’inizio del 1900. Il permesso fu revocato dopo la seconda guerra mondiale e “In realtà è dubbio che il capo dei produttori di cognac avesse l’autorità di concedere quel diritto“.