Codice della strada: multe fino a 2588 euro per uso del cellulare e Pec obbligatoria

L'elemento che contraddistinguerà per vigore la prossima riforma del Codice della strada, sarà l’introduzione del concetto di utenza vulnerabile.

0
632
Codice della strada

Il “decreto semplificazione”, ha operato delle modifiche al codice della strada. Il 14 settembre 2020 è stata pubblicata la L. 11 Settembre 2020 n.120, di conversione, con modificazioni del D.L. 16 Luglio 2020 n.76, rubricato “Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale”.

Tra le novità introdotte vi è la riforma del codice della strada. Inoltre rientrano una serie di provvedimenti. Tra cui l’inasprimento delle sanzioni in caso di uso del cellulare senza auricolari quando si è alla guida. La sanzione può arrivare fino a 2588 Euro, tre mesi di sospensione della patente e 10 punti di decurtazione. Ma vediamole nel dettaglio.

Riforma del codice della strada

Con la riforma tutte le strade del centro abitato sono equiparate alla viabilità ordinaria. Quindi sarà possibile installare strumenti per il controllo remoto delle violazioni anche su queste strade. Persino sulle strade locali, sulle strade urbane ciclabili, e, in teoria, persino sugli itinerari ciclopedonali. Previa autorizzazione del prefetto. 

Comportamenti vietati alla guida

  • Vietato fumare mentre si guida
  • Vietato usare il cellulare, il Tablet o qualsiasi altro dispositivo elettronico, pena multe fino a €2588,00 con la sospensione della patente da 7 a 30 giorni, che salgono a 3 mesi in caso di recidiva
  • accertarsi che tutti i passeggeri indossino la cintura di sicurezza, o portino il casco regolarmente allacciato. Infrazione punita con multa al conducente

Sanzione dei netti urbini

L’articolo, il 12 bis, consentirà anche ai dipendenti dei Comuni e delle società private che gestiscono la sosta regolamentata o che gestiscono i parcheggi di accertare le violazioni della sosta o della fermata. 

Lo stesso potere, compreso quello di disporre la rimozione dei veicoli, sarà concesso, ai dipendenti delle aziende municipalizzate o delle imprese addette alla raccolta dei rifiuti urbani. Potranno farlo solo nel caso si parcheggi l’auto davanti ad un cassonetto o su una strada che è soggetta alle pulizie periodiche. I netturbini addetti a raccolta rifiuti e pulizia potranno multare direttamente.

Codice della strada e revisione auto

Queste le scadenze per le revisioni:

  • Dopo quattro anni dalla prima immatricolazione;
  • le successive devono essere effettuate ogni due anni.

L’emergenza Coronavirus ha imposto alcune proroghe:

  • fino al 31 ottobre 2020 potranno comunque circolare tutti i veicoli che avrebbero dovuto fare la revisione auto entro il 31 luglio;
  • al 31 dicembre 2020 per i veicoli che dovrebbero essere sottoposti ai controlli entro il 30 settembre;
  • fino al 28 febbraio 2021 tutti quei veicoli che avrebbero dovuto effettuare la revisione auto entro il 31 dicembre 2020.

In caso di parcheggio – cosa fare attenzione

  • non occupare spazi per la ricarica dei veicoli elettrici, pena una multa e decurtazione di 2 punti dalla patente
  • divieto di occupare gli spazi ROSA, dedicati alle donne in stato di gravidanza o alle donne con bambini di età inferiore ai 2 anni
  • Non parcheggiare negli spazi dei disabili o degli scivoli di passaggio a loro dedicati. Pena sanzioni più alte
  • Saranno resi gratuiti i parcheggi BLU per i disabili, provvisti di contrassegno

Novità della guida su strada

  • Le strade cittadine aprono le porte alla MICRO MOBILITA’ ELETTRICA (hoverboard e monopattini)
  • Abolizione diurna dell’obbligo degli anabbaglianti al di fuori del centro abitato
  • Importante aumento delle sanzioni per chi circola col veicolo senza assicurazione
  • Saranno esenti dal pagamento del bollo i veicoli storici
  • La durata del foglio Rosa sarà estesa a 12 mesi
  • Non sarà più obbligatorio presentare “patente e libretto di circolazione”, questi infatti saranno disponibili per la consultazione e per i controlli in via telematica

Codice della strada: multe e sanzioni

  • Scan Captur, verrà introdotto l’uso di questa telecamera che permette di rilevare dalla targa del veicolo, in sosta o in movimento, se lo stesso è in regola con assicurazione revisione o denunce varie
  • Stop alle multe sotto al tergicristallo, verrà comunque notificata la multa quanto prima (anche a mezzo pec, laddove possibile) al proprietario del veicolo, con la possibilità di pagare subito senza aggiunta di spese
  • Stop alle multe a strascico
  • I Comuni potranno affidare agli ausiliari del traffico la possibilità di effettuare sanzioni, negli appositi parcheggi contrassegnati dalla strisce BLU
  • A coloro che viene respinta la contestazione di una multa, dovranno pagare un sovrapprezzo pari al 50% in più.

Arriva la Pec obbligatoria

Nella riforma del codice della strada in discussione in Parlamento spunta la proposta di rendere la PEC obbligatoria per gli automobilisti. La proposta è presentata dal CNEL, il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, così da utilizzare uno strumento certificato e veloce tramite il quale inviare multe e contravvenzioni. In questo modo sarebbero ridotti i contenziosi di notifica della multa.

Commenti