Cocktail col gin: i migliori e come realizzarli

0
635



Tra i distillati più utilizzati nella creazione dei cocktail va sicuramente annoverato anche il gin, ingrediente apprezzato da moltissimi bevitori e che si presta a diverse preparazioni. Nato dall’incontro tra alcol e oli essenziali di ginepro, il gin è una bevanda dal sapore pungente, che viene arricchito e in un certo qual modo smussato dall’aggiunta di spezie, zenzero, cardamomo, fiori e agrumi. Di gin esistono diverse varietà: si va dal più classico, essenziale e semplice di tutti, il London Dry Gin, fino al più dolce e zuccherato Old Tom Gin, passando anche per il cosiddetto Sloe Gin che è a tutti gli effetti un liquore a base di gin e che non viene neanche preso in considerazione dai puristi di questo distillato.

Cosa preparare con il gin?

Come già accennato, in ogni caso, il gin ha ormai un’ampia diffusione ed è apprezzato da moltissime persone, con la possibilità tra l’altro di acquistarlo anche direttamente sul web: si può ad esempio ordinare il Gin Mare online su Tannico, tanto per citare una delle marche e uno dei portali più famosi. Una volta acquistato il distillato, però, quali sono le preparazioni a cui si presta? Ecco un elenco dei migliori cocktail realizzati a base di gin che ci sono in circolazione.

Il Gin Tonic. Senza dubbio il più grande classico tra i cocktail a base di questo distillato, il Gin Tonic ha una storia piuttosto antica, dato che nasce più come medicina che come bevanda: nel diciassettesimo secolo si usava infatti il gin per debellare la gotta e le febbri esotiche ma, visto il gusto pungente, nelle Indie si pensò di accompagnarne la consumazione con il chinino, per renderla più gradevole. La bevanda venne poi perfezionata con l’acqua tonica inventata nel 1783 da Johann Jacob Schweppe, arrivando alla nascita del classico Gin Tonic con quattro parti di gin, sei di tonica e una fettina di limone.

Il Gin Fizz. Anche questo un grande classico con una storia risalente a un paio di secoli fa. Rispetto al Gin Tonic c’è una differenza fondamentale: i marinai inglesi del diciottesimo secolo decisero in questo caso di aggiungere la soda al distillato. Per realizzare un Gin Fizz sono necessari 4,5 cl di gin, 8 cl di soda, 1 cl di sciroppo di zucchero e 3 cl di sciroppo di limone.

Il White Lady. Un cocktail raffinato, la cui ispirazione è stata data secondo le versioni dall’Opera “La Dame Invisible” di François-Adrien Boieldieu o da Ella Fitzgerald. Per preparare questa bevanda servono 4 cl di gin, 3 cl di Triple sec e 2 cl di succo di limone: pochi ingredienti per un cocktail elegante e dal gusto accattivante.

L’Angelo Azzurro. Una vera bomba con i suoi 35 gradi alcolici, si tratta di una bevanda storicamente in voga nelle discoteche italiane e che si prepara con 4,5 cl di gin, 2 cl di Triple sec o Cointreau e 0,5 cl di Blue Curacao.