Coalizione di governo giapponese verso la vittoria

0
229
Elezioni in Giappone: Coalizione di governo giapponese verso la vittoria

Secondo i primi dati forniti dai media nipponici, la coalizione di governo giapponese si avvia verso la vittoria. Si è trattato di un primo test per il neopremier Fumio Kishida, il quale, se i dati si rivelassero corretti, potrebbe continuare a governare. Si è verificata tuttavia una perdita in termini di seggi per i partiti che compongono la coalizione.

La coalizione di governo giapponese si sta avviando verso la vittoria?

Secondo le proiezioni fornite dai media nipponici, sembra che la coalizione di governo giapponese si stia avviando verso la vittoria. Si evidenzia, tuttavia, una forte perdita di seggi per i partiti che la compongono. I dati resi noti dalla tv NHK mostrano che il partito Liberaldemocratico e gli alleati del Komeito passeranno da 305 a una cifra stimata tra i 239 e i 288 seggi. Il totale di seggi disponibili al parlamento del Giappone è pari a 465 unità. Basandosi su queste proiezioni, dunque, Fumio Kishida dovrebbe trovarsi ancora nelle condizioni di poter governare. Tuttavia, alcuni esperti sostengono che la sua leadership possa trovarsi in bilico il prossimo anno, quando si terranno le elezioni della Camera Alta nipponica.

Un primo test per il neopremier Fumio Kishida

Queste ultime votazioni hanno segnato una prima prova per il neopremier Kishida, che ha ottenuto la carica all’inizio di questo mese, succedendo al governo di Yoshihide Suga. Si tratta anche di un buon risultato per il suo partito LDP, che fino a questi ultimi tempi era riuscito a stare al governo solo per brevi periodi dal 1955, anno della sua formazione. Ad aver pesato sul partito negli ultimi tempi è stata però la presunta cattiva gestione della pandemia di coronavirus. Lo stesso Kishida non è riuscito ad attrarre più elettori possibili promuovendo politiche a favore dei ceti più bassi, favorendo al contempo un aumento delle spese in ambito militare.


Leggi anche: Elezioni in Giappone per il rinnovo della Camera bassa