Classifica di Ethnologue: mandarino madrelingua più diffusa

Inglese è l'idioma più diffuso, ma nell'elenco compaiono anche molte varianti di lingue

0
563
Lingue straniere: come apprenderne almeno una

L’inglese rimane in testa alla classifica di Ethnologue delle lingue più parlate al mondo. Per la stesura dell’elenco la risorsa online ha considerato oltre 7mila idiomi.


Lingue: 12 metodi per non dimenticarle


Quali sono i criteri della classifica di Ethnologue?

Il numero di persone che parla la lingua considerata. Infatti, un idioma è vivo quando interi gruppi lo usano per esprimersi. Poi è importante l’ufficialità del linguaggio, quindi se serve per comunicare a livello istituzionale. Pure la diffusione dei dialetti è un segnale della crescita di un clan o di un’etnia. La classifica tiene conto anche se l’idioma è quello parlato in famiglia o scelto per motivi di residenza o lavoro.

Tamil e altre lingue minoritarie

Oltre alle lingue più conosciute, sono entrate nella classifica anche alcune varianti con caratteristiche interessanti. Il Tamil è un linguaggio usato in India, Sri Lanka e Singapore e fa parte del gruppo degli idiomi dravidici. La parlata è utilizzata nella grammatica Tolkāppiyam e diffusa tra 85 milioni di persone. Anche Telugo è localizzato in India ed è antico, risale infatti a 4.500 anni fa. L’Oriente conserva una grande varietà linguistica e molte persone si esprimono coi dialetti regionali. Il cinese mandarino è il più conosciuto, ma ci sono anche Yue e Wu ad ampliare le sfumature con cui dialogare.

La classifica delle lingue più diffuse

Parla inglese 1,35 miliardi di persone, ma il cinese mandarino è la madrelingua più diffusa con 921 milioni. Il britannico invece è solo a 370 milioni. Hindi è idioma ufficiale dell’India dal 1949 con 600.000.0000 di utilizzatori. Ci sono poi lo spagnolo (543.000.000), arabo e bengalese. Seguono a distanza il francese che nonostante sia diffuso nelle colonie d’Africa, non supera i 267 milioni, russo e portoghese. Da segnalare anche l’urdu, presente in Pakistan e India, che assomiglia a hindi, anche se si scrive in modo diverso. L’indonesiano (199 milioni) ha in comune con l’olandese alcune parole sia nell’ortografia che nel significato. Si tratta di un’eredità del 17° secolo. Pure Giappone, Marathi, Telugu, Turco, Tamil, Yue,Wu e coreano sono inseriti nella classifica di Ethnologue.