Città e inquinamento: le foto dei cieli puliti in India

0
1078
Città e inquinamento: le foto dei cieli puliti in India

Quando l’India ha chiuso tutto il mese scorso e sospeso i trasporti, i cieli sulle sue città inquinate sono rapidamente tornati azzurri.

LEGGI ANCHE: India: ferrovie chiuse per la prima volta dopo 167 anni

Il cielo torna azzurro in India

Su un gruppo di messaggistica sociale, un residente della capitale Delhi, che registra regolarmente alcune delle più pessime condizioni dell’aria al mondo, ha celebrato il “clima alpino” della città . Il politico e autore Shashi Tharoor ha scritto che “la vista beata dei cieli blu e la gioia di respirare aria pulita fornisce solo il contrasto per illustrare ciò che stiamo facendo a noi stessi per il resto del tempo”.

Meno di sei mesi fa, la qualità dell’aria di Delhi aveva raggiunto “livelli insopportabili”. Le scuole sono state chiuse, i voli sono stati deviati e alla gente è stato chiesto di indossare maschere.

Delhi e altre 13 città indiane figurano in un elenco delle 20 più inquinate al mondo. Si stima che ogni anno muoiano più di un milione di indiani a causa di malattie legate all’inquinamento atmosferico.

Il lockdown in India

Il lockdown finirà il 3 maggio e sta influenzando l’inquinamento atmosferico in tutto il paese.

“Questa è stata un’opportunità senza precedenti per noi di esaminare da vicino come i livelli di inquinamento atmosferico hanno reagito a uno sviluppo straordinario”, afferma Sarath Guttikunda, a capo di Urban Emissions. Le autorità federali di controllo dell’inquinamento hanno rapidamente segnalato un netto miglioramento dei livelli di qualità dell’aria in 85 città.

Il dott. Guttikunda e il suo team di ricercatori hanno esaminato i dati emessi dalle 100 e dispari stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria in tutta l’India. Decisero di concentrarsi sulla capitale Delhi e sui suoi sobborghi, una massiccia espansione chiamata regione della Capitale Nazionale, dove vivono più di 20 milioni di persone. Lo scorso inverno, l’inquinamento atmosferico qui aveva raggiunto oltre 20 volte il limite di sicurezza dell’Organizzazione mondiale della sanità.

“L’attuale crisi ci ha mostrato che cieli chiari e aria respirabile possono essere raggiunti molto rapidamente se si intraprendono azioni concrete per ridurre la combustione di combustibili fossili”, afferma Sunil Dahiya, del Center for Research on Energy and Clean Air.

Il dottor Ghosh spera ancora che “l’esperienza dei cieli blu e dell’aria fresca potrebbe essere un fattore scatenante per creare una domanda democratica di aria pulita in India”.

“Dobbiamo imparare le lezioni per distribuire la ripresa economica dalla pandemia. Abbiamo bisogno di crescita, occupazione e sviluppo sostenibile”, afferma il dott. Ghosh. Pulire l’aria potrebbe essere la chiave.