Città del Vaticano: lo stato più piccolo del mondo

Con 0,44Km² la Città del Vaticano si aggiudica questo primato. Non è un vero stato ma una città-stato governata dal Papa

0
613
arrestato Gianluigi Torzi

Nel cuore della città di Roma esiste un’altra città che è governata dalla Santa Sede: la Città del Vaticano. Questa città oltre ad essere la più piccola del mondo è unica da tanti punti di vista. É retta da una Monarchia assoluta con un monarca che, però, viene eletto. Tutti gli abitanti che vivono in questa città-stato sono nati in un’altra nazione e molti hanno la cittadinanza in un altra città, spesso anche il monarca. Gli abitanti della città del Vaticano secondo i dati risalenti al 2019 sono 825. Tra questi 453 sono residenti mentre in 372 sono diplomatici con la residenza al di fuori dello stato del Papa. La cittadinanza viene data a coloro che prestano servizio dentro le mura della città e alle loro famiglie, come i membri della Guardia Svizzera.

La Santa Sede e la Città del Vaticano sono la stessa cosa?

É bene chiarire che Santa Sede e Città del Vaticano non sono la stessa cosa, anche se spesso si utilizza l’uno o l’altro nome per indicare il medesimo luogo. La Santa Sede è l’istituzione religiosa del papato e della chiesa cattolica. La Citta del Vaticano è il territorio gestito dalla Santa Sede. Alcuni edifici al di fuori delle mura del Vaticano, infatti, sono di competenza sempre della Santa Sede e non dello stato. In parole povere è la Santa Sede che gestisce tutto. Il baricentro dello Stato è piazza San Pietro sulla quale si affaccia la Basilica. Dentro le mura della città-stato si trovano il Palazzo Apostolico, il Palazzo del Governatorato, i Musei Vaticani e i Giardini Vaticani. La lingua ufficiale della Santa Sede è il latino, dello Stato del Vaticano è l’italiano. Invece i membri dell’esercito del Papa la “Guardia Svizzera” usano il tedesco durante le ore lavorative.


Maria vergine corredentrice? Il Papa impone il no


Lo Stato più piccolo, ma non il più antico

Pensando allo Stato Vaticano verrebbe da dire che esista dal primo secolo e invece no! Quello è lo Stato Pontificio istituito nel 754 dopo Cristo. Ma vediamo la storia cosa ci racconta. In effetti lo Stato Vaticano fu istituito il secolo scorso nel 1929, siglato con i Patti Lateranensi firmati da Benito Mussolini, in rappresentanza dell’allora Regno d’Italia e il cardinale segretario di Stato Pietro Gasparri per La Santa Sede. Lo Stato Pontificio era un territorio molto più vasto e comprendeva grandi territori nell’Italia Centrale. Queste terre passarono al Regno d’Italia nel 1870, quando Roma fu presa dai bersaglieri e annessa al territorio italiano, mettendo fine al potere temporale dei papi. Con i “Patti Lateranensi” l’Italia riconosce alla S.Sede la piena proprietà e la esclusiva ed assoluta podestà giurisdizionale sovrana sul Vaticano”.

Ma come viene amministrato lo Stato del Vaticano?

Nello Stato del Vaticano vige una monarchia assoluta. Gli organi preposti all’amministrazione sono: organo legislativo: La Pontificia Commissione; organo esecutivo: il Governatorato; organo giudiziario: Tribunale di Prima Istanza, Tribunale della Rota Romana, Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica. Ogni legge emanata deve essere approvata dal Papa che è colui che nomina i vari funzionari statali. L’ordinamento giuridico vigente è il diritto canonico della Chiesa cattolica. Tutti i crimini commessi sul suolo Vaticano vengono processati in Italia, poichè la polizia italiana ha giurisdizione su piazza San Pietro, anche una eventuale condanna sarà scontata in un carcere italiano, ma le spese saranno imputate allo Stato Vaticano.