Citazioni sul capodanno: eccone alcune da ricordare

Oggi è l'inizio di un nuovo libro. Scriviamo insieme una parte della prima pagina.

0
606
citazioni sul capodanno

“Anno nuovo, vita nuova”, si suol dire. Si usa pronunciare questa frase con una convinzione nel cuore. Quella che l’inizio di quei dodici mesi segnerà una nuova possibilità di vita. Mai come quest’anno necessitiamo di sentire l’autenticità di queste parole. Di comprendere che esiste una possibilità di riscatto. Di rinascita dalle ceneri di questo 2020. Dunque, analizziamo alcune citazioni sul capodanno che potrebbero donarci questa forza.

Quali sono le citazioni sul capodanno che vale la pena conoscere?

Quello del capodanno si rivela puntualmente un periodo dalla doppia faccia. Per quanto l’inizio di un nuovo anno possa per molti/e segnare una possibilità aggiuntiva di rinascita, non è comunque sempre così. È possibile che quei dodici mesi che ci ritroviamo davanti ci suscitino ansia e preoccupazione. A volte il tempo sembra troppo, altre troppo poco. Non è sempre facile trovare un equilibrio fra queste due misure. Specialmente quando ci si ritrova a tirare le somme di un altro anno volato via. Ecco dunque alcune citazioni sul capodanno atte a farci ritrovare il senso del tempo. Di quello che ormai è trascorso. E di quello che ancora deve sfiorarci.

La prima delle citazioni sul capodanno: “Celebrate endings, for they precede new beginnings.” -Jonathan Lockwood Huie

“Festeggiamo la fine, perché precede un nuovo inizio”. Si sa, esistono persone che non amano i festeggiamenti. Trovano il fare festa un modo inutile per passare il proprio tempo. Specialmente se si tratta della fine di un anno. Quando poi si tratta di rendere omaggio a un’epoca così difficile come quella rappresentata dal 2020, ecco che la voglia cala ancora di più. Tuttavia, potremmo provare a ribaltare la situazione. Senza festeggiare ciò che è stato, ma piuttosto quel che sarà. È vero, non conosciamo il divenire. Possiamo però brindare alla speranza di un futuro migliore. Tenendo a mente che “fare festa” non è sinonimo di organizzare un party con tanto di musica e invitati/e. Al contrario, si tratta di concedersi un attimo di serenità e bellezza. Nella maniera che riteniamo più congeniale.

“Cheers to a new year and another chance for us to get it right”– Oprah Winfrey

“Brindiamo a un nuovo anno e a un’altra possibilità per risplendere”. L’ignoto del divenire possiede i suoi lati positivi. Uno di questi, è che un nuovo anno è come un libro ancora da scrivere. Una serie di fogli intonsi. Sui quali possiamo imprimere ciò che più desideriamo. Chiaramente di tanto in tanto la nostra mano sarà guidata dalle avversità. Dalle coincidenze. Dal fato o da chi per esso. Ciononostante, siamo noi i/le fautori/fautrici di quel che sarà. Dunque, armiamoci di penne e matite e coloriamo quel bianco accecante.

“Don’t live the same year 75 times and call it a life”– Robin Sharma

“Non puoi considerare la tua esistenza una vita, se hai vissuto lo stesso anno settantacinque volte”. A dire il vero, fra le citazioni sul capodanno, questa potrebbe contenere più di una possibile traduzione. Questo perché in inglese, l’espressione “Let’s call it a day”, la si usa a fine giornata. Dunque per segnare il termine di quelle ventiquattro ore. Quando si hanno portato a termine tutti i propri compiti e obiettivi giornalieri. Alla luce di ciò, possiamo intendere una traduzione simile per quanto riguarda “Let’s call it a life”. Ad ogni modo, l’autore di queste parole c’invita a vivere la vita nella sua interezza. Cogliendo il bello da ogni singola sfumatura. Senza farsi scivolare dalle mani le occasioni. In modo da poter sostenere di aver vissuto. Nel vero senso del termine.

“Learn from yesterday, live for today, hope for tomorrow”– Albert Einstein

“Impara da ieri, vivi per oggi, spera per domani”. Fra le citazioni sul capodanno non poteva mancare questa preziosa lezione. Non sempre ci facciamo caso, ma spesso respiriamo la vita senza viverla appieno. Trascorriamo secondi, minuti e ore proiettati nel passato e nel futuro. Senza renderci conto che stiamo vivendo in quello stesso momento. “Hic et nunc”, dicevano i latini. “Qui e ora”. Il tempo scorre inesorabilmente. Non possiamo fermarlo. Tuttavia, possiamo imparare a utilizzarlo al meglio. Facendo tesoro del passato nel bene e nel male. Imparando da esso. Costruendo la vita nel presente. E sperando nel domani.

“Write it on your heart that every day is the best day in the year”– Ralph Waldo Emerson

“Scrivi sul tuo cuore che ogni giorno è il giorno migliore dell’anno”. Non si tratta di un convincimento forzato. Piuttosto, di una maniera per vivere appieno la nostra vita. Come dicevamo nel paragrafo precedente, succede sovente di respirare un istante senza essere presenti in quell’attimo. Al contrario, solo colmando quell’assenza mentale è possibile immergersi nell’oceano dell’esistenza. Rendendosi conto che si è al mondo. Non sappiamo se esista o meno una ragione. Possiamo solo concordare sull’oggettività di ciò. Dunque, come dicevano i latini, “Carpe diem”. Cogliamo l’attimo. Scorgendo il buono di ogni raggio di sole che illumina il cammino. Senza pretendere di visualizzare orizzonti troppo distanti.

“This is a new year. A new beginning. And things will change”– Taylor Swift

“Questo è un nuovo anno. Un nuovo inizio. E le cose cambieranno”. Tra le citazioni sul capodanno, eccone una pronunciata da una delle cantanti più amate di sempre. La speranza di sfruttare al meglio le pagine di questo nuovo libro composto da dodici capitoli è riscontrabile da sempre più persone. A maggior ragione dopo un anno così faticoso come il 2020. Potremmo affermare che questa frase delinea una visione ottimistica della vita. Ricordando però che l’ottimismo non è un’ostinata positività. Piuttosto, la consapevolezza e la speranza che le cose volgeranno sempre e comunque per il meglio.

Tra le citazioni del capodanno più romantiche:“The magic in new beginnings is truly the most powerful of them all”– Josiyah Martin

“La magia dei nuovi inizi è una delle forze più potenti in assoluto”. Avete presente l’inizio di un nuovo amore? Quando due anime s’incontrano, e con esse la possibilità di un nuovo sentimento mitigato tra due cuori, gli occhi cominciano a brillare. Di una luce sconosciuta. La quale rende il mondo un luogo favorevole allo sviluppo di una nuova vita. Un posto sul quale, anche se per pochi istanti, i problemi svaniscono. Resta solo lo sfarfallio di due menti che vogliono conoscersi. E che in qualche modo si convincono che la loro unione sarà l’unico modo per affrontare ed esplorare la vita. In tutte le sue sfumature. Ecco, questo sentimento riesce a caratterizzare molti nuovi inizi. Anche quello di un nuovo anno. Rendendo quest’ultimo una nuova meta che numerose persone desiderano visitare.

“There are better things ahead than any we leave behind”– C.S. Lewis

“Quel che ci aspetta è sempre migliore di ciò che ci lasciamo alle spalle”. Speranza o realtà? Non esiste una risposta univocamente corretta. Il punto è che non potendo cambiare ciò che è stato, possiamo solo concentrarsi sul presente e sul futuro. Tentando di modellarli al meglio. E sperando che da ciò che seminiamo nascano buoni frutti.

“The first step towards getting somewhere is to decide you’re not going to stay where you are”– J.P. Morgan

“Il primo passo per raggiungere una meta è di non restare dove ti trovi attualmente”. A volte sembra che si estenda un oceano tra le nostre intenzioni e le nostre azioni. La realtà è che spesso queste immense acque sono rappresentate dalla forza di volontà. Quel motore che ci permette di vivere con la V maiuscola. Mettendo in funzione quei meccanismi che consentono l’esistenza. Solo attraversando la distesa che ci separa dalla meta possiamo riuscire a raggiungerla. Ciò vale anche per la felicità e la serenità. Non sarà l’inizio di nuovi dodici mesi a garantircele. Piuttosto, l’intenzione di cominciare a scrivere queste pagine in maniera innovativa.

“Whatever it is you’re scared of doing, do it. Make your mistakes, next year and forever”– Neil Gaiman

“Fai ciò che ti spaventa. Sbaglia. Quest’anno e per sempre”. Ecco una delle citazioni sul capodanno più rivoluzionarie di sempre. La sua particolarità è radicata nell’uscita dalla cosiddetta “Comfort zone”, o “Zona di comfort”. Succede sovente di trattenerci dal cogliere le occasioni. Magari per timore. Per paura che queste condizionino in maniera negativa il nostro fluire. E se invece accettassimo una volta per tutte che anche le paure e gli errori fanno parte dell’esistenza? In questo modo, abbandoneremmo la tossica idea di un’esistenza perfetta. E ci immergeremmo nel mare in cui siamo catapultati alla nostra nascita.

“Tomorrow is the first blank page of a 365-page book. Write a good one”. -Brad Paisley

“Domani è la prima di di 365 pagine. Cerca di comporre un buon libro”. Cosa caratterizza un buon libro? Di certo, non necessariamente un finale felice e spensierato. Piuttosto, la capacità di attrarre i lettori e le lettrici. Di trattenerli/e. Di, come si suol dire, far sì che essi/e rimangano con gli occhi incollate alle pagine. Per adempiere a questo scopo è necessario creare una trama intrigante. Colma di colpi di scena. Di alti e bassi. Ecco perché la vita non può dirsi una linea retta continua. Poiché sono i suoi sussulti a renderla degna di essere esplorata.

Tra le citazioni sul capodanno, una al femminile: “Be the girl who decided to go for it”– Sconosciuto/a.

“Sii la donna che hai deciso di diventare”. Tra le citazioni sul capodanno, eccone una dedicata alle signore. È vero, chiunque dovrebbe essere libero/a di diventare chi desidera. Non si tratta di far prevalere un’identità su un’altra. Piuttosto, dobbiamo ricordare che la parità di genere è una meta ancora da raggiungere. Non in tutti gli ambiti e in tutti i paesi del mondo uomini e donne possiedono le stesse possibilità d’emergere. Succede ancora troppo spesso che le femmine vengano oppresse dalle controparti maschili. Accade tutt’oggi che la violenza prenda il sopravvento sulle loro vite. Facendo loro accusare un peso enorme. Ecco, facciamo sì che questo 2021 apporti un velo di pace. Contrastando l’ineguaglianza e promuovendo il reciproco rispetto.


Capodanno 2021 ad Auckland: in Nuova Zelanda si riparte