Ciro di Pers, voce della lirica barocca

Esponente del marinismo seicentesco, quella di Ciro di Pers è considerata una delle figure chiave della letteratura barocca

0
407
Ciro di Pers

Il 17 aprile del 1599 nasceva il celebre poeta barocco Ciro di Pers, esponente di spicco di quel marinismo arguto e ornato che, ispirato allo stile di Giovan Battista Marino, ebbe seguito in tutta Europa. Quale modo migliore di celebrarne la ricorrenza della nascita, allora, se non ripercorrendone la vita e apprezzandone la poetica?

Ciro di Pers, biografia in pillole

Unico figlio dei nobili Giulio Antonio e Ginevra Colloredo, nacque nell’avito castello di Pers (presso l’odierna Majano), situato nell’area friulana di Udine. Ciro ricevette i primi rudimenti letterari a Gemona, sotto l’egida dell’umanista Igino di Maniàco, studiando in particolare Virgilio, Orazio e Tasso. Dal 1613 fu per un quinquennio all’università di Bologna, dove condusse studi filosofici e teologici, intrattenendo intensi contatti con Claudio Achillini, Girolamo Preti e altri importanti personalità del mondo letterario.

Rientrato a Pers per la morte del padre, si innamorò di una giovane parente, Taddea di Colloredo, dalla quale si vide però respingere una proposta di matrimonio. La bruciante delusione amorosa lo indusse a chiedere di entrare nell’ Ordine gerosolimitano dei Cavalieri di Malta, che nella primavera del 1626, dopo il consueto scrutinio genealogico, lo accolse tra le sue file. Partì quindi alla volta di Pisa, sostando a Venezia, dove strinse amicizia con Pietro Michiele, a Ferrara, a Bologna, dove conobbe Fulvio Testi, e a Firenze. Raggiunta Pisa, si imbarcò per Malta, dove approdò nel maggio del 1627. Dopo due anni e mezzo di servizio nell’isola, durante i quali partecipò attivamente a missioni militari contro i Turchi, ottenne il permesso di rimpatriare a Pers.

Di qui, dopo la morte della madre (1633), si trasferì a San Daniele. Negli anni che seguirono, Ciro gravitò su Venezia. Qui venne affiliato all’Accademia degli Incogniti, e su Udine, dove dal 1658 prese a frequentare la corte di Giovanni Delfino, patriarca di Aquileia. Nel 1650 lo troviamo però in pellegrinaggio a Loreto, e tra il 1655 e il 1657 a Roma e Bologna. Al giro del decennio cominciò ad accusare seri problemi di salute, causati da un’invalidante calcolosi. La morte lo colse, nel castello natio, il 7 aprile del 1663.

La produzione letteraria di Ciro di Pers: cosa scrisse il poeta?

Malgrado qualche episodica circolazione delle rime di Ciro di Pers sia attestata già nel 1638, l’insieme del suo corpus poetico giunse alle stampe postumo. Le prime due edizione delle poesie di Ciro videro infatti la luce nel 1666 a Firenze, per le sollecite cure di un cugino del poeta, Carlo di Pers, e a Vicenza (Poesie del cavalier fra’ Ciro di Pers, Firenze, All’insegna della stella, 1666, e Poesie del cavalier fra’ Ciro di Pers, Vicenza, Giacomo Amadio, 1666).

Furono le prime di una lunga serie di edizioni e ristampe (oltre una dozzina), che culminò nella ricca edizione veneziana del 1689. Essa viene introdotta da una “Vita del Cavalier fra’ Ciro, signore di Pers” (Poesie del cavalier fra’ Ciro di Pers, dedicate alla sacra cesarea maestà di Leopoldo imperatore augusto pio pannonico, Venezia, Andrea Poletti, 1689). Ciro di Pers mise mano anche alla composizione di opere drammatiche: si ricorda, infatti, la tragedia L’umiltà esaltata, ovvero Ester regina. Scritta intorno al 1659, essa fu pubblicata in prima edizione a Bassano nel 1664 e riproposta anche dall’edizione veneziana del 1689.

La poetica marinista

Nel complesso, il corpo delle poesie di Ciro conta più di trecentocinquanta componimenti, in gran parte sonetti, che toccano l’intero spettro tematico della lirica barocca. Accanto alle poesie amorose, fra cui spiccano quelle per la Colloredo (cantata con l’eteronimo di “Nicea”) troviamo carmi civili. Tra questi spiccano le canzoni per l’Italia “avvilita” e “calamitosa”, meditazioni in morte, versi d’occasione e poesie di argomento religioso e morale.

Una parte non marginale della sua produzione poetica è pervasa da un acuto sentimento della fugacità del tempo e della precarietà della condizione umana. Questi sentimenti vengono declinati dal poeta secondo i modi caratteristici del linguaggio barocco, con una tensione etica e un’intensità espressiva affatto particolari. Anche per questo la poesia del Pers è talora indicata come una delle manifestazioni più mature e significative del secentismo lirico italiano.

Piaciuto l’articolo? Se la letteratura è la tua passione e vuoi scoprire di più della poesia italiana, perché non dai un occhio all’articolo sulla scuola siciliana?

Commenti