Cinque auto che non hanno mai visto la luce

0
232

Capita, qualche volta, che alcuni progetti rimangano tali, e non vengano mai concretamente realizzati. Ecco cinque auto che si sono fermate al concept.

Quali cinque auto non sono mai state prodotte?

In questo caso parliamo della Casa automobilistica Fiat. Alcune di queste cinque auto sono state valutate per una produzione di serie, e a volte anche programmate: ma poi l’intera vicenda si è risolta in un nulla di fatto. Esaminiamole una alla volta.


Fiat 500 La Prima versione speciale by Bocelli


Fiat 500 Coupé Zagato

Quest’auto è stata presentata al Salone dell’Auto di Ginevra nel 2011. Era una variante 2+2 della 500, con una doppia gobba sul tetto. L’idea di progettazione era nata dalla necessità di avvicinare la clientela maschile all’acquisto della Fiat 500, ancora oggi in minoranza. Il suo motore era un Twinair a benzina da 0.9 litri e 105 CV, lo stesso dell’Alfa Romeo MiTo. Questo modello sarebbe dovuto entrare in produzione nelle intenzioni di Sergio Marchionne, ma l’idea non si realizzò mai.

Fiat Lucciola

Facendo un salto indietro nel tempo arriviamo al Salone di Torino del 1992, dove troviamo quest’auto, inizialmente denominata Cinquecento ID. Era un prototipo dell’Italdesign di Giugiaro, ed era stata presentata in compagnia di altre concept sviluppate da ingegneri piemontesi. Nelle intenzioni sarebbe dovuta essere l’erede della segmento A di Torino, e poi ribattezzata Lucciola per via dei nuovi fari circolari anteriori. La Lucciola non ebbe fortuna in Fiat: in compenso, la Daewoo ritenne valido il progetto, e lo utilizzò nel 1998 per dar vita alla Matiz.

Fiat Nitro

Quest’auto nasceva nel periodo in cui Fiat cominciava l’acquisizione della Chrysler. In quel momento la Casa torinese pensava ad interazioni con marchi americani, e tra queste la Dodge (ciò accadeva all’inizio dello scorso decennio). L’idea dunque era di un rebadging della Dodge Nitro, che potesse interessare anche il mercato europeo. Nemmeno questo progetto però venne mai realizzato, al contrario della Fiat Freemont (Dodge Journey).

Fiat Barchetta Coupé

La Barchetta Coupé nasceva come idea nel 1996, da un design di Andreas Zapatinas. Il progetto non convinse però l’ingegner Paolo Cantarella, allora Amministratore Delegato della Fiat. Anche quest’auto, quindi, non venne mai realizzata.

Fiat Grande Punto Cabrio

Al Salone di Ginevra del 2006 fece la sua comparsa la Grande Punto, e da essa si pensò di ricavare nuove versioni. Una di queste era la Bertone Suagnà, ispirata alle coupé* cabriolet di piccole dimensioni. Aveva un tetto rigido retraibile e la carrozzeria diversa dal suo modello di partenza. Un’altra versione era invece la Fioravanti Skill, più fedele all’originale: un modello poliedrico, con carrozzeria atta a diverse interpretazioni. Tetto roteabile, che si apriva e si collocava nel baule con un solo movimento. Nessuna delle due entrò mai in produzione.