sabato, Luglio 20, 2024

Cina: più potere per Xi Jinping

La Cina ha annunciato riforme strutturali della leadership del Partito Comunista cinese. Secondo gli analisti, tali riforme daranno più potere al presidente della Cina Xi Jinping.

Più potere al presidente della Cina Xi Jinping

La Cina ha annunciato riforme strutturali della leadership del Partito Comunista cinese. Secondo gli analisti, tali riforme suggeriscono un ulteriore tentativo di consolidare il potere politico nella mani del presidente Xi Jinping. Secondo quanto riferito, le riforme infatti potrebbero portare i rami della sicurezza e dell’intelligence del governo sotto il controllo diretto del partito al governo, piuttosto che del gabinetto del paese. L’emittente statale CCTV ha riferito che Xi ha dichiarato a un incontro politico di alto livello a Pechino che la prossima sessione del parlamento cinese, l’Assemblea nazionale del popolo, vedrà il partito rafforzare la “leadership unificata” sulle istituzioni scientifiche e tecnologiche, nonché su le istituzioni finanziarie del paese e oltre la “responsabilità del governo”. L’annuncio suggerisce che ulteriori repressioni interne arriveranno all’interno del governo e del partito.

La creazione di un comitato per gli affari interni

Gli analisti affermano che le riforme includeranno probabilmente la creazione di un potente comitato per gli affari interni sotto la guida centrale del Partito Comunista di Pechino. A differenza di altri comitati e commissioni, è improbabile che i governi locali siano chiamati a istituire i propri rami locali del comitato per gli affari interni, che saranno gestiti dall’alto verso il basso da Pechino.

Tale piano, se attuato, porterà ad un controllo ufficiale senza precedenti nella vita personale e politica delle persone. Gli analisti affermano anche che le riforme potrebbero riportare la Cina agli anni ’50. Prima dell’ascesa al potere di Xi, i dipartimenti governativi in ​​genere fungevano da utile freno ai progetti personali dei leader, garantendo almeno una certa misura di controlli interni ed equilibri sul potere degli individui all’interno del partito-stato. Da quando ha preso il potere nel 2012, Xi ha già rafforzato il proprio potere personale a scapito di altri leader di alto rango, in particolare del suo premier. Secondo gli analisti, la creazione di un Commissariato degli Affari interni riporterà la Cina su un piede di guerra e porterà il partito ad avere il controllo su tutto. Gli analisti infine affermano che le riforme porteranno alla fusione tra partito e Stato.


Leggi anche: Xi Jinping consolida il suo potere

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles